Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

“L’ULTIMA CONCUBINA” di Catt Ford

L'ultima concubina
TITOLO: L’ultima concubina
TITOLO ORIGINALE: Last concubine
AUTORE: Catt Ford
TRADUTTRICE: Stella Mattioli
COVER ARTIST: Catt Ford
CASA EDITRICE: Dreamspinner Press
GENERE: Storico
EBOOK: Si
PAGINE: 229
PREZZO: $ 6,99 su Dreamspinner
DATA USCITA: 21 ottobre 2014
TRAMA: Quando la principessa Lan’xiu, contro la propria volontà, viene consegnata dal fratello come offerta all’harem del generale Hüi Wei, la sua unica domanda è quando il suo segreto sarà scoperto. Non si fa illusioni: quando il generale scoprirà che lei è in realtà un lui, la morte sarà il suo unico futuro, anche se non ha intenzione di arrendersi. Lan’xiu si è vestito da donna per tutta la vita, ma non è fragile. Sa usare una spada come i migliori guerrieri.
Il generale Hüi Wei ha tutto quello che un uomo può desiderare: potere, ricchezza, successo sul campo di battaglia e un harem di concubine. All’inizio guarda Lan’xiu con sospetto, ma si sente stranamente attratto da lei. Quando scopre che la bellissima giovane in realtà è un uomo, la sua prima reazione è quella di estrarre la spada. Piuttosto che sprecare una tale bellezza, decide di godere della sottomissione di Lan’xiu: la principessa accende una passione e un desiderio profondi, che egli non ha mai provato per le altre mogli. Ma gli intrighi di corte, le ambizioni politiche e i dubbi del generale potrebbero essere un ostacolo troppo grande per il loro amore.
 
Lanterne1

Lanterne2
LILIA

ChibiLiliaDopo Una mano forte ero curiosa, e allo stesso tempo impaziente, di leggere un altro romanzo di Catt Ford. Caspita, mi son detta, è uno storico! E che storico. Chi mi conosce da tempo, e chi lo farà nei prossimi mesi, sa che io adoro quella parte del mondo in tutte le sue sfaccettature. Giappone, Cina e oriente in generale mi appassionano e mi attraggono da sempre, con la loro storia, la cultura, le tradizioni, e poter essere trasportata nella Cina Imperiale con una storia M/M, era davvero il meglio che potessi chiedere. Già dalle prime pagine, ci immergiamo in una storia ricca di particolareggiati dettagli dell’ambiente che ci circonda, quasi come se anche noi fossimo entrati in punta di piedi nel romanzo. Come erano organizzate le case riservate alle mogli e alle concubine, le minuziose descrizioni degli abiti e dei gioielli e il racconto del lento passare del giorno, in attesa di vedere davanti a quale casa sarebbe stata accesa la lanterna, la trepidazione di sapere quale moglie avrebbe allietato parte della notte del suo signore. Il periodo non è ben precisato, ci viene detto che siamo durante la dinastia Qing, quindi dalla metà del ‘600 fino ai primi del ‘900 del secolo scorso, anche se dalla frequenza di guerre e battaglie per conquistare provincie e ampliare il territorio da parte dei governatori, fa pensare che la vicenda si svolga agli albori di questa dinastia. Ed è proprio per un ambizioso tentativo da parte di uno di questi governatori, di una provincia all’interno del paese, che inizia la storia della principessa Lan’xiu.

Lan’xiu, giovane diciottenne, è stato cresciuto dalla madre come se fosse una donna, per tenerlo fuori dagli intrighi e dalle macchinazioni del fratello Wu Min, lo veste con seta pregiata, gli fa indossare gioielli, gli acconcia i capelli, il tutto come una principessa di alto rango. Anche se Lan, grazie al suo servitore eunuco Ning, non disdegna di certo di maneggiare abilmente una spada. Però Wu Min scopre il segreto di Lan, uccide sua madre e per sbarazzarsi della scomoda sorella e, allo stesso tempo, raggiungere il suo scopo di ampliare le sue terre fino al mare, decide di darla in dono al generale Qiang Hüi Wei, sicuro che, quando questi scoprirà la verità, metterà a morte la giovane principessa. Ed è proprio questo che sta per accadere. Questa è la prima reazione di Hüi Wei nello scoprire che la bellissima principessa è un ragazzo. Ma il generale non ha fatto i conti con i sentimenti. Lan è docile, gentile e intelligente, sa tenere vivo l’interesse in una conversazione, ma, cosa non indifferente, accetta ogni novità nel rapporto amoroso con Hüi, anche quello di essere dominato. Tutto questo piano piano fa scoprire al generale sentimenti che non ha mai provato, per nessuna delle altre mogli, arrivando a innamorarsi perdutamente della sua Lan’xiu.

Proprio le altre mogli, che occupano le rispettive sei case all’interno della fortezza, sono l’altro elemento importante del romanzo. Tra tutte spiccano Mei Ju e Ci’an, rispettivamente la Prima e la seconda moglie. Ci’an è l’elemento destabilizzante all’interno dell’armonia che si è venuta a creare all’interno della casa, anche se forse il suo comportamento è il meno ipocrita rispetto alle altre, che a volte sembrano voler andare d’accordo per forza. E’ gelosa del suo signore e invidiosa delle altre mogli, ed è disposta a tutto pur di avere per lei tutte le attenzioni di Hüi Wei. Poi c’è Mei Ju, la Prima moglie, che potrebbe sfruttare il suo essere privilegiata nei confronti delle altre, soprattutto verso l’ultima concubina, ma la dolcezza e l’umiltà di Lan’xiu la conquisteranno, portandola a provare quasi un sentimento di protezione nei confronti della giovane principessa.

Per concludere, tra intrighi, morti tragiche, battaglie e amori, devo dire che questo libro mi ha conquistata. Catt Ford mi ha conquistata! Per me è stata una piacevole conferma, unendo nel migliore dei modi due generi, M/M e storico, che io adoro.

Per ME Romanzo da 5 stelle 

 

6 commenti su ““L’ULTIMA CONCUBINA” di Catt Ford

  1. Pingback: Nuova uscita: 21 ottobre – L’ultima concubina di Catt Ford | Dreamspinner Press - Italiano

  2. tittita
    27 ottobre 2014

    Aspetta impaziente il nuovo libro di C. Ford (avendo letto Mano Forte) e anche se l’Ultima Concubina non è un genere BDSM mi è piaciuto per l’ambientazione storica. Spero pubblicherete pto altri libri (meglio BDSM) di questo autore

    Piace a 1 persona

    • Romina
      27 ottobre 2014

      Questa autrice piace moltissimo anche noi ,come te ci auguriamo che la Dreamspinner decida di pubblicarne ancora..

      "Mi piace"

  3. Ely Volpe (elyxyz)
    15 aprile 2015

    Questo è il primo libro di Catt Ford che leggo; avevo trovato pareri entusiasti e mi era stato caldamente consigliato, quindi mi sono fidata.
    L’impressione complessiva è senza dubbio positiva, devo dire che la trama è veramente coinvolgente, lo stile è pulito, curato, le descrizioni sono così ben delineate che sono rimasta avvinta, tanto da leggerlo in meno di un giorno – non riuscivo proprio a staccarmi!
    Ho apprezzato la minuzia con cui è avvenuta la ricostruzione storica, le abitudini – usi e costumi del tempo – sapientemente illustrate e spiegate senza essere pesanti.
    Ci sono tuttavia alcune cose che mi hanno fatta storcere il naso, per esempio l’ambiguità di pronomi e aggettivi con cui ci si riferisce a Lan dopo aver scoperto la verità. La cosa non crea confusione nel lettore, ma lo trovo un mescolamento fastidioso e inutile, soprattutto quando è presente nella stessa frase.
    Alcuni passaggi di trama mi hanno lasciato un po’ perplessa (per esempio l’inattesa forza di Lan dopo l’avvelenamento e la lotta), ma non pregiudicano una storia che rimane comunque valida.
    Le scene di sesso sono esplicite, talvolta un po’ rudi e tal’altra dolcissime. Alla fine, quel che resta è una bella storia d’amore.

    "Mi piace"

    • selvaggia
      15 aprile 2015

      E’ senz’altro diverso da una Mano forte, questo è vero, e anche io come te ho apprezzato molto la ricerca del dettaglio storico. Penso che scrivere un romanzo ambientato in un’epoca del passato, specie un mm, sia davvero una cosa difficile, perchè deve essere sempre tenuto presente il contesto storico nel quale l’intreccio va ad inserirsi. Io, per esempio, mi aspettavo grandi problemi circa l’omosessualità dei protagonisti ed invece a quanto pare, nella Cina del passato c’era maggiore apertura mentale che nell’Italia di oggi (scusa la vena polemica). Per quanto riguarda l’uso un pò ambiguo dei pronomi, penso che l’autrice abbia volutamente mescolato il lui e il lei per rendere ancora più emblematico il fatto che Lan, in ultima analisi, fosse un uomo che amava vestirsi da donna, e per quanto riguarda la lotta…a me piace pensare che sotto tutti gli strani di stoffa, Lan fosse un vero uomo, con la forza propria di un uomo…ehehehehe…che dici, mi sto arrampicando sugli specchi? Perdonami, ma adoro Catt Ford e spero tanto di poter leggere qualcos’altro di suo al più presto. Alla prossima

      "Mi piace"

  4. elyxyz (@elyxyz)
    15 aprile 2015

    Concordo con te sul fatto che rimanere storicamente accurati sia una faticaccia e lo dico per esperienza (Ho scritto una storia – di 90 capitoli – m/m in pieno Medioevo).

    Riguardo l’aspetto omosessuale, ti do ragione, è sempre una scelta azzardata inserirlo in un contesto, se non si hanno le conoscenze giuste. Per esempio, tutta la parte del mondo politeista del passato non aveva i ‘blocchi mentali’ del cristianesimo (lo dico senza critica, ma come dato di fatto): nell’antica Grecia, gli amore gay erano liberissimi, così nel Giappone e nella Cina antichi. È probabile che lo fossero anche nelle altre culture animiste, ma su questo non ho competenze.

    Trovo interessante la tua spiegazione sull’uso duplice dei pronomi, ha anche un senso. Diciamo solo che a me, per gusto personale, dava fastidio. XD

    Oh, sì. Indubbiamente Lan era forte e molto allenato… ma la capriola/piroetta mezzo moribondo è un po’ troppo, no? XD

    Ad ogni modo, anche se non amo il genere BDSM trattato daFord, sarei curiosa di leggere altro di suo!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 ottobre 2014 da in Romance, Storico con tag , , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: