Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “UN FIUME IN PIENA” di Leta Blake – 9 Dicembre 2016

cover500
TITOLO: Un fiume in piena
TITOLO ORIGINALE: The River Leith
AUTORE: Leta Blake
TRADUZIONE: Stefania Trivelloni
CASA EDITRICE: Triskell Edizioni
GENERE: Contemporaneo
E-BOOK:
PREZZO: € 4,99  su Amazon
PAGINE: 211
USCITA: 9 Dicembre 2016
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio
LINK DI AMAZON: Un fiume in piena
 

TRAMA: Dopo un incidente sul ring, il pugile dilettante Leith Wenz si risveglia e scopre che i suoi ricordi risalgono a tre anni prima. Senza appigli e combattendo per affrontare la sua nuova condizione, Leith deve fare nuovamente i conti con dolorose rivelazioni riguardanti la sua famiglia.

Il fratello è al suo fianco per sostenerlo, ma è il viso poco familiare di Zach, che gli è stato presentato come il suo migliore amico, a donargli la tranquillità che desidera ardentemente. Fino a quando la presenza di Zack comincia a suscitare in lui sentimenti che non riesce a spiegarsi.

Per Zach, essere dimenticato dal suo partner è straziante, ma sta attento a non rivelare la verità a Leith per proteggere entrambi da ulteriori sofferenze. Riesce a dare sollievo e voce alle sue turbe interiori solo confessando paure e dolori all’anonimo Internet. Ma dopo che Leith sembra cominciare ad aprirsi, le scelte di Zach potrebbero ritorcersi contro di lui.
E alla fine Leith dovrà interrogare il suo cuore con domande a cui la sua memoria non riesce più a rispondere.

Mrs Darcy“Il tempo era come un fiume e la memoria ne era la corrente. Il tempo scorreva senza interruzione, anche se qualcuno o qualcosa provava a mettersi contro. Ma la memoria poteva essere cambiata, persino persa. Simile alla corrente, poteva trasportare una persona molto lontano dal suo punto di partenza per poi lasciarla in un punto dove non avrebbe mai pensato di trovarsi”.

Questi sono pensieri del giovane Leith, elaborati in un momento di sconforto e di dolore, e riassumono la sua storia recente e il succo del romanzo: da poco uscito dal coma dopo un incontro di boxe, Leigh non ricorda più gli ultimi tre anni, la sua memoria si è fermata al periodo in cui era appena uscito di prigione ed era apparentemente etero.

Era, perché non si ricorda più di convivere ormai da tempo con il suo coinquilino Zach. Il fratello maggiore Arthur, d’accordo con lo psicologo che segue Leigh, gli rivela notizie poco alla volta per non comprometterne la guarigione, sperando che la memoria torni da sola. Nei tre anni passati molte cose sono successe, oltre all’amore sbocciato con Zach: il padre è morto, lui ha iniziato a frequentare l’università, ha molti cari amici e una carriera da pugile in ascesa.

Attraverso gli occhi di Leigh osserviamo i molti personaggi che ruotano intorno a lui: Arthur appunto, il fratello non privo di difetti e di segreti ma molto unito a lui e pronto ad aiutarlo in ogni modo; Zach, il suo “più caro amico”, per il quale prova un insolito attaccamento e dell’ancor più insolita attrazione; le altre due coinquiline Marian e Ava, sempre pronte a confortarlo e il dottor Thakur, lo psicologo, con i suoi pensieri zen e le sue metafore sull’India.

Mille pensieri e paure riempiono la mente del giovane: perché è così attratto da Zach? Le cose che gli vengono dette sono tutte vere? Ci sono segreti relativi alla sua famiglia che gli vengono tenuti nascosti? Quale sarà il suo futuro se la memoria non ritornerà?

Per Zach le cose non sono certo migliori: dopo il ferimento di Leigh la sua vita felice è distrutta e, anche se il suo compagno non è morto, di fatto non esiste più per lui e non sa come affrontare il dolore. Un momento di sbandamento lo porterà a commettere poi un errore che non sarà senza conseguenze.

Il racconto del recupero e della scoperta della nuova vita di Leigh ha come contrappunto la stessa storia ma narrata da Zach nel suo videoblog, in cui descrive la disperazione, la paura per quel ferimento quasi mortale e la frustrazione per la perdita del suo compagno, vivo ma non più lo stesso.

Ho trovato questo espediente narrativo un’idea molto valida, in cui il POV dei protagonisti si alterna in modo originale ed efficace, riuscendo a far immedesimare il lettore con entrambi i protagonisti, senza appesantire la trama con inutili e continue ripetizioni degli avvenimenti, anzi rendendola più viva e credibile: sembra quasi di vedere con i propri occhi Zach aprire il suo cuore davanti a una webcam.

Ottimo romanzo con una bella trama e protagonisti che non dimenticherò, co-protagonisti ben delineati e non banali, scene drammatiche, commoventi, romantiche e sensuali ben dosate e mai superflue, in un’altalena di emozioni che mi ha lasciata piacevolmente soddisfatta alla fine della lettura.

Salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12 dicembre 2016 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: