Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “SEMPER FI” di Keira Andrews

SEMPER FI
TITOLO: Semper Fi
TITOLO ORIGINALE: Semper Fi
AUTORE: Keira Andrews
CASA EDITRICE ITALIANA: Triskell Edizioni
TRADUTTORE: Maria Sofia Buccaro
GENERE: Storico
EBOOK:Si
FORMATI: pdf, epub, mobi
PAGINE: 319
PREZZO: € 5,99 sullo store di Amazon
DATA USCITA: 11 Novembre 2015
LIVELLO DI SENSUALITA‘: Medio Alto

LINK D’ACQUISTO: Link Amazon

 

 TRAMA:  Quando erano marines, Jim e Cal dipesero l’uno dall’altro per uscire vivi dalla carneficina e dalla disperazione nel Pacifico.

Sollevato di potersi lasciare alle spalle gli orrori della guerra, Jim è tornato al suo frutteto e alla vita tranquilla di padre di famiglia.
Consapevole che l’amico non avrebbe mai potuto ricambiare i suoi sentimenti proibiti, Cal spera che il tempo e l’oceano tra di loro attenui il desiderio che prova per lui.

Ma alla morte della moglie di Jim, Cal raggiunge l’amico per dargli una mano. Non sa nulla di mele né di bambini, ma vuole stargli vicino a tutti i costi, anche se la fiamma che lo tormenta si riaccende in lui.
Jim gli è grato per il sostegno che gli dà mentre lotta con i sentimenti repressi e i terribili ricordi della guerra.
Poi, quando inizia a vederlo con occhi diversi, il loro rapporto diventa intimo come mai avrebbero immaginato.

Riusciranno a costruirsi una vita insieme come una famiglia e a trovare la felicità in un mondo che li condanna?

Mon reveHo deciso di fare la recensione di questo libro per il titolo, senza conoscere la sinossi, ed ero a circa il 20% (del kindle) quando Selvaggia mi ha chiesto “com’ è?”. L’ unica cosa che mi è venuta in mente, che rendesse l’idea, è “delicato” e ora che l’ho finito, se dovessi descriverlo con una sola parola userei proprio quella… DELICATO.

L’ambientazione è la seconda guerra mondiale (Americani/Giapponesi) e il dopo guerra.

Inizia tutto su un treno pieno di ragazzi poco più che ventenni desiderosi di diventare Marines e di combattere per il loro paese. Sono diretti al campo di addestramento e qui vi verrà in mente un film (ambientato parecchi anni dopo) e odierete tanto il Sergente Tyrell quanto avete odiato il Sergente Foley (del film), pur sapendo che è soprattutto merito suo se Cal e Jim riescono a tornare a casa.

Cal e Jim sono i nostri eroi anche se per loro i veri eroi sono quelli che non hanno fatto ritorno a casa. Cal è il figlio di un ricco banchiere di Manhattan e sa da sempre di essere omosessuale, mentre Jim è il proprietario di un meleto in un paesino a qualche ora di macchina da New York , sposato e padre di Sophie, una bellissima bimba di due anni. Tra loro nasce un legame fortissimo (Cal si innamora praticamente da subito) e la loro amicizia li aiuterà ad andare avanti tra gli orrori della guerra, caldo, fame, sete, pioggia, amici che un attimo prima ti stanno parlando e un attimo dopo sono dilaniati da un colpo di mortaio, orrori che comunque si porteranno a casa, una volta finita la guerra, sotto forma di incubi che si potranno attenuare, ma non sparire, come penso capiti a tutti i veterani. Perché questo sono, quando si incontrano di nuovo nel 1948. Dei veterani che non hanno ancora trent’ anni.

Jim è rimasto vedovo con due bambini piccoli e Cal decide di andare ad aiutarlo. Cal è sempre innamorato del suo compagno d’armi e a poco a poco Jim scopre di essere attratto da Cal in un modo per lui inaccettabile. Stiamo parlando del ’48 dove gli omosessuali venivano arrestati, dove la chiesa faceva fuoco e fiamme contro i sodomiti (hops… lo fa ancora!!), dove pochi arrivavano veramente ad accettare se stessi e dove la maggior parte viveva una vita “incompleta” con moglie e figli. Jim è uno di questi e nella vita attuale e non condizionata dalla guerra, la vicinanza di Cal (che mai e poi mai farà la prima mossa) lo porta a riflettere e a mettere in dubbio i suoi sentimenti verso la moglie e prima ancora verso un suo amico d’infanzia, morto anche lui in guerra, ma la paura della prigione, del castigo divino, del fatto che potrebbe perdere i bambini lo faranno desistere dall’accettare veramente quello che è.

Mentre però la testa gli dice una cosa, il cuore è di tutt’ altro parere e alla fine non potrà fare altro che arrendersi all’ evidenza.

Non sono amante dei libri che parlano di guerra o che non siano contemporanei, ma c’è sempre l’eccezione che conferma la regola e questo libro mi ha particolarmente conquistata, per cui non posso che consigliarne la lettura.

Credo che non farò mai un “Noi li sognamo così” di questo libro perché penso che niente possa rappresentarlo meglio di questa cover ma, leggendolo, nella mia mente avevo ben chiara la figura di Cal e il motto SEMPER FIDELIS da sempre lo associo a questo attore. Vi lascio la sua foto.

12207818_10201027856054882_529547247_n

2 commenti su “RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “SEMPER FI” di Keira Andrews

  1. mokina
    10 novembre 2015

    Adoro Mark Harmon!! Fin dai suoi esordi con Flamingo road (che penso quasi nessuno conosca ahahah) per arrivare alla sua magnifica maturità in NCIS. Il libro mi sembra molto interessante. Non ne ho mai letti ambientanti in quell’epoca storica.

    Mi piace

    • Mon Reve
      10 novembre 2015

      Io adoro soprattutto il contemporaneo, ma questo libro mi è piaciuto veramente tanto. Te lo consiglio vivamente.

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 novembre 2015 da in Romance, Storico con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: