Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “AMORE SIGNIFICA… NIENTE PAURA” di Andrew Grey

amore significa niente paura

TITOLO: Amore significa… niente paura
TITOLO ORIGINALE: Love means… no fear
AUTORE: Andrew Grey
TRADUZIONE: Ernesto Pavan
CASA EDITRICE: Dreamspinner press
SERIE: Amore significa…
GENERE: Romance
E-BOOK:
PREZZO: $ 5,24 in offerta su Dreamspinner press
PAGINE: 212
USCITA: 8 Settembre  2015

 

TRAMA: Raine Baumer vive una vita spensierata a Chicago, concedendosi rapporti occasionali con scarso coinvolgimento emotivo. Ma dopo che viene ferito gravemente nel corso di un’aggressione, il suo migliore amico Geoff lo porta in campagna per guarire. Lì Geoff e il suo compagno Eli lo trattano come un membro della famiglia e Raine conosce Jonah, il fratello di Eli, che sta esplorando il mondo al di fuori della comunità Amish.

L’attrazione reciproca di Jonah e Raine li fa mettere insieme, ma i due potrebbero non avere la possibilità di coltivarla. Il padre di Jonah gli dà un ultimatum e la polizia sospetta che l’aggressione a Raine potrebbe anche non essere stata un caso. Raine e Jonah dovranno affrontare le loro paure più grandi per poter avere una vita insieme.

Mrs DarcyRaine vive a Chicago ed è un giovane gay con un buon lavoro, ottimi amici e nessuna storia importante, solo storie di una notte e via. Sembra un ragazzo sereno e appagato ma alcuni pensieri, ispirati dalla felicità di alcune coppie che frequenta, gli fanno sognare una vita diversa.
Dopo una giornata spensierata passata con i suoi amici al gay pride della sua città, Raine commette un’imprudenza e subisce una brutale aggressione a seguito della quale il suo mondo cambierà per sempre, perché non solo il suo fisico ne è rimasto danneggiato ma anche la sua mente è ora traumatizzata, sconvolta dalla paura e dall’insicurezza. Per fortuna può contare sul suo più caro amico Geoff che, subito accorso, si offre di ospitarlo durate la convalescenza nel ranch dove vive, oltre che con il suo compagno Eli, anche con un gruppo di dipendenti e di amici, sia etero che gay.
L’altro protagonista, Jonah, è un giovane Amish nonché fratello minore di Eli. Jonah è ben integrato nella sua comunità, sereno ma non completamente felice e la partenza del fratello maggiore, che non è più tornato, acuisce il suo desiderio di vedere il mondo e di capire come vivono gli “inglesi” (come vengono chiamati coloro che non fanno parte della comunità Amich). Pensa che il padre non lo lascerà mai partire, per la paura di perdere anche lui, per il tradizionale “Rumspringa (quel periodo di un anno che i giovani Amich passano nel mondo “esterno” prima di entrare nella comunità come adulti, tramite una specifica cerimonia), ma uno zio più comprensivo e aperto riesce a convincere suo padre e Jonah, naturalmente, si reca a casa del fratello.
I nostri due protagonisti si ritrovano così a casa di Geoff ed Eli nello stesso momento e sono subito attirati uno dall’altro, nonostante l’ingenuità e l’educazione di Jonah che, nello scoprire l’omosessualità del fratello, ha una reazione molto forte, rimanendole sconvolto.
La permanenza nel ranch e il contatto con gli ospiti e gli altri lavoranti gli fa capire che suo fratello e i gay in generale non sono perversi peccatori destinati all’inferno, ma persone amorevoli e gentili come possono esserlo tutti quanti e che, forse, pure lui è uno di loro viste le emozioni che gli suscita Raine, prima di compassione e di amicizia e poi di affetto e desiderio, quel desiderio che lui non ha mai provato.
Raine è molto tentato dal giovane ma, considerando le loro vite e le loro esperienze, cerca di reprimere i suoi desideri pensando soprattutto al ritorno alle loro vite di sempre, lui in città e al suo lavoro e Jonah nella sua comunità. Inoltre un pericolo incombe su Raine e i dubbi, l’attaccamento alla famiglia e il timore che ha Jonah di non avere un futuro insieme, sembrano non lasciare scampo alla relazione tra i due uomini.
Questa è la prima serie m/m che ho seguito e l’autore mi è rimasto nel cuore. Questo nuovo capitolo mi ha preso molto anche perché Raine mi è piaciuto sin dall’inizio e speravo proprio di leggere una storia tutta incentrata su di lui, però non pensavo che la storia d’amore sarebbe stata con il fratello di Eli e questa cosa mi ha anche sconcertato all’inizio, perché temevo una ripetizione del secondo romanzo.
Per fortuna Raine non è simile a Geoff sia per il carattere che per l’ambiente d’origine e Jonah ha una personalità totalmente diversa da Eli, è più remissivo e non ancora totalmente consapevole della sua diversità, pervaso com’è dall’inquietudine e dal desiderio di una vita diversa che non riesce sempre a reprimere. Con piacere ritroviamo i protagonisti dei precedenti romanzi e anche una coppia molto interessante composta da Len (uno dei padri di Geoff, rimasto vedovo) e il suo nuovo compagno Chris, dei quali avevamo letto già qualche accenno nei libri precedenti ma di cui, purtroppo, non abbiamo ancora conosciuto la storia (ma spero vivamente di leggerla).
Piccola menzione per il sexy vicesceriffo Duane, personaggio molto intrigante che spero di rivedere nei prossimi libri e una per la madre di Jonah ed Eli, una donna solo apparentemente debole e sottomessa ma capace di gesti inaspettati e di pensieri che ci fanno capire quanto ama sia la comunità Amish, pur con la sua religione e le sue regole, ma soprattutto quanto ama la sua famiglia accettando sia la chiusa intransigenza del marito ma anche i suoi figli “diversi”, sui quali forse intuisce la verità ma che non giudica e non allontana, accettandoli come può e amandoli comunque.
Questo capitolo della serie mi è piaciuto molto, come quasi tutti gli altri del resto, spero di leggere nel breve anche i seguenti soprattutto dopo aver letto l’epilogo nel quale viene riportata una notizia che mi ha fatto molto piacere e che mi ha molto incuriosita sul futuro dei protagonisti di questo libro e non solo.

2 commenti su “RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “AMORE SIGNIFICA… NIENTE PAURA” di Andrew Grey

  1. Laura
    5 settembre 2015

    Come sempre grazie della bella recensione; ho una domanda: io non ho letto nessun libro della serie. Posso iniziare da questo o devo ricercare il primo? Grazie, Laura,

    Mi piace

    • selvaggia
      5 settembre 2015

      Ciao Laura, ogni libro è autoconclusivo ma facendo parte di una serie spesso si ritrovano personaggi dei libri precedenti o magari richiami a situazioni che sono descritte in altri libri. Quindi il mio consiglio è di partire dall’inizio, altrimenti alcune dinamiche non le capiresti. COntinua a seguirci e alla prossima

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 settembre 2015 da in Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: