Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

ARTE E MUSICA… LE FERITE DEL VENTO

ARTE E MUSICA

Amici e amiche di Tre Libri Sopra il Cielo, buongiorno! Torniamo questa settimana a occuparci di teatro e dello spettacolo “Le ferite del vento”, che ha debuttato al Teatro Massimo di Cagliari (Sardegna) nel Febbraio di quest’anno.

 

ventoDell’autore contemporaneo Juan Carlos Rubio, con Luigi Tontoranelli e Corrado Giannetti, per la regia di Francesco Brandi, lo spettacolo “Le ferite del vento” è una storia di verità nascoste, di un rapporto irrisolto tra padre e figlio. E’ la storia di un figlio che solo dopo la morte del padre, un padre algido e difficile, rimettendo in ordine le sue carte, scoprirà una verità inaspettata e spiazzante.

La morte del padre obbliga David a farsi carico di tutte le incombenze pendenti. Frugando tra una montagna di carte, il giovane trova qualcosa di inatteso… lettere d’amore indirizzate a un uomo. David, sconcertato dalla scoperta, decide di andare a fare visita al presunto amante del padre e l’incontro con questo anziano signore gli darà modo di scoprire verità mai immaginate.

 

vento1

Estratto:

DAVID: “Se vuoi che ti confessi la mia omosessualità, stai perdendo il tuo tempo: non sono gay, è chiaro? Non tutti sono gay. E’ una cosa che voi gay dovreste accettare…”

GIOVANNI: “Tranquillo… sono sicuro che non sei gay, David. Essere gay non è così semplice come pensa la gente. No, no… Sono necessari anni di studi, di preparazione, di dedizione… Di dolore in molti casi… Tu non soddisfi questi requisiti… Con te la vita è stata buona…  Sì, sì, lo so che ti sono mancate le carezze di tuo papà e forse ne hai avute un po’ troppe dalla mamma, però non ti è mai mancato nulla…”

DAVID: “Con i soldi non si compra tutto…”

GIOVANNI: “Questa frase l’ho sempre sentita in bocca di quelli che hanno avuto ogni cosa.”

 

“Le ferite del vento” è un’opera che parla d’amore e tratta argomenti complessi con freschezza e profondità di chi certi problemi li ha vissuti, ma che li vede con modernità non comune. Una storia semplice, fatta di sentimenti ed emozioni tra padre e figlio, di famiglie, di coppie e di relazioni segrete. In fondo ogni uomo nasconde un segreto e ogni uomo si nasconde dietro a un segreto. Si può vivere accanto a qualcuno per anni, si può amare un compagno, un genitore, un figlio senza mai arrivare a conoscere i fantasmi e le inquietudini che ha dentro di sé, senza riuscire a penetrare il suo mondo interiore, a volte neanche a sospettare che questo mondo esista. Ma quando questo disvelamento arriva, se arriva, la scoperta può essere deflagrante.

David, alla morte del padre, si assume il compito di riordinare i suoi documenti, ignorando di stare per varcare una soglia senza ritorno e che quello che scoprirà sarà talmente inaspettato e spiazzante da costringerlo a rileggere tutto il suo passato. “Le ferite del vento” riesce a trasmettere la densità di emozioni che si provano e attraversa con leggerezza, delicatezza e ironia il complesso intreccio delle relazioni umane, a partire da quelle più difficili: le relazioni familiari. Racconta proprio come, in tale intreccio, spesso la paura di apparire fragili prenda il sopravvento, costringa a reprimere e censurare i propri sentimenti e non conceda altra strada se non rifugiarsi in solitudini fredde e austere. La morte del padre per David è l’occasione di superare questa paura di vivere e grazie all’incontro con un eccentrico e irresistibile mentore, Giovanni, di proiettarsi nella sua vita futura finalmente da uomo adulto e consapevole di se stesso.

Vi lascio con il video della conferenza stampa.

 

http://www.unionesarda.it/articolo/spettacoli/2016/02/06/cagliari_le_ferite_del_vento_in_scena_al_teatro_massimo-7-466083.html

 

 

 

FONTI: http://www.inaltreparole.org/2011/testi/le-ferite-del-vento

http://www.unionesarda.it

http://www.teatrostabiledellasardegna.it/spettacolo/le-ferite-del-vento

http://www.radiox.it/extralive/artecreativita/a-teatro-le-ferite-del-vento/

 

 

 

Tonyella

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 giugno 2016 da in ARTE E MUSICA con tag , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: