Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “CHISSA’ DOVE ” di Heidi Cullinan

chissà dove
TITOLO: Chissà Dove
TITOLO ORIGINALE: Nowhere Ranch
AUTORE: Heidi Cullilan
TRADUZIONE: Martina Nealli
CASA EDITRICE: Self publishing
GENERE: Romance – Western
E-BOOK:
PREZZO: 4,10 € su Amazon
PAGINE: 175
USCITA: 20 Agosto 2015

LINK PER L’ACQUISTO: Chissà Dove

TRAMA: L’amore cresce nelle crepe rimaste aperte.

Se c’è una cosa che a Roe Davis, bracciante e figlio di fattori, proprio non va a genio, è mischiare il lavoro col piacere. Peccato che poi si imbatta nel suo capo, Travis Loving, nell’unico locale gay nel raggio di duecento miglia.
Cominciare una relazione col proprietario del ranch sembra una pessima idea, ma i gusti sessuali di Roe e Travis si allineano come due assi della stessa staccionata. Forse, in fondo, possono trovare un accordo… a patto che sia chiaro a entrambi che si tratta solo di sesso e che non deve interferire col lavoro.
Cacciato di casa anni addietro, Roe è sopravvissuto spostandosi da un luogo all’altro e rifiutandosi di mettere radici. Quando la storia con Travis comincia a travalicare i confini del puro e semplice sesso, il giovane dovrà fare i conti col passato che minaccia quel flebile raggio di felicità, ricordandogli che è tempo di tagliare i ponti e andarsene per la sua strada.
Ma anche il più solitario dei lupi può patire la solitudine, e ormai Roe incomincia a capire che non serve darsi alla fuga: la vergogna e il dolore per quello che ha perduto lo seguiranno ovunque, finché non sarà pronto ad ammettere che anche l’amore può essere una casa…

FedericaSe vi aspettavate un libro sui cowboy vi dico subito che rimarrete delusi perché qui ce ne sono giusto un paio.
Travis Loving non ha un grande ranch ma una piccola fattoria dove alleva pecore e manzi ed è proprio per questo che Roe decide di fermarsi lì.
Monroe Davis – Roe – è infatti un uomo in fuga da se stesso. Quando la sua famiglia ha scoperto la sua omosessualità lo ha rinnegato e cacciato e dopo varie disavventure e scelte sbagliate è approdato al “Chissà dove”.
Mai nome gli è sembrato più azzeccato perché lui si sente emotivamente chissà dove e in cerca solo di un posto in cui nascondersi. Non ci si può, però, sempre e per sempre, nascondere da se stessi e forse alla fine non è proprio quello a cui Roe aspira. Si sa, spesso la vita non va come la programmiamo e certi comportamenti o certi modi di essere possono anche cambiare nel corso dell’esistenza.
Per un caso fortuito incontra il suo datore di lavoro in un gay bar di un paese distante dal ranch, dove vanno entrambi per scaricare un po’ di tensione. Non è assolutamente nei suoi piani iniziare una storia con il suo capo ma a quanto pare le cose vanno in un’altra direzione.
Le scene di sesso sono bollenti, con elementi di bdsm e tanto altro, perché sia Travis che Roe amano il sesso crudo, sporco, quasi estremo. Abbiamo scene di voyerismo, dildo, fisting e pony, il linguaggio è crudo e diretto, per cui se pensate che certe situazioni possano turbarvi lasciate perdere questo libro, piuttosto che criticarlo dopo averlo letto.
La maggior parte del romanzo, infatti, ruota intorno a questo tipo di pratiche sessuali, di sentimenti si parla poco perché Roe scappa appena Travis gli dimostra un minimo di affetto. Roe si sente sbagliato, un depravato, ma soprattutto gli piace essere e sentirsi così e quindi, probabilmente, non crede di meritare di più.
A un certo punto, però, la storia diventa più sentimentale, in fondo il libro si apre con questa frase:

“Mi chiamo Monroe Davis e questa è la storia di come ho trovato la mia casa”.

Il senso del libro è tutto in questa frase, il percorso di Roe verso il suo futuro e soprattutto verso Travis.
Ho letto vari libri di questa autrice (vi anticipo subito: no, non sono stati ancora tradotti purtroppo!), i suoi libri sono sempre diversi l’uno dall’altro, a volte la lettura di qualcuno di essi può essere uno shock, ma questo è quello che ti capita se leggi Heidi Cullinan, perché lei sa passare abilmente da storie forti a base di sesso a storie d’amore più soft. Ogni suo libro è una sorpresa e spero tanto che ne vengano tradotti altri, per far apprezzare anche ai lettori italiani questa brava scrittrice.
Alla fine il libro mi è piaciuto, anche se la parte sentimentale l’ho trovata un po’ frettolosa e poco approfondita, soprattutto dalla parte di Travis.
Ho apprezzato molto il personaggio di Haley, la figlia del gestore della fattoria, una ragazza sveglia e piena di vita che aiuterà molto Roe a uscire da suo guscio, mentre ho disprezzato la famiglia omofoba di Roe che per fortuna, o forse per opportunismo, alla fine tenterà una sorta di riappacificazione. Roe è più buono di me, io non so se sarei riuscita a perdonare come ha fatto lui.

2 commenti su “RECENSIONE: “CHISSA’ DOVE ” di Heidi Cullinan

  1. Maria
    4 settembre 2015

    Ho appena finito di leggere questo libro mi è piacuto molto, un sali e scendi di emozioni forti, dove Roe un personaggio bellissimo impara ad amare se stesso, e gli altri .Haley, è l’amica di cui tutti abbimo bisogno.Spero che venga tradotto altro della stessa autrice .
    Maria

    Mi piace

    • fede1974
      4 settembre 2015

      Il prossimo sarà Balla con me, puoi leggere la trama alla fine del libro, ma non so dirti quando.

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 agosto 2015 da in Contemporaneo, Romance con tag , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: