Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

LGBT… ON THE MOVIE

lgbt on the movie

Buongiorno amici e amiche di Tre Libri Sopra il Cielo, oggi torniamo a parlare de “I segreti di Brokeback Mountain“, con la seconda parte dell’articolo della nostra Tonyella.

Buona lettura.

bb“L’amore è una forza della natura”.

 

Oltre ai personaggi, persino alcuni oggetti del film hanno subito un fenomeno di mitizzazione, le camicie che Ennis trova una nell’altra all’interno dell’armadio di Jack sono state battute all’asta su Ebay. Anche il pick-up di Jack Twist è stato venduto dal vero proprietario, che ha ricavato un bel gruzzolo per pagarsi gli studi.

 

b“E’ una cosa che inizia e finisce qui.

Non c’è bisogno che lo sappia nessuno.

Io non sono così.

Nemmeno io…”

 

 

“I segreti di Brokeback Mountain” incontra notevoli difficoltà di distribuzione e subisce censura in diverse parti del mondo.

In Italia la pellicola, andata per la prima volta in onda sulla TV di stato italiana l’8 Dicembre del 2008, in seconda serata e a tre anni dall’uscita nelle sale, viene censurata delle scene d’amore tra i due protagonisti: viene eliminato il primo rapporto sessuale, la cui versione integrale, benchè esplicita nei gesti, non mostra alcuna parte, nemmeno parziale, di nudo; viene eliminato il primo bacio e lo scambio di effusioni tra i due protagonisti e la famosa scena del bacio sotto casa, quando i due uomini si incontrano di nuovo dopo quattro anni di distanza e sono entrambi sposati. Non sono state invece oggetto di censura le scene esplicite di sesso eterosessuale, né quelle più cruente. La circostanza ha causato vivaci proteste da parte degli spettatori e dell’Arcigay, che hanno criticato queste censure non solo come un’imposizione totalmente anacronistica, ma anche come un’operazione molto grave in quanto ha compromesso la comprensione stessa della pellicola. La Rai ha difeso la sua posizione sostenendo che la copia ricevuta dalla casa di produzione aveva già questi tagli, svista di cui nessuno si era accorto. Il direttore di Rai2, Antonio Marano, che allora si era impegnato a ritrasmettere nel futuro il film nella sua versione integrale, ha mantenuto tale promessa: il film è stato trasmesso di nuovo nel marzo del 2009, sempre in seconda serata, poi nel 2010 in prima serata e l’anno seguente sempre in seconda serata su Rai Movie, privo ancora una volta delle scene sopracitate. In seguito però è stato trasmesso integralmente in prima serata.

Negli Stati Uniti d’America incontra particolare resistenza in alcune zone centro occidentali. Nello Stato dello Utah subisce censura e una catena di cinema dello Utah annulla, senza dare nessuna spiegazione ai distributori, la programmazione del film di Ang Lee, ma successivamente i gruppi conservatori hanno giustificato l’oscuramento della pellicola affermando che c’era qualcosa di profondamente sbagliato nel film. La pellicola subisce anche la censura cinese, infatti le autorità di Pechino ne vietano la distribuzione in sala sul territorio nazionale, ma il film è reso disponibile in DVD. Anche in Medio Oriente il film è oggetto di censura.

b1

“Ti giuro, non immaginavo che ci ricascassimo… Sì invece, ho corso come un matto per arrivare più in fretta che potevo!”

 

 

 

Tra il romanzo e il film però ci sono delle analogie e differenze:

  • Mentre Annie Proulx descrive i due protagonisti come “poveri diavoli” senza arte né parte, sottolineando più i difetti che i pregi fisici, il casting del film ha scelto due attori belli e attraenti: il biondo Heath Ledger dalla spalle grandi e lo sguardo dolce e il moro Jake Gyllenhaal, dai grandi occhi celesti su cui la macchina da presa indugia spesso volentieri.
  • Ennis Del Mar: nella pellicola è introverso, sofferto, implosivo e leggermente diverso dal suo prototipo su carta, un cowboy dal forte senso pratico e dalle idee ben chiare sulla vita e sul mondo. Nel film soffoca le proprie emozioni finchè queste non esplodono da sole, violente e irrazionali; Ledger ha ammesso di aver recitato pensando che l’animo di Ennis fosse “come un pugno chiuso”. Jack Twist è simile a quello narrativo, ma la pellicola approfondisce le sue vicende personali, nel libro solo accennate e talvolta assenti, rendendo più equilibrato lo spazio dato a ognuno dei due personaggi.
  • Viene ampliato lo spazio dato ad alcuni personaggi secondari che nel racconto sono solo nominati: Lureen Twist, Alma Junior Del Mar, Cassie Cartwright, mentre alcuni piccoli elementi del libro vengono tralasciati nel film, come il riferimento alla città di Denver, oppure il fatto che il figlio di Jack abbia seri problemi di apprendimento. Il nome di un paio di personaggi cambia nel passaggio da libro a film: il proprietario del negozio in cui Alma lavora e suo futuro secondo marito, nel primo si chiama Bill, nel secondo Monroe. La seconda figlia di Alma e Ennis nel libro si chiama Francine, nel film Jenny.
  • L’edizione definitiva del film contiene una scena che non era presente nel libro e nemmeno nella sceneggiatura; dopo aver mostrato la prima notte d’amore tra Ennis e Jack come la descrive il racconto (spiccia, rude e cruenta), il film ne aggiunge una seconda del tutto speculare e voluta dal regista, in cui i due si avvicinano in modo del tutto opposto al precedente: pacato, dolce e rassicurante.
  • Il film segue un filo conduttore cronologico, salvo due flashback: quando a un Ennis bambino viene mostrato il cadavere di Earl e l’abbraccio di Ennis durante la prima estate a Brokeback Mountain, tanto rimpianto da Jack l’ultima volta che si vedranno. Altre piccole digressioni temporali del libro non sono presenti nel film o sono state reinserite cronologicamente in esso, come quando Jack va a trovare Ennis dopo il divorzio di quest’ultimo, scena del film successiva al divorzio stesso, che invece nel libro è citato solo in seguito come ricordo di Ennis.
  • Nel film Alma prega Ennis di trasferirsi con le figlie nella casa sopra la lavanderia per non rimanere troppo isolati dal paese; allo stesso punto del libro Alma lo prega di andarsene dalla casa sopra la lavanderia dove già abitano perché troppo piccola.
  • Il film si chiude una pagina prima rispetto alla conclusione del libro, proprio sull’ultima enigmatica e struggente battuta che Ennis pronuncia, “Jack, io giuro”.

 

b2

Nel racconto della Proulx, in poco più di cinquanta pagine, trascorrono innumerevoli stagioni, mentre nel film, Lee dilata i tempi e pause, cercando un’inusuale epicità romantica. “I segreti di Brokeback Mountain” è un film fatto di attese, sguardi, paesaggi sconfinati… è una romantica parabola sulle occasioni perdute, sulla debolezza umana. E’ una storia d’amore tra due ragazzi che diventeranno uomini, una storia d’amore fatta di lunghe attese e di scelte forzate. L’intesa che nasce tra Jack ed Ennis è fatta di piccole cose, cenni, complicità proprie di due persone che si stanno innamorando, piccole attenzioni che si vogliono nascondere per l’imbarazzo della situazione. Ma i due ragazzi riescono a vivere il loro amore, seppur per poco tempo, in maniera libera nascosti tra le montagne. Il distacco prematuro li porterà a una separazione lunga quattro anni e qui si conclude la prima parte del film dove conosciamo la forza di questo amore quasi primitivo, incomprensibile per gli altri, ma unico e insostituibile per Jack ed Ennis.

La seconda parte è fatta di lunghe attese… l’attesa di ritrovarsi, di amarsi, di vedersi nonostante le diverse strade che ognuno ha preso. Passano così vent’anni della loro vita ad aspettare le brevi occasioni che si concedono a vedersi clandestinamente a Brokeback Mountain, dove ritornano per pochi giorni due ragazzi liberi che possono amarsi. Sarà la notizia improvvisa della morte di Jack a far capire a Ennis quanto tempo hanno sprecato ad aspettarsi.

Non importa se sono due uomini, il sentimento raccontato nel film è universale.

b3

 

FONTI: https://it.wikipedia.org/wiki/I_segreti_di_Brokeback_Mountain

http://www.youtube.com

http://www.mymovies.it/film/2005/isegretidibrokebackmountain/frasi/

http://www.ondacinema.it/film/recensione/segreti_brokeback_mountain.html

 

Tonyella

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 aprile 2016 da in lgbt on the movie con tag , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: