Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “IL MIO EROE – L’OLIMPIONICO” di Max Vos

 IL MIO EROE
TITOLO: Il mio eroe – L’olimpionico
TITOLO ORIGINALE: My Hero – The Olympian
AUTORE: Max Vos
TRADUZIONE: Francesca Giraudo
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Romance
E-BOOK:
PREZZO: € 4,99 su Amazon
PAGINE: 350 circa
USCITA: 6 Giugno 2016
LIVELLO DI SENSUALITA’: Altissimo
 
 
TRAMA: Dopo una serata romantica, Rich e Johnny si affacciano sul nuovo giorno come una coppia. Il coming out di Johnny li mette davanti a delle serie ripercussioni per come i compagni di squadra del giocatore si approcciano al nuovo compagno gay dichiarato.
Rich continua ad allenarsi per i Campionati del Mondo, riversando tutte le sue speranze e i suoi sogni nei Giochi Olimpici di Londra del 2012. Insieme dovranno affrontare delle preoccupazioni, visto il nuovo status di coppia.
Col supporto della famiglia e degli amici, i due ragazzi continueranno a crescere insieme, ma i pregiudizi e le avversità che dovranno affrontare a ogni angolo, li metteranno a dura prova.
Saranno in grado Rich e Johnny di affrontare insieme il mondo? Non importa quello che potrà succedere, in Rich, Johnny vedrà sempre il suo eroe.

13288885_10206426869612164_238208960_nRitrovarmi a parlare del seguito de “Il mio eroe” è un qualcosa di eccezionale perchè attendevo con ansia questo seguito e posso affermare a gran voce che questa duologia è entrata di prepotenza nel mio cuore. Se con la fine del primo libro ero rimasta piacevolmente colpita, con la fine del secondo sono rimasta letteralmente senza parole.

Un libro magnifico, che ho macinato dalla prima all’ultima pagina pur di scoprire cosa sarebbe successo ai due protagonisti che tanto mi avevano colpito e, devo ammetterlo, lo scrittore ha saputo eguagliare e superare di gran lunga le mie aspettative, l’ho adorato!

In “Il mio eroe- L’olimpionico”, veniamo gradualmente accompagnati nel futuro, tra settimane e mesi, veniamo posti davanti al presente e al futuro di Rich e Johnny. Una storia che cresce pagina dopo pagina, senza affrettare e senza intaccare la storia, un libro fatto di una crescita, sia interiore che esteriore dei due protagonisti.

Il primo libro era finito prospettandoci la futura partenza di Rich per Londra, i mondiali di tuffi e in questo secondo libro si partirà proprio da lì.

«Un gran finale romantico, eh?» commentò Johnny, mentre si avviavano verso il lato della piscina e ne uscivano. «Oh, non so, John, è stato abbastanza romantico. Voglio dire le candele, i fiori e poi la pizza. È stato perfetto. Non avrei mai pensato di fare un picnic sulla piattaforma dei dieci metri, tanto meno di fare sesso là sopra.» Rich carezzò il petto villoso di Johnny, sorridendo. «Non sarò mai più in grado di tuffarmi senza pensare a quello che abbiamo fatto stasera.»

Tra i due dopo le incomprensioni e la separazione è tornato il sereno, ma se per loro inizia un periodo magico fatto di rose e fiori, c’è però chi nella loro magia vede solo repulsioni e perversioni e così ritroveremo i nostri protagonisti a combattere contro persone che fomentano odio, imposto da dottrine di fanatici. In questo romanzo non c’è solo amore, ma risate, gioco, voglia di vincere e passione, ma anche uno squarcio di una realtà che mai come in questi giorni se ne sta sentendo parlare, l’omofobia. Ho apprezzato il modo in cui questa storia è stata strutturata, senza mai cadere nel banale e dando una carica incredibile che si percepisce pagina dopo pagina.

In questo seguito troveremo i due alle prese con problemi che metteranno a repentaglio la loro vita, ma la forza che avranno nel non volersi arrendere li porterà a capire davvero chi sia effettivamente loro amico. Ho amato la crescita sia di Rich che di Johnny e ho goduto nello scoprire che il loro è un amore con la A maiuscola, innamorati di quell’amore che nella vita capita una sola volta.

Un libro pregno di una dolcezza incredibile, dove lo scrittore riesce a regalarci una vita, lasciandoci con un sorriso beato sulle labbra e una sola tristezza: quella di dover salutare questo tuffatore e questo giocatore di football che tanto ci hanno regalato in questi due libri. Io non dirò loro addio ma soltanto arrivederci, perché ogni volta che vorrò sognare, mi basterà riprendere in mano i due libri e lasciarmi abbracciare dal loro amore!

«Ti amo, Rich Miller. Mi hai donato una vita meravigliosa.» «Non è ancora finita, sai?» ridacchio Rich. «Non siamo esattamente vecchi.» «Vero. Non vedo l’ora di cominciare la nostra nuova vita.» Johnny attirò Rich ancora di più a sé.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16 giugno 2016 da in Contemporaneo, Recensione, Romance, sportivo con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: