Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

"ARMI E BAGAGLI" di Madeleine Urban e Abigail Roux

Armi e bagagli

TITOLO: Armi e bagagli

TITOLO ORIGINALE: Cut & Run
AUTRICE: Madeleine Urban e Abigail Roux
TRADUZIONE: Cornelia Grey
CASA EDITRICE ITALIANA: Dreamspinner press
CASA EDITRICE ORGINALE: Dreamspinner press
GENERE: Suspance
AMBIENTAZIONE: Stati Uniti D’America
SERIE: 1° Romanzo della serie “Armi & Bagagli”
E-BOOK:
PREZZO: $6,99 su  Dreamspinner
PAGINE:437
TRAMA:  Una serie di omicidi affligge la città di New York. L’FBI e la polizia brancolano nel buio: si sospetta che il killer sia uno solo, ma gli indizi sono talmente scarsi e indecifrabili da non fornire alcuna pista. Quando a rimetterci le penne sono due agenti del Bureau, però, il caso diventa di importanza vitale per l’FBI. L’agente speciale Ty Grady è reduce da un incarico sotto copertura finito molto male. È arrogante e litigioso, ma è anche il migliore in quello che fa. Quando però lo mettono in coppia con l’agente speciale Zane Garrett, è odio a prima vista. Garrett è l’agente modello: serio, sobrio e devoto − il che rende la loro collaborazione la classica accoppiata ‘sbirro buono-sbirro cattivo’, gli opposti complementari. Entrambi gli agenti capiscono, da subito, che la vera difficoltà del caso non sarà l’assenza di indizi, quanto il dover lavorare insieme. Appena arrivati sul posto, però, l’assassino colpisce ancora − e questa volta il mirino è puntato su di loro. Costretti a fuggire e a nascondersi, e al tempo stesso decisi a scovare l’uomo che li ha presi di mira, Grady e Garrett devono trovare il modo di lavorare insieme − e alla svelta, se non vogliono diventare altre due tacche sul coltello dell’assassino.

“Armi e bagagli” è un  suspance in cui viene raccontata la storia di due agenti dell’FBI, Ty Grady e Zane Garrett. Due persone totalmente differenti l’uno dall’altro che si trovano loro malgrado a lavorare come partner per risolvere un caso che coinvolge il Boureau proprio dall’interno.

“La donna tirò su col naso mentre osservava il viso non rasato, la giacca di pelle consunta, i jeans e gli stivali da cowboy sporchi. Per non parlare della maglietta – […]. Era nera, con una grossa scritta bianca sul petto: “FBI Paesi Bassi”. Guardandolo meglio, la segretaria intravide delle parole più piccole fra quelle grandi e strizzando gli occhi riuscì a leggere l’intera frase: “L’FBI mi ha ispezionato i Paesi Bassi”.

“Questa alzò gli occhi sorpresa. “Agente Speciale Garrett, grazie per la puntualità.” Lo squadrò da capo a piedi e fece cenno d’approvazione al completo blu e alla cravatta di seta.”

Lavorare insieme, però, non è così semplice, ognuno di loro ha un passato difficile e qualche scheletro nell’armadio che torna ogni tanto a tormentarli e a incasinare loro la vita. Nonostante le apparenti differenze, una cosa li accomuna: il voler risolvere il caso a tutti i costi anche se le motivazioni che li spingono a farlo non sono le stesse. Ty vuole vendicare il suo amico e compagno d’armi Sanchez che è stato appena ucciso dal serial killer, mentre Zane ne fa una questione di orgoglio e prestigio personale: dopo aver perso la moglie, non può permettersi di perdere anche il lavoro.
Tutto ciò, però almeno all’inizio, si è rivelato abbastanza estenuante, soprattutto per Zane.

“Zane tornò a concentrarsi sulla cena. Ty non era solo bravo a capire i giochetti mentali; era anche bravo a giocarli. Rispondergli a tono era stancante, ma anche divertente – quasi. Zane sapeva che quella strana accoppiata non sarebbe durata a lungo e ora non riusciva a decidere se aveva sentimenti ambivalenti al riguardo o, peggio ancora, se ne era deluso. Avevano una vaga possibilità di diventare un team formidabile.”

“Zane si fermò e si voltò a guardarlo trascinarsi per gli ultimi metri fino all’albergo. Raggiunse la macchina meditando sul puzzle incomprensibile che era il suo nuovo partner. Nei momenti migliori l’uomo lo faceva infuriare, e in quelli peggiori era un bastardo completo. Però doveva ammettere, anche se a malincuore, che sul lavoro non era affatto male.”

Il carattere di Zane e Ty si sviluppa lungo  tutto il romanzo e sono troppo forti i battibecchi tra i due partner che non perdono occasione per punzecchiarsi e prendersi in giro.
Mano a mano che si immergono nell’indagine e cominciano a scoprire dei dettagli, diventano il bersaglio del killer, così non hanno scelta, o uniscono le forze e cominciano a lavorare seriamente insieme come farebbero dei veri partner o rischiano di essere loro due le prossime vittime.

“Ty rimase accucciato vicino al letto per lungo tempo, la fronte agrottata mentre guardava il viso del suo partner. Riflettendoci seriamente, realizzò che forse gli sarebbe davvero mancato, quel tizio. Magari anche solo perchè era così divertente dargli fastidio. “Accidenti a te”, mormorò piano.”

Cominciano a vivere a stretto contatto, dormono nella stessa camera per potersi proteggere le spalle l’un l’altro, ma la tensione, mista all’adrenalina e alla vicinanza forzata non possono che sfociare in qualcosa di più che una partnership lavorativa.

“Ty lo afferrò e lo tirò giù per baciarlo di nuovo, sforzandosi di non pensare alle conseguenze, o avrebbe preso armi e bagagli e tagliato la corda, per andare il più lontano e il più veloce possibile. Zane grugnì quanto atterrò contro il petto di Ty, le gambe divaricate per colmare quei cinque centrimetri di altezza che lo dividevano dall’uomo.”  

Da questo punto in poi vi posso solo più dire che indagini, sesso ed emozioni forti si uniscono diventando un intreccio inestricabile fino alla fine.  

“Ty lo lasciò allontanarsi, con un peso sul petto e una sensazione d’incertezza nel resto del corpo. Sembrava che non riuscisse a provare altro che senso di colpa a meno che Zane non fosse vicino a lui. Perchè mai? Perchè aveva bisogno di Zane per provare emozioni?” 

Questa di sicuro è la ennesima recensione che leggete di “Armi e bagagli” anche perchè è stato pubblicato nel 2013 per cui direi che è già stato detto di tutto su questo romanzo ed è per questo che voglio dire anche io la mia e consigliare questo suspance a chi ancora non lo avesse letto. 
E’ il primo romanzo che leggo della Urban e della Roux e se devo essere sincera ho sempre pensato che i romanzi a quattro mani risultassero spesso incasinati e difficili da leggere. Di sicuro però non è questo il caso. I due personaggi hanno una lenta ma costante evoluzione durante tutto il romanzo, vengono analizzati nel loro profondo senza cadere mai nel melodrammatico e così come loro, anche la storia si rafforza con il passare del tempo e delle pagine. Durante tutto il libro ho avuto qualche sospetto su chi fosse il killer, ma non ho potuto averne la conferma fino alla fine e questo grazie e soprattutto alle abilità delle due autrici di cambiare direzione al romanzo e di spostare l’attenzione del lettore lontano dal fulcro proprio quando pensavo “Ecco è lui, ne sono sicura!”. 
Un’altra cosa molto interessante è stata la fine: il libro non si è chiuso con la risoluzione del caso come normalmente avviene nei gialli, ma le autrici si sono soffermate ancora una volta sui personaggi e sulla loro vita insieme o meglio su quella che dovrebbe essere poi la loro vita insieme: la storia d’amore e l’intreccio lavorativo hanno la stessa importanza e il portare avanti l’uno non esclude, nè mette in secondo piano l’altro. Il linguaggio usato nelle scene hot non è mai troppo spinto, anzi direi proprio il contrario, per cui mi sento di consigliarlo anche a chi si sta avvicinando ai romanzi M/M o non ne ha mai letto uno.
Unica pecca, che però non ha scalfito la mia valutazione, è il costante cambio di punto di vista durante tutta la narrazione: all’inizio più essere un po’ pesante, ma poi ci si fa l’abitudine e la lettura scorre fluida e senza particolari intoppi.
Per quanto riguarda le cover, ho poco da dire, avrei preferito qualche bell’agente muscoloso invece di qualche immagine astratta, ma non si può avere tutto dalla vita.

CURIOSITA’: La serie di “Armi e bagagli” comprende in tutto otto romanzi di cui per il momento solo due sono stati tradotti, “Armi e bagagli” e “Forza e Coraggio” mentre gli altri sei, “Fish & Chips”, “Divide & Conquer”, “Armed & Dangerous”, “Stars & Stripes”, “Touch & Geaux” e “BAll & Chain” (più una storia breve, “Dine & Dash”) li possiamo solo leggere in inglese. 

      
       

Tutti e otto ruotano intorno a Ty e Zane e al loro lavoro come agenti speciali dell’FBI, raccontandoci le loro avventure lavorative e non.
I primi quattro sono stati scritti a quattro mani dalla Urban e dalla Roux, la quale ha poi completato la serie da sola a causa di alcuni problemi familiari che hanno tenuto la sua compagna lontano dalla scrittura.
Come andrà a finire? Riusciranno Ty e Zane  a mettere da parte le loro differenze e a vivere una vita come tutte le altre coppie per più di sei mesi? Come dico sempre, lo scopriremo solo leggendo…

Romanzo a 5 stelle!
 

2 commenti su “"ARMI E BAGAGLI" di Madeleine Urban e Abigail Roux

  1. Romy
    25 luglio 2014

    Questa è di gran lunga la mia serie preferita.
    Come non si fa a non amare Ty e Zane?Due splendidi esemplari di uomini sconvolgenti e imperfetti..Non vedo l'ora che esca il terzo *.*

    Mi piace

  2. Francesca Giraudo
    26 luglio 2014

    Io sto iniziando il secondo. Mi sa, conoscendomi che dovrò leggere gli altri in inglese. Non so se riuscirò ad aspettare! Ormai sto leggendo quasi tutto in lingua originale!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25 luglio 2014 da in Suspence con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: