Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “CINDER” di Marie Sexton

51LlDCJ1AaL._SX331_BO1,204,203,200_
TITOLO: Cinder
TITOLO ORIGINALE: Cinder
AUTORE: Marie Sexton
TRADUZIONE: Laura Di Berardino
CASA EDITRICE: Triskell Edizioni
GENERE: Fantasy
PREZZO: € 3,49 su Amazon
PAGINE: 92
USCITA: 22 Dicembre 2014
LIVELLO DI SENSUALITA’: Molto Basso

TRAMA: Eldon Cinder darebbe qualsiasi cosa per vedere il principe Xavier un’ultima volta, ma solo le donne sono invitate al ballo reale. Quando la strega gli offre di trasformarsi in donna per una sola notte, Eldon accetta.
Un incantesimo.
Una notte.
Un ballo.
Che cosa potrebbe andare storto?

 

MOKINAHo riletto con grande piacere questo delizioso romanzo e come sempre mi ha lasciata con un senso di dolcezza… quasi fiabesco. E già, perché alla fine è proprio di una favola che si tratta e come tale va letta e assaporata, accettando senza problemi la poca credibilità del tutto.

Il principe cerca moglie, ma nel frattempo incontra il giovane Cinder e instaura con lui un delicato rapporto d’amicizia che presto sfocerà in qualcos’altro. Quando i due si incrociano per la prima volta, in una magica radura, il Principe non indossa una scarpa e ho trovato questo piccolo particolare un vero colpo di genio dell’autrice che, da quella professionista che è, riesce a confezionare un buon prodotto anche con una rapida favoletta.

In questa delicata rilettura della fiaba di Cenerentola, la Sexton ci trasporta nel mondo di Cinder, ragazzo dolcissimo ma forse un po’ troppo remissivo (due calci al parentame no?) e del rassegnatissimo Xavier, principe ereditario costretto a sposarsi per poter diventare re. Nonostante all’inizio dimostri ben poca lungimiranza (e il povero segugio Milton ne sa qualcosa) il Principe si riscatta nel finale, tirando fuori carattere e coraggio. Ho particolarmente apprezzato le scene del ballo, dove ogni battuta aveva un suo perché e dove Cinder sorprende il principe (e noi) con il suo acume e la sua intelligenza, oltre all’estrema sensibilità che lo contraddistingue.

Nonostante le poche pagine, l’evolversi del rapporto tra il Principe e il Cenerentolo è descritto egregiamente e in maniera sensibile. Molto tenere anche le poche scene di sesso, delicate e mai volgari. Un’unica pecca rovina leggermente questo piacevole romanzo e cioè il finale frettoloso. Dopo essermi lambiccata il cervello per tutto il tempo per capire come i due piccioncini avrebbero ovviato al “piccolo” problema di Cinder, l’autrice risolve tutto in pochissime pagine. Bisogna ammettere, però, che l’escamotage utilizzato sia certamente ingegnoso e sorprendente… d’altronde, come direbbe Cinder: “È magia!»

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 giugno 2016 da in Fantasy, Racconto, Recensione, Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: