Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “VOGLIO FONDERMI IN TE COME IL FIUME SI FONDE NEL MARE” di Emiliano di Meo

 voglio fondermi
TITOLO: Voglio fondermi in te come il fiume si fonde nel mare
AUTORE: Emiliano di Meo
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Contemporaneo
E-BOOK:
PREZZO: € 2,99 su Amazon
PAGINE: 73
USCITA: 6 Agosto 2014
LIVELLO DI SENSUALITA’: Alto
 

TRAMAMaduka è un ragazzo nigeriano, vive in Italia, ed è cautamente omofobo; nel senso che esserlo gli sembra più prudente che non esserlo.
Pochi giorni dopo aver perso il lavoro incontra Giorgio, un uomo maturo e rispettoso, e quest’ultimo gli propone di lavorare per lui nel suo stabilimento balneare gay e Maduka per necessità accetta. Lì conoscerà Carlo, compagno di Giorgio, con il quale, superata l’iniziale diffidenza, nascerà un’amicizia e poco alla volta l’amicizia cederà il posto ad esigenze e sensazioni nuove.
Maduka scoprirà che il percorso seguito dal desiderio non è sempre rettilineo e se non si ha paura di smarrirsi per un po’ può succedere che un uomo possa sorprendersi attratto ad un altro uomo.
Questa è la storia di una passione incontrollabile.

elyEmiliano Di Meo, nelle sue storie, ha sicuramente il pregio di creare trame nient’affatto scontate, i suoi personaggi sono sempre caratterizzati in modo particolare, il loro narrare è diretto, esplicito, sia nei fatti che nelle emozioni, persino nel linguaggio talvolta senza filtri; le avventure di questi personaggi esulano dalle trame ‘classiche’ del m/m romance e il fatto che egli scelga strade meno battute è apprezzabile e che poi le cali sempre nella realtà italiana è un punto a suo favore.

In questa storia, per esempio, conosciamo Maduka, un ragazzo ventenne, di origine nigeriana, che si trova per necessità ad accettare un lavoro estivo in uno stabilimento balneare, per una clientela esclusivamente gay. All’inizio, per sua stessa ammissione, Maduka non sa bene come comportarsi, perché non ha mai conosciuto persone esplicitamente omosessuali nella sua cerchia di amici e parenti, quindi la sua omofobia è più una certa diffidenza di circostanza. Eppure i suoi datori di lavoro, i cinquantenni Carlo e Giorgio, che nella vita reale sono anche una coppia da oltre vent’anni, lo accolgono con generosa disponibilità, arrivando addirittura a ospitarlo a casa loro per facilitargli la vita.

La loro routine è affiatata e piacevole fino al momento in cui Giorgio, per motivi di lavoro, deve assentarsi da casa sempre più e sempre più spesso. Il legame di confidenza tra Maduka e Carlo, di conseguenza, si rafforza sempre più, dando vita a una scherzosa complicità che, man mano che la convivenza prosegue, trova sfogo in punzecchiamenti e allusioni sessuali che i due faticano ad arginare… fino a quando non cedono al desiderio e alla bramosia che li sta corrodendo: Maduka, per capire se davvero è attratto da un altro uomo, e Carlo perché, pur amando davvero Giorgio, ha bisogno di sentirsi ancora desiderato e amato, avendo perso la complicità col suo partner, affievolita da un po’.

Mi fermo qui per non rovinarvi la lettura, ma posso dirvi che la storia è divisa in due parti: la prima corposa, lunga tutta l’estate e  poi quella finale, ambientata sei anni dopo, come epilogo. Devo ammettere che il concetto di tradimento mi urta i nervi e, fino alla fine, Giorgio è quello che mi ha fatto pena, perché è un personaggio buono e tale rimane. L’autore, però, ha saputo trovare nell’introspezione di Maduka – l’io narrante – e nei comportamenti di Carlo, delle motivazioni verosimili, che non giustificano l’atto in sé, certo, ma fanno capire la debolezza dell’animo umano e le sue tentazioni.

La trama contiene numerose scene di sesso esplicito e il linguaggio utilizzato potrebbe urtare l’emotività di alcuni lettori particolarmente sensibili, anche se fa parte della dinamica di questa coppia. Se cercate una storia d’amore classica, questa non lo è. Se cercate una storia coinvolgente e personaggi umani, quindi non perfetti, dovreste darle una possibilità.

Salva

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: