Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

GIROVAGANDO NEL WEB: “GENERATION OF LOVE” di Matteo B. Bianchi

generation of love

TITOLO: Generation of love
AUTORE: Matteo B. Bianchi
CASA EDITRICE: Dalai Editore
GENERE: Biografico
PAGINE: 172
Formato: cartaceo
Prezzo: € 12,00 nei migliori store
Data uscita: 6 Maggio  2008

Trama :Un giovane di area lombarda racconta la sua adolescenza e la sua giovinezza: dalla scoperta della propria omosessualità alle prime amicizie, maschili e femminili, i rapporti con la famiglia, con la scuola e poi l’università, le prime delusioni e i primi scontri. Ne viene fuori un ritratto, un quadro generazionale di grande vivacità. L’autore si diverte, imita le soap opera, ironizza con se stesso e la sua vita. La sua prosa imita il mondo delle canzonette, i suoi idoli sono quelli del gioco parodistico più scoperto. La sua sessualità è vista come una scelta esistenziale accettata e serenamente vissuta. Ne nasce così una visione attuale dei giovani di oggi assolutamente inedita.

 

Mrs DarcyMi sono innamorata di questo libro per varie ragioni la più importante delle quali è che descrive la mia generazione ed è sempre intrigante ritrovare pensieri, citazioni o situazioni conosciute o provate di persona. Per esempio, l’inter-rail l’ho fatto anch’io nel 1990 anche se non con gli stessi intenti descritti nel libro e, ahimè, neppure con gli tessi risultati: tanti musei, tanti km, nessun fidanzato portoghese. Questo libro mi ha talmente entusiasmato da aver letto per la prima volta anche le note a fine libro.
“Ci sono quelli che hanno avuto il ’68, Woodstock, la rivoluzione sessuale, gli anni di piombo, il post-comunismo.
La mia generazione ha avuto Wanna Marchi.
Fin da quando ho raggiunto l’età della ragione, ho sentito ripetermi dal televisore che eravamo grassi, lardosi, brutti, che facevamo schifo. Ma che bastavano duecentomilaaaa lire e tutto si sarebbe risolto.
Io crescevo, Wanna denunciava la decadenza fisica e metafisica del mondo, e io la capivo. Tutta la mia generazione la capiva.
Lei gridava: “D’acordooo?” E noi, evidentemente, lo eravamo.”

Essendo praticamente una biografia scritta dall’autore stesso, la narrazione è ovviamente in prima persona, quindi lo ritroviamo contornato dai suoi genitori, dalla sorella-complice Caterina, dal gruppo di amici tra cui l’alleato Claudio, il primo gay conosciuto da bambino, il vivace e simpatico Massimiliano, la prima cotta Sergio, l’etero-gay che penso sia in voga ancora adesso, i tradimenti degli amici, le avventure di una sera e infine l’amore inaspettato.
Un’altra ragione per cui ho amato questo libro è stato lo scoprire un mondo diverso e parallelo alla vita che conducevo allora, il mondo gay quando ancora i gay, passatemi il termine, non esistevano. Ebbene sì, negli anni ‘80 e anche un po’ negli anni ’90, i gay non esistevano, esistevano solo uomini (donne no, assolutamente no) strani, malati e vagamente pericolosi, definiti con nomi di solito offensivi scelti tra gli ortaggi e i termini dialettali più beceri. Vedendo e ascoltando i cantanti di allora mi sembra impossibile non avere mai intuito nulla, visto che alcuni di loro lo sembravano pure gay: Boy George, per esempio, un bel ragazzo vestito in modo eccentrico, George Michael eterissimo secondo il gossip, ma rivisto adesso mi farebbe pensare subito a un omosessuale , i Duran Duran e gli Spandau Ballet che si truccavano e si impomatavano in modo a volte imbarazzante (vabbè che era la moda, ma parliamone).
Poi il cinema, dove prima i gay erano descritti solo come macchiette imbarazzanti, poi con l’entrata in scena dell’Aids si avevano solo tragedie e fiumi di lacrime, praticamente erano esseri votati all’infelicità e al martirio, sempre destinati a fini terribili.
Rileggere questi anni descritti in modo dissacrante e divertente, a volte in modo più leggero e a volte con riflessioni molto profonde, mi ha intrigato e, lo ammetto, commosso. Le citazioni della tv di allora e le canzoni forse datano la storia, ma credo che anche i giovani di oggi potrebbero trovare interessante comparare la loro vita attuale con quella del passato e magari, quando pensano ”non riusciamo a cambiare nulla! non riusciremo mai ad arrivare a quel risultato” questo libro potrebbe far loro capire che, un tempo non troppo lontano, molte cose di oggi erano impensabili.
Trent’anni fa ho visto 2 ragazzi baciarsi in una grande città e ne sono rimasta scioccata. In famiglia, nella tv, al cinema, sui giornali, a scuola il tema omosessuale non era mai sfiorato; unioni o matrimoni gay? Eh, Cosa, ma dai?!

“La vita di un omosessuale è fatta di microdrammi. Una continua telenovela del dubbio: lo dico o non lo dico? Come un topografo incerto, è perennemente indeciso su quali siano i confini fra la libertà individuale e il rispetto degli altri, dove arrivi il proprio diritto a vivere come vuole e dove cominci la necessità di rispettare le persone che gli sono vicine.
E quando “le persone” sono i propri genitori il topografo impazzisce. Alla fine rimane circondato in un quadratino in cui ogni passo è un rischio, con la sensazione, terrificante, che la propria felicità sia un’arma che prima o poi possa traboccare, ustionando chi gli è vicino”

Certo, non viviamo in un mondo perfetto e la strada è ancora lunga, ma se si confronta la vita del protagonista con quella di un ragazzo di oggi si trovano sì molte cose in comune, come i sentimenti contrastanti, le paure e i turbamenti, ma è il mondo intorno a loro per fortuna a essere diverso, non perfetto (non lo sarà mai) ma meno ostile e alieno.
Ora la nota dolente: questo libro purtroppo è quasi introvabile, dopo averlo finito ho cercato invano sia l’e-book che il cartaceo e non ho trovato nulla. Se qualcuno di voi riesce a procurarsene una copia, se la tenga stretta, da parte mia cercherò di leggere tutti i libri di quest’autore su cui riuscirò a mettere le mani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 giugno 2015 da in biografico, Young adult con tag , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: