Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “CUORE SATELLITE” di Pierpaolo Mandetta

cuore satellite

TITOLO: Cuore Satellite
AUTORE: Pierpaolo Mandetta
CASA EDITRICE: Youcanprint
GENERE: Romance
E-BOOK:
PAGINE: 128 pagine
DATA DI PUBBLICAZIONE: 9 Giugno 2015
PREZZO: € 4,99
TRAMASi sa, i giovani gay non vedono l’ora di lasciare la provincia per la volta delle grandi città. Grindr che scoppia, palestre aperte fino a tardi, ampia scelta in discoteche. Ma c’è chi resta. Chi è attaccato alle piccole cose. Chi alla famiglia. Chi ai profumi della pasta fatta in casa o dei fiori di campo.
I gay di paese non mangiano sushi all’all you can eat, ma pranzano alla tavola calda con una parmigiana. Non scappano dalle madri in un bilocale a pezzi con due coinquilini, ma campano fino ai trent’anni nella stanzetta di sempre, con tutti i parenti nel quartiere. Non litigano con i fidanzati su Whatsapp, ma si minacciano alla finestra. Paolo ha ventisette anni, vive a Salerno e ha un negozio di fiori. Sembra un giovane come tanti. Ha un’amica che cucina, un ragazzo che lo ama, Enzo, e una grande, strana famiglia. Paolo, però, nasconde un segreto. Un segreto che lo segue con due gambe e lo spinge a rifiutare l’amore, visto come un satellite che non riesce a toccare. Quando le voci delle nonne lo mettono in guardia sul futuro, decide di correre ai ripari. Prima che l’estate giunga a Salerno, Paolo sarà costretto a riabbracciare il suo cuore satellite.  

 

SelvaggiaIn un afosissimo pomeriggio di un paio di settimane fa, mi sono trovata a girellare in gruppi e forum alla ricerca di qualcosa che attirasse la mia attenzione e, per la cronaca, ci vuole parecchio perché purtroppo uno dei miei più grossi difetti è la tendenza ad annoiarmi facilmente.
Per puro caso ho letto una frase di questo scrittore che pubblicizzava senza tante infiorate il suo libro “Cuore Satellite” e la frase in questione era la seguente (perdonatemi, sto andando a memoria perché il post non lo trovo più):

“Mi sono scopato talmente tanti uomini sposati da sentirmi anche io un po’ parte della famiglia tradizionale”.

Dopo aver smesso di ridere, ho pensato: ecco quello che cercavo e sono andata quindi a comprarmi il suo romanzo, senza pentirmene neanche per un momento.
Una lettura sorprendente dove tutto sembra ma non è, che ti colpisce per le risate che ti fa fare ma che, a rifletterci dopo averle fatte, capisci che in realtà possono diventare anche risate amare, un libro dove ho ritrovato i colori e i profumi e i contrasti del Meridione, quel Meridione spesso bistrattato a volte giustamente e a volte no, quel Meridione fatto di persone meravigliose e di famiglie ancorate alle tradizioni e al passato, molto più che quassù in mezzo alla nebbia e al frastuono, alle corse e agli orologi.
Tradizioni e segreti a volte difficili da abbandonare, ma che rimangono sempre nell’animo di chi ci nasce e di chi, specialmente, decide di continuare a viverci.
E ora il libro. Ho letto i primi tre capitoli e ho pensato… “Chissà come va a finire?”, è tutto molto misterioso. Non mi vergogno ad ammettere che, come faccio spesso, ho letto subito anche la fine e la sensazione di essere molto stupida non mi ha lasciato per niente, quindi ho pensato di chiedere all’autore di spoilerare per me, cosa che ovviamente lui non ha fatto…grrrr!
Che ansia! Ho ripreso perciò in mano il tutto e ho cercato di entrare nella testa di Paolo, ma Paolo chi? Paolo il fioraio o il piccolo Paolo? Niente battute, mi raccomando.
Paolo è appunto un fioraio, un ragazzo apparentemente tranquillo ma in realtà con dei sospesi pesanti avvenuti in passato che gli hanno impedito di maturare in modo corretto e lineare.
Ha volutamente scelto la professione di fioraio per la calma e la pace che gli trasmettono i fiori e convive, è il caso di dirlo, con una serie di “familiari” che lo aiuteranno a fare luce sul perché nella sua famiglia si è smesso di amare. Perché ho messo le virgolette? Non ve lo dico, sennò tocca a me spoilerare e allora chi la sente la mia bossa.
I dialoghi con se stesso e con i personaggi che lo circondano sono brillantissimi, deliranti e spassosi. La sua nemesi Caterina, la sua migliore amica, è la figura femminile più entusiasmante, finalmente, che ho trovato finora nei gay romance italiani, perché diciamocelo: gli scrittori/trici di questo genere di letteratura ci fanno fare spesso una figura meschina a noi figliole (la mia collega Mon Reve avrebbe molto da dire al riguardo). Paolo e Caterina saranno insieme in un paio di scene assolutamente meravigliose ed esilaranti, dai dialoghi quasi da sceneggiatura.
L’incontro con Leo, anche questo un personaggio che giganteggia nonostante sia secondario, rappresenterà nella vita di Paolo il punto di svolta e la voglia, per quanto inconscia, di provare a cercare delle risposte per ricucire uno strappo che a lungo ha lasciato aperto, per riprendersi quel cuore che per troppo tempo gli ha girato intorno come un satellite. Una figura spumeggiante quella di Leo e il loro incontro è inaspettato e simpaticissimo.
Una prosa senza fronzoli che ho molto apprezzato, non ci sono discorsi complicati o ragionamenti troppo aulici ma subito comprensibili e terra terra, che aiutano anche a comprendere come l’omosessualità è vista e vissuta al Sud. Quello che però mi ha colpito maggiormente di questo romanzo è che, oltre le risate, i segreti e a volte il dolore, sia un libro totalmente improntato alla dolcezza, quella verso la famiglia, verso l’adorata Caterina, verso Leo e anche verso se stesso in tutte le sue forme.
Qualche piccolissimo refuso non pregiudica assolutamente la lettura di questo bel libro che mi ha fatto tanto ridere, ma che mi ha anche tanto commosso. Un romanzo assolutamente consigliato che non può mancare nella vostra libreria digitale.

4 commenti su “RECENSIONE: “CUORE SATELLITE” di Pierpaolo Mandetta

  1. Annanelly
    25 luglio 2015

    mi è talmente piaciuta la recensione che ho comprato il cartaceo ( quando ci sono li preferisco perchè sono vecchia maniera e adoro avere i libri da sfogliare ). Non l ‘ho ancora letto, ma credo sarà all’altezza di quanto recensito.

    Mi piace

  2. Maria
    26 luglio 2015

    Bellissima recensione, appena l’ho letta ho comprato il libro. Naturalmente l’ho gia letto , un gran bell libro,divertente, dolce e profondo. Una pennellata sul meridione veramente azzeccata, in alcune scene ho rivisto la mia vita , la madre che cura ogni male con il buon cibo, e la festa a Pestum l’ho vissuta tantissime volte. Esilarente le bauttute su Sailor Moon . Carissima non sbagli un colpo.
    un caro saluto e alla prossima
    Maria

    Mi piace

    • selvaggia
      26 luglio 2015

      Lo sai che ti adoro vero Maria? Le tue parole dolcissime mi spronano sempre a dare il meglio. Un abbraccio

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 luglio 2015 da in Romance con tag , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: