Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “SIDERCAR” di Amy Lane

sidecaritlg
TITOLO: Sidecar
TITOLO ORIGINALE: Sidecar
AUTORE: Amy Lane
CASA EDITRICE ITALIANA: Dreamspinner Press
TRADUTTORE: Veronica Rotondo
COVER ARTIST: Shobana Appavu
GENERE: Romance
EBOOK:Si
FORMATI: pdf, epub, mobi
PAGINE: 250
PREZZO: $ 5,24 in promozione su Dreamspinner Press
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio Alto
DATA USCITA: 17 Novembre 2015

LINK D’ACQUISTO: Sidecar

 

TRAMA:  È il 1987. I ragazzi indossano camicie rosa della Izod, le ragazze hanno capelli vaporosi e tutti possiedono una scatola del fumo; AIDS è solo una brutta parola che rimbomba dalle città come un temporale. Un adolescente scappato di casa vaga su un lato della strada, a un battito di ciglia dalla disperazione, ed è salvato da un angelo con i capelli lunghi su una Harley.

Ma questo è solo l’inizio della loro storia.

Josiah Daniels voleva pace, tranquillità e una vita semplice, e l’ha avuta finché non ha salvato Casey dalla fame, dal freddo e dallo sfinimento. Da quel momento la vita di Joe è tutt’altro che semplice e il suo nuovo pupillo naviga un mondo che sta cambiando più rapidamente delle persone che ci vivono. Joe vuole far diventare Casey un adulto felice e produttivo, e ci riesce. Ma anche da grande, Casey non riesce a concepire una vita felice senza Joe. Il problema è far accettare a Joe che il ragazzo che ha allevato è all’improvviso l’uomo che lo vuole.

La loro relazione potrebbe morire o cambiare il mondo attorno a loro. Mentre costruiscono una casa, negoziano le nuove regole del crescere assieme e schivano le insidie della vita moderna, Casey impara che l’età adulta è più che il sesso, Joe impara che non ci sono compromessi se si vuole vivere per sempre felici e contenti, e sono entrambi costretti a capire l’unica cosa che un uomo non dovrebbe mai fare: vivere da solo.

Mon reveCasey incontra Joe appena al di là di un ponte, un ponte molto alto dove avrebbe potuto, in pochi secondi, mettere la parola fine ai suoi sedici anni, fine agli ultimi due mesi di miseria, violenza e umiliazione, il tempo trascorso da quando i genitori lo hanno sbattuto fuori di casa.

Incontra Joe. Un orso vestito di pelle in sella a una Harley, un uomo imponente con baffi, pizzetto e coda di cavallo, che si ferma a raccattarlo, nel vero senso del termine, dal ciglio della strada. Casey decide di fidarsi e da quel momento Joe prende “il suo destino nelle proprie , grandi, ruvide mani”.

Joe ha ventisette anni e vede Casey per quello che è: un ragazzino spaventato e ferito e il suo istinto è di proteggerlo come proteggerà in futuro altri “randagi” raccattati per strada. È un uomo pieno d’ amore Joe, anche se ama la solitudine la sua vita la dedica agli altri, è un infermiere e, calcolando che siamo nell’ America degli anni ottanta, è una cosa abbastanza inusuale, ma le sue mani enormi sanno essere delicate e confortanti sia per adulti che sono arrivati ormai al traguardo, sia per esserini di poco più di un chilo e mezzo, che non hanno né il fisico né la forza per affrontare la vita. Ed è questo che insegna ogni giorno a Casey, a prendersi cura di se stesso e degli altri. E Casey, poco a poco, si rende conto che non è l’ essere abietto e “usabile” che gli hanno fatto credere prima i genitori e poi i vari uomini schifosi che ha incontrato nei due mesi del suo vagabondare.

Joe riuscirà a tenere (legalmente) Casey con sé ma per farlo dovrà fare anche cose al limite della legalità. Lo crescerà con dei valori, lo farà studiare e diventare qualcuno, e gli insegnerà a diventare un uomo che tende sempre la mano a chiunque ne abbia bisogno. Casey si innamora quasi subito di questo gigante buono, che continua a rifiutarlo tutte le volte che gli si offre, ma il legame che li unisce è molto profondo e si rafforza man mano che passano gli anni. Ognuno dei due si preoccupa del benessere dell’altro, si sono praticamente entrati sotto pelle, ma mentre Casey desidera più di ogni altra cosa l’ amore di Joe, il desiderio più grande di Joe diventa irrealizzabile (ma ne siamo proprio sicuri?) se mai deciderà che il suo “per sempre” è con Casey.

Questo è un libro che definirei “mentale” in puro stile Amy Lane. I pensieri dei protagonisti si rincorrono in una strada che non è mai un rettilineo, ma c’è sempre un bivio che ti porta da un’altra parte, una strada tortuosa e piena di curve, ma che alla fine ti conduce a casa. La delicatezza con cui sono descritti alcuni personaggi di passaggio (vedi Debbie o Seth o Jeannie) può commuovere fino alle lacrime, mentre le buffonate dei fratelli di Joe (tutti stimati professionisti) danno un giusto equilibrio emotivo a tutta la storia, una storia piena di sentimenti, di momenti tristi ma anche divertenti, una storia che inizia, e finisce, venticinque anni dopo.

2 commenti su “RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “SIDERCAR” di Amy Lane

  1. antonella tonon
    16 novembre 2015

    Adoro i libri di Amy Lane e questo sembra essere proprio uno “special”.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 novembre 2015 da in Contemporaneo, Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: