Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “CACCIA ALL’UOMO” di Minerva Stevens

CACCIA ALL'UOMO

TITOLO: Caccia all’uomo
AUTORE: Minerva Stevens
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Romance
EBOOK:
PAGINE: 120
PREZZO: € 2,99
DATA DI USCITA:  23 Dicembre 2015
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio

LINK PER L’ACQUISTO: Caccia all’uomo

TRAMA: “Partiamo subito col dire che devi essere deciso, positivo e sicuro che troverai il tuo futuro uomo. Gli approcci ideali sono quelli che forniscono una scusa per parlare con te. Capisci cosa intendo?”

Il Natale, si sa, è sempre ricco di sorprese. E di obblighi sociali.
Ecco perché, quando Ryan scopre che alla festa organizzata dai propri genitori ci sarà anche il suo ex, va nel panico.
Come può fare per dimostrare a Connor che la sua vita senza di lui procede alla grande? Ma certo! Fingendo di avere un bellissimo fidanzato.
Parte così la “Caccia all’uomo”. Riuscirà Ryan a trovare il ragazzo perfetto entro la Vigilia di Natale?

 

MOKINAOpera d’esordio di un’autrice italiana che dimostra da subito un’ottima padronanza della lingua italiana, uno stile raffinato e un particolare garbo d’altri tempi nell’esporre i pensieri dei propri personaggi e nel descrivere determinate situazioni. A volte, però, alcune riflessioni e il modo di parlare possono sembrare leggermente anacronistici rispetto a quello che si suppone sia il linguaggio di uomini piuttosto giovani, ma questo nulla toglie alla magia di un racconto molto dolce che farà sicuramente sognare tutti i romanticoni come me.

Ryan è un protagonista adorabile, per noi lettori che conosciamo i suoi pensieri e le sue fragilità, ma per tutti quelli che non hanno questa possibilità, è semplicemente uno spocchiosetto un po’ antipatico con abilità sociali uguali a zero. Niente di più sbagliato! Il nostro ragazzo è il classico timido e insicuro che si nasconde dietro una maschera di freddezza per tenere distante tutto ciò che si potrebbe rivelare una delusione. La sua autostima, già non molto alta, subisce un durissimo colpo a causa di uno dei personaggi maschili più sgradevoli e odiosi che io abbia mai conosciuto. Ho odiato Connor con tutta me stessa e avrei tanto desiderato prenderlo a calci nel didietro (o anche davanti… che fa più male) per come ha trattato il povero Ryan, alle prese con la sua cotta pseudo-adolescenziale e gli ormoni a mille. Infine, ciliegina sulla torta, il ragazzo torna a casa e la giornata, che non era certo stata delle migliori, peggiora ancora di più. Come ho già detto, Ryan è un personaggio molto più complesso di quel che sembri ma, nonostante tutte le sue insicurezze, nasconde un carattere di ferro. Da quella che sarebbe potuta risultare una batosta tremenda riesce a trarre il meglio. Infatti, solo con le sue forze, si costruisce una nuova vita, riuscendo anche a dedicarsi alla sua più grande passione che si dimostrerà oltretutto una carta vincente.

Il suo incontro con Jerome è piuttosto fortuito ma tra i due scatta da subito un’incredibile attrazione. Ho trovato divertentissima tutta la parte in cui uno scornatissimo Ryan fa pratica di rimorchio, sotto l’occhio vigile del suo tutor della serata. Veramente da morire dal ridere. Devo dire che Jerome, a mio avviso, risulta leggermente in ombra rispetto al personaggio di Ryan. Di lui sappiamo ben poco e viene approfondito molto meno, lasciandoci quindi incuriositi e con qualche perplessità sul suo modo di agire e vivere la propria vita.

Si potrebbe obiettare che l’instant love sia esageratamente instant, ma sinceramente l’ho trovato in linea con il tipo di trama e con il carattere dei due protagonisti, specie quello del dolcissimo Ryan. Sono fermamente convinta che ci si possa innamorare in pochi giorni e quando leggo un libro romantico non mi faccio davvero di questi problemi. Le scene di sesso, non moltissime ma dosate al punto giusto, sono delicate e mai volgari. Se dovessi fare un unico appunto a Caccia all’uomo è sicuramente la sua eccessiva brevità. Probabilmente, qualche pagina in più avrebbe permesso un maggior approfondimento del personaggio di Jerome e un finale meno sbrigativo.

Concludendo, mi sento di consigliare la lettura di questo libro che ci narra una storia di riscatto e crescita, all’insegna del romanticismo e dell’amore. Ogni tanto ci vuole un racconto pieno di dolcezza e questo è perfetto per un paio d’ore di gradevole relax. Sicuramente non guasta il fatto che si avvalga di un editing impeccabile (non ho trovato un refuso a cercarlo con il lanternino!) e di una bellissima cover che, però, all’inizio mi aveva tratta in inganno. Complice il titolo, ero convinta si trattasse di un poliziesco.

Un commento su “RECENSIONE: “CACCIA ALL’UOMO” di Minerva Stevens

  1. Pingback: Dicono di noi – Caccia all’uomo – È scrivere

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 gennaio 2016 da in Recensione, Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: