Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “L’AMORE CHE NON PUO’ DIRE IL SUO NOME” di Alexandra Steel

L'AMORE CHE

TITOLO: L’amore che non può dire il suo nome
AUTORE: Alexandra Steel
CASA EDITRICE: Self publishing
GENERE: Contemporaneo
E-BOOK:
KINDLE UNLIMITED:
PREZZO: € 3,51 su Amazon
PAGINE: 104
USCITA: 18 Giugno 2016
LIVELLO DI SENSUALITA’: Basso
 

TRAMA: Mister Bruce Kline, uomo di punta del mercato internazionale della Cosmetica e del Benessere, giunge in Italia per concedere un’intervista esclusiva ad un giornale, la cui importanza abbraccia anche le emittenti televisive.
Ma appena ci mette piede, sembra che il destino gli stia giocando un tiro mancino.
L’immagine di un ragazzo, unico e maledettamente affascinante, incontrato in terra Toscana quasi per caso, pare divenire sempre più a fuoco, risvegliando in lui quell’amore smisurato, destinato ad essere imprigionato in un ricordo il cui sapore lo ha portato al successo.
Bruce Kline è infatti giunto in Italia chiamato a gran voce da tutti coloro i quali hanno comprato e recensito il suo prodotto di nicchia: un profumo che sembra stregare migliaia di uomini e donne.
Ad un tratto quel ricordo diviene quasi reale, materializzandosi nella sua mente: Giulio dalla pelle ambrata dal sole, forgiato da quella terra selvaggia e affascinante, Giulio dal sapore di muschio e corteccia che lo ammalia con il suo sguardo, Giulio…l’Amore che non può dire il suo nome.
Ed ecco che il fato decide di muovere le sue fila trasformando quell’ intervista particolare, in un meraviglioso fuori programma dove l’epilogo davvero singolare, lo segnerà per sempre concedendo al suo cuore una seconda possibilità.

 

Mrs DarcyQuesto romanzo è sia storico che contemporaneo, in quanto le vicende trattate si svolgono in due epoche diverse, separate da cinquant’anni.

Nel 1965 assistiamo all’incontro tra il giovane Giulio, figlio del proprietario di un casale in Toscana dove si produce olio, e Bruno, un ragazzo arrivato da poco nel monastero vicino per studiare e produrre essenze e profumi. Questo incontro cambierà le loro vite per sempre, in un mondo dove l’omosessualità non è neppure contemplata e la parola gay è sconosciuta.

Giulio è sorpreso e rapito da questo amore improvviso e inaspettato, i loro incontri furtivi sono la prima cosa bella e solo sua che la vita gli ha donato, finché una tragedia che lo colpisce duramente produce un effetto inaspettato, tanto che Bruno sparisce improvvisamente senza una parola o un perché, lasciando Giuglio disperato e senza speranze.

Passano gli anni, ora siamo nel 2015. Una morte ormai attesa scombussola una famiglia come tante: l’ultraottantenne nonna Alma è morta lasciando un marito di quasi vent’anni più giovane, tre figli adulti e vari nipoti tra cui Elena, nipote preferita del nonno e coprotagonista del romanzo. Elena è una giornalista molto impegnata, con in ballo un’importante intervista con l’ideatore di un nuovo profumo, ma al momento della tragica scomparsa della nonna mette tutto da parte per correre dal nonno, per consolarlo e non lasciarlo solo con il suo dolore. Immaginate la sua sorpresa e il suo sconcerto nel ritrovarlo invece sereno, deciso e soddisfatto, con molte idee per il futuro, tra cui il suo coming out, che per lei è un trauma e una scossa che la sconvolge e che avrà, anche qui, conseguenze imprevedibili.

Saltando tra passato e presente, scopriamo la vita e le scelte dolorose e forzate di Giulio, che ha sposato per convenienza la ricchissima e prepotente Alma, decisa a sposarlo a ogni costo senza però provare per lui né amore né stima (devo dire che ho provato anche pena per lei, imprigionata nella sua figura di “cattiva” della storia, ma anche prigioniera della sua ricchezza e dell’essere donna mezzo secolo fa, quando l’unico destino permesso era quello sposarsi e fare figli). Elena, sorpresa e incredula, ascolta il racconto del nonno sul suo passato e sul suo unico grande amore, confidenze che minano le sue certezze e le sue idee sul suo imminente matrimonio. L’incontro con l’affascinante Bruce apre ancora nuovi scenari e svela antichi perché, con risultati ancora una volta imprevedibili.

Interessante romanzo tra lo storico e il contemporaneo, romantico e malinconico, a tratti molto commovente; l’ho letto con piacere, i personaggi sono buoni e trama è di certo originale, come ottima e inusuale ho trovato l’ambientazione toscana e il mondo delle fragranze e dei profumi.

Salva

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 luglio 2016 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: