Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

TI RICORDI DI… CALEB e PETER de “SOTTO LA SUPERFICIE” di Kate Sherwood

sotto-la-superficie
TITOLO: Sotto la superficie
TITOLO ORIGINALE: Beneath the Surface
AUTORE: Kate Sherwood
TRADUZIONE: Veronica Rotondo
COVER ARTIST: L.C. Chase
CASA EDITRICE: Dreamspinner Press
GENERE: Contemporaneo
EBOOK: Si
PAGINE: 189
PREZZO: $ 6,99 su Dreamspinner
DATA DI USCITA: 24 Dicembre 2013
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio
LINK AMAZON: Sotto la superficie
 

TRAMA: Quando la compagnia lo manda nel sudovest dell’Ontario per persuadere una cittadina ad accettare la proposta di una cava di ghiaia, Peter Carr accetta con piacere la sfida. Tecnicamente è un avvocato, ma in pratica lui risolve i problemi. Solo che non si sarebbe mai aspettato che il problema fosse Caleb Sinclair, l’appassionato ma introverso ebanista che vive vicino al sito scelto per la cava.

“Conosci il tuo nemico.” È questa la filosofia di Caleb. E cercare di trasformare del terreno fertile in una miniera di ghiaia fa guadagnare a Peter il titolo di “nemico”. Caleb ama la terra e se deve far pace con i vicini omofobi per combattere Peter, così sia. Conoscere il nemico non si rivela però quello che lui si aspetta. Peter non è il mostro delle fiabe: potrebbe essere invece il primo passo verso un lieto fine.

martinaI problemi, nella cittadina di Rocky Creek, iniziano quando un’azienda che si occupa di cave da cui estrarre la ghiaia, acquista una fattoria del posto. Durante un’assemblea cittadina, in cui sono presenti i rappresentanti di tale azienda, Caleb Sinclair, proprietario di una casa che appartiene alla sua famiglia da generazioni e ubicata vicino a questa fattoria, decide di non stare a guardare lo scempio che queste persone vogliono compiere sui terreni della zona e si ribella contro l’avvocato di tale azienda, Peter Carr.

Peter si occupa di fare in modo che i lavori procedano senza intoppi e nel rispetto della legge. É un uomo carismatico e concentrato solo sul proprio lavoro, non vuole farsi fermare da questo ragazzo e cerca di conquistare la sua fiducia. Caleb ha sempre considerato Rocky Creek, e la fattoria dei suoi nonni, come casa sua. Per questo decide di combattere e lo fa anche per tutti gli abitanti del paese, nonostante alcuni di loro l’abbiano insultato e offeso nel momento in cui, finita la scuola, ha deciso di fare coming out, sfidando i bigotti e gli omofobi del paese. La sua vita è dedicata alla fattoria, ai due meravigliosi cani che vivono con lui, al suo migliore amico e alla sua grande passione, che è anche il suo lavoro: costruire mobili e altri oggetti con il legno. Ama fare questo mestiere, lavorare il legno lo rilassa e gli dà tante soddisfazioni. Cresciuto da una madre alcolizzata, si è sempre preso cura degli altri e continua a prendersi cura del fratello, scapestrato e approfittatore.

Peter, dal canto suo, ama il suo lavoro e l’ha sempre svolto senza preoccuparsi di ciò che provocava negli abitanti delle città ma, quando incontra Caleb, tutto cambia. Vedere l’amore che l’uomo nutre verso la sua terra, gli fa capire quanto costi alle persone vedersi portare via ciò per cui hanno lavorato per tutta la vita e questo, unito all’attrazione che comincia a provare per il giovane, lo fa riflettere su tanti aspetti della sua vita.

Da nemici ad amici e pian piano l’attrazione tra loro cresce, ma si trovano l’uno dalla parte opposta rispetto all’altro: vivono in due città diverse e il lavoro di Peter influisce sulla vita di Caleb. Con questi presupposti la loro storia non sembra avere uno sbocco verso il futuro e decidono quindi di restare amici, ma non riuscendoci fino in fondo. La passione e l’amore saranno più forti del lavoro e delle idee dei due uomini?

Il punto di vista alternato ci aiuta a conoscere la storia da più lati, ci fa capire tutta l’indignazione di Caleb verso quello che vogliono fare alla sua terra e tutte le motivazioni di Peter nel voler portare avanti le proprie idee. Vediamo l’attrazione di entrambi e come affrontano i problemi del loro presente. Da un lato abbiamo Peter, sicuro di sé e abile oratore, capace di convincere tutti a stare dalla sua parte e dall’altro Caleb, timido, ma con una grande forza che è disposto a tirare fuori ogni volta che quello a cui tiene di più viene minacciato.

I personaggi mi sono piaciuti, soprattutto Caleb e la storia è ben scritta, ma il libro non mi ha coinvolto al cento per cento e il finale l’ho trovato troppo sbrigativo. Tutto sommato, è stata comunque una lettura piacevole e scorrevole.

 

Salva

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27 giugno 2016 da in Contemporaneo, Recensione, Romance, TI RICORDI DI con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: