Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “DOVE C’E’ FUMO” di L.A. Witt – 11 Gennaio 2017

dove-ce-fumo
TITOLO: Dove c’è fumo
TITOLO ORIGINALE: Where there’s smoke
AUTORE: L. A. Witt
TRADUZIONE: Barbara Belleri
CASA EDITRICE: Triskell Edizioni
GENERE: Romance
EBOOK:
PAGINE: 343
PREZZO: € 6,99 su Amazon
DATA USCITA: 17 Gennaio 2017
LIVELLO DI SENSUALITA‘: Alto
LINK DI AMAZON: Dove c’è fumo
 

TRAMA: Anthony Hunter si chiede che diavolo gli è saltato in mente di accettare di condurre la campagna di un candidato inesperto perché venga eletto Governatore della California. Non appena incontra il bellissimo, carismatico – e sposato – politico, l’attrazione si scontra immediatamente con la sua solida professionalità, e Anthony si rende conto di trovarsi in una situazione molto difficile.

A Jesse Cameron non piace l’idea di presentarsi come un candidato retto e felicemente sposato, ma suo zio, ex senatore, insiste col dire che questo gli darà un vantaggio sul suo rivale. L’unico problema è che il matrimonio di Jesse è finito, ed esiste solo per mantenere intatta la sua facciata eterosessuale. Oh, e poi c’è il piccolo dettaglio che riguarda la sua innegabile attrazione verso l’estremamente sexy campaign manager. O il fatto che quell’attrazione sia molto, molto reciproca.

Non ci vuole molto prima che la tentazione esploda in una rovente relazione segreta, ma sotto il microscopio dei media e lo scrutinio del pubblico votante, Anthony e Jesse riescono a nascondersi solo fino a un certo punto.

E questo è uno scandalo al quale una campagna non può sopravvivere…

elyQuando mi è stato proposto di recensire “Dove c’è fumo” ero in fibrillazione per vari motivi: L.A. Witt è una delle mie autrici preferite e adoro ogni storia che sforna, l’argomento di questo libro è in linea con il mio attuale telefilm favorito e, soprattutto, ho seguito con interesse i tweet della signora Witt durante le elezioni americane ed ero curiosa di vedere come si sarebbe destreggiata con una tematica analoga, benché questa vicenda sia stata scritta già qualche anno fa.

Il risultato? Mi ha conquistata. Completamente conquistata. Non importa se la storia parte avvantaggiata, perché è davvero impeccabile sotto ogni aspetto: per trama, caratterizzazione dei personaggi e stile. Il titolo, ad esempio, è pressoché perfetto per molteplici ragioni. Come sappiamo, è l’incipit di un noto proverbio, qui molto calzante, ma la cosa non si esaurisce lì. Nella storia si parla anche di ‘cortina di fumo’ per sviare scomode verità e, soprattutto, fumo e accendini avranno i loro momenti di gloria. Le descrizioni di Anthony sono riuscite a far venire i brividi e palpitazioni anche a me, non solo a Jesse.

Tutto il libro è percorso da una sottile corrente che mi ha elettrizzata, tenendomi incollata alle pagine. L’attrazione che si percepisce fra Jesse e Anthony arriva fino al lettore e ci si ritrova a sentire sulla pelle ogni emozione, ogni turbamento. La trama, nient’affatto scontata, è appassionante e, fino all’ultima riga, si rimane col fiato sospeso. Devo complimentarmi con l’autrice per l’idea, ma anche per la resa italiana, talmente coinvolgente da far perdonare facilmente qualche piccolo refuso sfuggito.

In questa storia ho avuto il batticuore, ho riso e brontolato, mi sono indignata e perfino commossa in un paio di punti. Abbiamo dei personaggi eccezionali. Non solo Jesse e Anthony, due uomini tosti che diventano deliziosi budini tremanti, così diversi e così perfetti insieme, ma tutta una serie di altri soggetti che impreziosiscono la trama. Sotto una patina di successo e vite da copertina, si nascondono argomenti delicati, come l’omosessualità forzatamente occultata dei personaggi conosciuti, la mancanza di privacy, la violenza domestica e i disordini alimentari. Il tutto è trattato in modo plausibile e rispettoso, anche se non edulcorato.

Ho adorato che Jesse abbia dei solidi principi e un’umanità toccante, così come ho amato che Anthony – il migliore dei compaign manager, il più spietato e temuto – in realtà non giochi mai sporco, non basi i propri successi scavando nel fango degli altri. La sua onestà ideologica mi ha colpita positivamente, visto che – si sa – in politica tutto è lecito, pur di vincere.

Ranya, l’assistente di Jesse, merita un applauso a parte, perché la sua ironia e i suoi consigli sono davvero preziosi. Ho parole di merito anche per Simone, la moglie di Jesse, che qui ha l’ingrato compito di essere ‘il terzo incomodo’. Il suo rapporto con Jesse è particolare e il mio consiglio è di darle fiducia. È molto umana nelle sue fragilità, ma è soprattutto una bella persona.

Lasciatevi conquistare da questa bellissima storia, completa sotto ogni aspetto, a partire dalle scene sensuali che non mancano e sono davvero, davvero coinvolgenti, a volte un po’ intense, ma anche passionali e dolcissime, per passare ad altre mille sfaccettature di questo gioiellino. Da leggere? Assolutamente sì.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 gennaio 2017 da in Contemporaneo, Recensione in anteprima con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Seguiteci su twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: