Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “L’IRONIA DELLA SORTE” – di Mathias P. Sagan

14060157_1059495227479455_901507897_o

TITOLO: L’ironia della sorte
TITOLO ORIGINALE: L’Ironie d’un Sort
AUTORE: Mathias P. Sagan
TRADUZIONE: Giulia D’Alessandro
CASA EDITRICE: Self Publisher
SERIE: Ironia #1
GENERE: Romance
PAGINE: 330
FORMATO: Ebook
PREZZO: € 3,99 nei migliori store
DATA USCITA: 1 Settembre 2016

LIVELLO SENSUALITA’: Medio

LINK AMAZON: L’Ironia della Sorte

TRAMA: Alain è un giovane parrucchiere con una vita complicata. Ha appena compiuto diciotto anni, è molto giovane e scopre la vita troppo in fretta, trascinando con sé un pesante fardello da gestire. Durante i suoi incontri fa delle scelte, a volte azzeccate, a volte controverse. Potrà, da solo, riprendere il filo della sua esistenza? O sarà il destino che, ironia della sorte, guiderà i suoi passi verso una vita più stabile?

 

Mon reveAlan è veramente troppo giovane per sopportare tutto il peso e il dolore della vita che sta vivendo. La depressione lo consuma e lo porta spesso a cercare di scrivere la parola fine alla sua esistenza. L’ultima volta quasi ci riesce, non fosse che qualcosa lo induce a chiedere aiuto. Dicono che per risalire bisogna toccare il fondo e Alan lo ha fatto.

Ma Alan ha diciotto anni. Alan ha diciotto anni e un figlio di tre, ed è solo per lui che decide di voler vivere. In realtà Alan ha delle persone intorno a sé che gli vogliono bene, ma quando hai questa bestia nera che ti divora dall’interno, non ti accorgi che al di fuori c’è gente che a te ci tiene, con cui potresti parlare, che ti potrebbe aiutare; devi trovare da solo un motivo per vivere, un qualcosa che ti tiri fuori da quel tunnel che ti sembra senza fine. E per Alan il motivo diventa solo ed esclusivamente Hugo.

Del perché Alan, chiaramente gay, abbia avuto un figlio a quindici anni ve lo lascio scoprire da sole, ma è per questo figlio, tenuto nascosto e ben protetto, che decide di fare una scelta, degradante, pericolosa e sbagliata, ma che lo porterà a stare finalmente con il suo bambino.

Dicono che tutti abbiamo un angelo custode e Alan il suo lo conosce per davvero. Georges è un uomo buono che non chiede niente in cambio per quel che fa, la sua è una missione e i suoi interventi sono dettati dal senso di colpa per un errore di gioventù. Alan è il suo ultimo “progetto” e dovrà abbattere la sua diffidenza e il suo rancore per far sì che il ragazzo possa avere una vita normale, un futuro in cui le lacrime, la disperazione e la tristezza non siano il punto focale della sua esistenza.

Questa è la storia di Alan, ma non solo. Alan è l’ultimo, per cui la curiosità mi ha spinto a chiedermi quali fossero le storie di Armand, Kevin, Grégoire e Peter, anche se devono essere tutte simili perché tutti quanti sono stati scelti per lo stesso motivo. Ci sono tantissimi personaggi in questo libro, quasi tutti da amare, dai colleghi di Alan, ai domestici di Georges. Per ciò che riguarda la famiglia, ci si sofferma un attimo a odiare il padre omofobo e perbenista che si rivela essere solo un ipocrita bugiardo e a dare un’occhiata di compassione alla madre sottomessa ma che riserva delle sorprese. I fratelli, invece, sono un po’ distaccati ma sapranno dare il giusto valore alla parola famiglia.

Mi sono chiesta perché l’autore avesse voluto attribuire un’età così giovane al protagonista, ma poi ho pensato che nonostante le sofferenze che gli ha fatto passare nell’adolescenza, gli ha comunque regalato la forza, il carattere e la determinazione per ricominciare.

E “ricominciare”, a soli 18 anni, per Alan vuol dire una lunga e felice vita da vivere con Hugo e …

Salva

Salva

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 7 settembre 2016 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: