Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “PER UNA CAUSA COMUNE ” – Serie Una buona causa #2 – di Andrew Grey

per-una-causa-comune
TITOLO: Per una causa comune
TITOLO ORIGINALE: The Fight Within
AUTORE: Andrew Grey
TRADUZIONE: Ernesto Pavan
CASA EDITRICE: Dreamspinner press
GENERE: Cowboy
COVER ARTIST: Anne Caine
E-BOOK:
SERIE: Una buona causa #2
PREZZO: $ 6,99 su Dreamspinner
PAGINE: 181
USCITA: 16 Agosto  2016
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio Alto
TRAMA:  Bryce Morton ha bisogno di cambiare aria: dalla morte del suo compagno, avvenuta un anno prima, è diventato distante e taciturno. I suoi amici, Jerry Lincoln e Akecheta (John) Black Raven, lo convincono ad andare in campeggio con loro in una riserva Sioux. Anche se l’idea lo lascia perplesso, l’interesse di Bryce aumenta quando conosce Paytah, il proprietario dell’emporio del posto.

La vita di Paytah Stillwater è colma di sofferenza e l’unica cosa che gli rimane è l’orgoglio. Dopo essere stato abusato da bambino e aver visto la propria denuncia accolta con incredulità, si è chiuso in se stesso, ma non riesce a mettere una pietra sul passato, perché la causa del suo dolore sta ancora nella riserva. Paytah è orgoglioso delle tradizioni del suo popolo e custode attento del proprio cuore, ma quando Bryce compie un gesto di altruismo nei confronti di un bambino nativo, le mura che ha costruito attorno a sé cominciano a crollare.

Bryce e Paytah devono affrontare entrambi il dolore che si portano dentro. Quando colui che ha fatto del male a Paytah posa gli occhi su uno dei ragazzini della riserva, i due devono mettere da parte la propria lotta interiore. La ricerca di un modo per fermare quell’uomo li unisce in una causa comune e nel cammino verso un futuro insieme.

 

Mrs DarcyIn questo secondo capitolo della serie ritroviamo Bryce, giovane programmatore informatico assunto da Jerry tre anni prima. Questo dovrebbe essere il momento più felice della sua vita, a due giorni dal matrimonio con il suo compagno Percy, quando purtroppo un crudele destino distrugge la felicità dei due giovani, gettando Bryce nella disperazione. Passato un anno da allora, Bryce non ha ancora superato il brutto momento, nonostante l’appoggio e l’amore che i suoi famigliari, insieme agli amici Jerry e il suo compagno John, gli danno.

Questi ultimi hanno costruito una famiglia felice insieme ai nipoti di John, Mato e Ichante, ed è ormai una realtà anche il loro progetto di aiutare la tribù di John con corsi di informatica per bambini e adulti, anche se i problemi sono tanti e i sogni a volte impossibili, essendo la riserva povera di risorse e quasi priva di prospettive per i suoi abitanti.

Tra gli allievi adulti spicca il giovane e scontroso Paytah, proprietario dell’emporio del villaggio, con una particolare avversione per i “bianchi”, oltre a essere sempre solo, triste e chiuso in se stesso. Paytah suscita in Bryce irritazione e curiosità, oltre a una grande attrazione quando riesce, con difficoltà, a conoscerlo meglio.

I timidi incontri e gli accenni di simpatia tra i due si scontrano con i sensi di colpa di Bryce verso il compagno perduto, mentre un’ombra cupa incombe su Paytah, un’ombra del passato che ha creato un muro tra il giovane nativo americano e tutti gli altri, impedendogli di avere una vita normale e serena: abusi sessuali quando era un ragazzino lo hanno pesantemente segnato, il colpevole per di più è una persona importante e benvoluta, quasi inattaccabile.

Bryce con tatto e perseveranza diventa suo amico e presto anche di più, ma affrontare i problemi e il segreto di Paytan non è certo facile, nonostante l’aiuto dei loro amici e di due donne meravigliose: Laura la madre di Bryce, ottima psicologa, e Kiya madre di John, amorevole e agguerrita, una coppia di donne decise e implacabili, determinanti nel risolvere problemi e aiutare gli altri.

Dopo anni di paura, rabbia e vergogna, finalmente il giovane sembra pronto ad affrontare i suoi demoni, con l’appoggio di un Bryce sempre più coinvolto dalla situazione terribile di cui viene a conoscenza e certo non facile da risolvere, come anche dalla situazione della riserva e dei suoi abitanti, verso cui ha molte idee e proposte per migliorare la loro vita.

Mentre Paytah deve affrontare l’uomo che gli ha fatto del male, Bryce è insicuro sul loro futuro: come possono avere una relazione con vite, lavori, case così diversi e lontani? Riusciranno a trovare un punto d’incontro, un luogo dove nessuno di loro si senta diverso?

Molti personaggi vecchi e nuovi si intrecciano in questo ottimo romanzo rendendo viva la storia, in particolare i fantastici genitori di John, poi Crayton, il fratello allo sbando di Paytah e un gruppo di bambini indimenticabili come Little Wamblee e il fratellino Franck, che ci fanno comprendere la vita disagiata di moltissimi bambini che vivono nelle riserve, in contrapposizione ai nipoti di John, ora finalmente sereni e amati. Altre figure di nativi americani spiccano, come la dipendente di Paytah, Alowa, e Coyote e Cervo Che Corre ci fanno entrare nella vita complessa e problematica di una riserva dove alcol, povertà, famiglie divise e sfruttatori di ogni tipo sono la normalità e rendono la vita della comunità difficile e con poche speranze di miglioramento.

Niente paura, il lieto fine è d’obbligo e la storia d’amore è molto bella, romantica e ricca di passione, le parti drammatiche naturalmente ci sono ma non sono strazianti come in altri libri con lo stesso doloroso argomento anche se, naturalmente, mi hanno fatto arrabbiare e anche commuovere. Giudizio altamente positivo, in attesa di leggere il prossimo e, purtroppo, ultimo libro di questa ottima serie.

Salva

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: