Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “QUENTIN HEART, Cacciatore di vampiri” di Amber Kell

CACCIATORE DI VAMPIRI

TITOLO: Quentin Heart, Cacciatore di vampiri
TITOLO ORIGINALE: Quentin Heart, Vampire Bounty Hunter
AUTORE: Amber Kell
TRADUZIONE: Ernesto Pavan
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Fantasy
PAGINE: 362
FORMATO: Ebook
PREZZO: € 3,50 su Amazon
DATA USCITA: 6 Aprile 2016

LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio Basso
LINK DI ACQUISTO: Quentin Heart: Cacciatore di Vampiri

TRAMA:  Quentin Heart è un mago geniale con problemi sufficienti per tre persone. Sua madre sta morendo di cancro, un signore dei vampiri vuole farlo diventare una sua proprietà e un branco di necrolupi ha deciso di fargli da guardia del corpo a quattro zampe.

Quando il suo amico Glenn viene assassinato, Quentin Heart deve scoprire il colpevole e ritrovare il corpo. Sfortunatamente Jakinson, il nuovo signore dei vampiri, ha deciso di impedire a Quentin di cacciarsi nei guai.

Infastidito dal fatto che il mondo intero sembri intenzionato a ucciderlo o a tenerlo sotto controllo, Quentin è costretto a opporsi a vampiri, membri psicopatici del popolo fatato e a una nuova ed enorme quantità di magia. Avrà bisogno di ben più dei suoi poteri per uscirne. Chissà, forse gli ci vorrà l’amore.

 

MOKINAHo letto tutti i libri di quest’autrice tradotti finora in italiano e devo dire che non sempre mi hanno entusiasmata. Alcuni li ho trovati troppo corti e frettolosi, mentre altri mi sono sembrati migliori, ma sicuramente non eccelsi.

Quentin Heart mi ha piacevolmente sorpresa: vuoi per la trama più intricata,  vuoi per il suo strizzare l’occhio anche al fantasy più puro e vuoi anche per alcuni personaggi particolarmente riusciti. Tra tutti il mago strafatto Hafrey che, con la sua camicia hawaiana, mi ha simpaticamente ricordato il Merlino di disneyana memoria. Ma ho molto apprezzato anche il malinconico necromante Grevin, al quale auguro un bel libro tutto suo, con love affair a seguito.

Come ho già detto la trama è molto accattivante e parte già dal presupposto che nel mondo sia stata rivelata l’esistenza della magia e che venga utilizzata… anzi, addirittura studiata e portata come materia di esame. In questo strano universo, troviamo una moltitudine di creature che vanno dai semplici umani, ai vampiri, necrolupi, fate, troll e naturalmente maghi. Premetto di non avere mai avuto una grande simpatia per i maghi. Il loro tirar fuori dal cappello continui magheggi (appunto!) per tirarsi fuori da qualsiasi pasticcio, mi ha sempre dato un po’ fastidio. Devo ammettere, però,  che questo Harry Potter un po’ cresciuto mi è risultato particolarmente simpatico. Davvero gliene capitano di tutti i colori, ma lui va avanti, dritto per la sua strada, senza remore o timori, aiutato da enormi poteri che ne fanno uno dei maghi più potenti in circolazione.

Mi è piaciuto meno Jakinson, vampiro Master della città (posso dire che ogni volta che leggevo Padron Jakinson mi venivano in mente i libri BDSM della Logan?) che ci viene presentato come il classico maschio Alpha dominante – tu sei MIO e fai quello che dico io – e forse proprio per questo non riesce a entrare nelle mie simpatie. Non che il poveretto possa esercitare più di tanto il suo ruolo di Alpha, visto il caratterino spigoloso del maghetto.

Il lato romance è piuttosto defilato e a mio avviso abbastanza insoddisfacente. C’è il classico “colpo di fulmine” dovuto al Destino che li ha legati, ma il tutto risulta poco emozionante, come anche piuttosto fredda mi è sembrata l’unica scena di sesso. Ed è proprio questo uno dei problemi di questo romanzo: la mancanza di un adeguato approfondimento delle emozioni e dei sentimenti dei personaggi che modificano a malapena il loro stato d’animo, di fronte a: uccisioni di amici, madri morenti, familiari ritrovati o scoperta della propria anima gemella! Tutto questo viene ampiamente compensato dalla vivacità delle situazioni e dalla verve comica che aleggia per tutta la durata del libro e lo rende, comunque, una lettura divertente e piacevole.

Ottima la traduzione, come sempre con i libri di quest’autrice, anche se è sfuggito qualche piccolo refuso che non inficia comunque la lettura. In conclusione, pur non avendolo apprezzato al cento per cento, questo romanzo si è rivelato comunque una piacevole lettura che consiglio agli amanti del genere. Mi è comunque venuta voglia di leggere il seguito e questo vorrà pur dire qualcosa!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 2 maggio 2016 da in Fantasy, Recensione, Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: