Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “BACI SPORCHI – DIRTY KISS” di Rhys Ford

 

dirtykissitlg

TITOLO: Baci Sporchi – Dirty Kiss
TITOLO ORIGINALE: Dirty Kiss
AUTORE: Rhys Ford
TRADUZIONE: Cornelia Grey
COVER ARTIST: Reece Notley
CASA EDITRICE: Dreamspinner Press
GENERE: Poliziesco
FORMATO: Ebook
PAGINE: 224
PREZZO: 6,99 $ su Dreamspinner store 
LIVELLO DI SENSUALITA’
: Alto
DATA USCITA: 2 Febbraio 2016
LINK DI ACQUISTO: Baci sporchi – Dirty Kiss (Un’indagine di Cole McGinnis Vol. 1)

TRAMA: Un’indagine di Cole McGinnis

Cole Kenjiro McGinnis, ex-poliziotto e investigatore privato, sta cercando di superare la morte del suo amante, avvenuta durante una sparatoria, quando gli capita un’indagine apparentemente di routine. Investigare l’apparente suicidio del figlio di un importante uomo d’affari coreano si rivela subito un incarico tutt’altro che ordinario, specialmente quando Cole incontra Kim Jae-Min, il bel cugino del defunto.

Il cugino di Jae-Min aveva un piccolo, sporco segreto, uno che Cole conosce da tutta la vita e che Jae-Min sta ancora nascondendo alla sua famiglia. L’indagine porta Cole da ville eleganti e squallidi appuntamenti segreti di amanti fino al Dirty Kiss, il locale dove i ricchi vanno a soddisfare con discrezione i desideri di cui le loro famiglie troppo tradizionali preferirebbero non sapere niente.

Inoltre porta Cole McGinnis fra le braccia di Jae-Min, ma questo potrebbe essere un problema. La morte del cugino di Jae-Min appare sempre meno un suicidio, e il ragazzo appare sempre più un bersaglio. Cole ha già perso un amante per una morte violenta: non perderà anche Jae-Min.

 

MOKINAUno stropicciato ex-poliziotto, reinventatosi investigatore privato e con un passato tragico alle spalle, incontra un indifeso, bellissimo ed esotico ex-ballerino, reinventatosi fotografo, con un passato ambiguo e un presente che lo vede bersaglio di un ignoto assassino. Le classiche dinamiche del romantic suspense ci sono tutte e vi posso assicurare che l’autrice le sa usare perfettamente. Infatti, ci regala un ottimo romanzo con una trama intrigante, personaggi accattivanti e un finale non del tutto scontato.

Il libro è narrato dal punto di vista di Cole, ex detective della Buoncostume, che anche ai tempi migliori della sua carriera, non ha mai particolarmente brillato né ha mai raggiunto l’apice della catena di comando. Ora, a seguito di una tragica vicenda, non è più uno sbirro e ha deciso di aprire un’Agenzia di investigazioni, insieme all’ancora più improbabile (e tirannica) segretaria Claudia.

Un inizio scoppiettante, con il nostro Cole inseguito da una vecchietta armata di bikini in pelle e fucile semi-automatico, mi ha subito fatto amare questo personaggio simpatico e scanzonato che non si prende troppo sul serio e non si vergogna di essere un gay dichiarato. La situazione del più giovane (non ci viene detto di quanto, ma il divario esiste comunque) e tormentato Jae-min è completamente diversa. Proveniente da una famiglia coreana con rigide regole e usanze, il ragazzo è trattato alla stregua di un “parente povero” e il suo preferire gli uomini alle donne potrebbe rendere le cose ancora più complicate di quanto già non lo siano. A tal proposito, ho trovato molto interessanti le, seppur sintetiche, informazioni che ci vengono fornite sugli usi e costumi del popolo coreano.

Difficile non innamorarsi di entrambi i protagonisti di questo bel romanzo. Cole ha sofferto molto, sia psicologicamente che fisicamente, ed è terrorizzato all’idea di ricominciare da capo. Per questo all’inizio è titubante. Ma è davvero impossibile non cedere al fascino seducente del bellissimo Jae-min e non sentire il desiderio di proteggerlo da chi vuole fargli del male. Le interazioni tra i due sono veramente emozionanti e le scene di sesso mi sono piaciute moltissimo. Specialmente la prima è stata molto coinvolgente, tenera e sensuale, come non mi capitava da molto tempo di leggere. Ma d’altronde, tutto di Jae-min sembra tenero e sensuale, tranne poi andare a sbattere contro il suo carattere ostinato e misterioso.

Nonostante andando avanti con le pagine i toni si facciano più cupi, il libro mantiene comunque un tono scanzonato, proprio grazie alle simpatiche riflessioni di Cole, o ai suoi siparietti con la gatta di Jae-Min, soprannominata la sposa di Satana. Molto divertenti anche i momenti con suo fratello Mike che accetta il suo essere omosessuale, ma non vuole assolutamente sentir parlare di sesso, o con l’ex-collega Bobby, gay dichiarato dopo anni nel cassetto. E se a qualcuno fosse rimasto particolarmente simpatico questo sboccato poliziotto in pensione (io l’ho adorato) vi posso già rivelare che il quinto libro della serie sarà dedicato proprio a lui e al suo giovanissimo ed esotico amore. E già, perché in patria, questa serie è arrivata al settimo libro e l’autrice non sembra volersi fermare.

Il finale giunge rapido e (almeno per me) abbastanza sorprendente. Non sono riuscita a staccare gli occhi dal libro fino all’ultima pagina e l’ho letteralmente divorato. Diciamo che ha saputo toccare tutte le mie corde e, pur non potendolo annoverare tra i capolavori della letteratura m/m, sarà sicuramente un libro che rileggerò molto volentieri. Ne consiglio vivamente la lettura a tutti gli amanti del genere m/m. Se poi vi piacciono anche i polizieschi… allora ve lo stra-consiglio!!

Mi è rimasta però una piccolissima curiosità sul titolo. Considerato che Dirty Kiss è il nome del locale, teatro del suicidio, mi chiedo come mai l’abbiano tradotto in italiano.

3 commenti su “RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “BACI SPORCHI – DIRTY KISS” di Rhys Ford

  1. Dreamspinner Press Italiano
    1 febbraio 2016

    Intervengo sul titolo. Quando un libro appartiene a una serie, andiamo a vedere già i titoli dei libri successivi e cerchiamo un collegamento riconoscibile tra i libri, se possibile, e ci chiediamo quanto possa colpire ed essere ricordato dal pubblico. I libri successivi avranno il collegamento con “sporchi” come l’originale “dirty” (segreti, affari, panni, ecc.). Mentre Dirty Kiss può anche essere immediatamente conoscibile come traduzione, pensiamo che Dirty Deeds o Dirty Laundry siano meno comprensibili da chi è digiuno di inglese. Abbiamo deciso quindi di affiancare il titolo in inglese con il suo collegamento ai libri successivi.

    Mi piace

  2. mokina
    1 febbraio 2016

    In effetti il dubbio mi era venuto leggendo gli altri titoli. Grazie per la precisazione e naturalmente… non vedo l’ora di leggere il secondo!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 febbraio 2016 da in Poliziesco, Recensione in anteprima, Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: