Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “IL DEBITO” di K.C. Wells – 24 Gennaio 2017

il-debito
TITOLO: Il debito
TITOLO ORIGINALE: Debt
AUTORE: K.C. Wells
TRADUZIONE: Cristina Fontana
CASA EDITRICE: Dreamspinner Press
GENERE: Contemporaneo
COVER ARTIST: Ethan James Photography, Design Paul Richmond
E-BOOK:
PREZZO: $ 6,99 su Dreamspinner
PAGINE: 246
USCITA: 24 Gennaio 2017
LIVELLO DI SENSUALITA’: Molto alto
LINK DI AMAZON: Il debito

TRAMA: A  Mitch Jenkins viene a mancare la terra sotto i piedi quando la relazione di due anni con il suo compagno arriva a una brusca fine. Sono passati due mesi e lui sta ancora soffrendo. Nel tentativo di risollevargli il morale, un collega lo conduce in un club ʻsegretoʼ. Mitch non è minimamente interessato a quei giovani gay che si pavoneggiano, finché non nota in fondo alla sala un ragazzo con il naso infilato in un libro, incurante dell’ambiente circostante. Adesso sì che Mitch è interessato. 

Nikko Kurokawa vuole estinguere il proprio debito e andarsene dal Black Lounge. Guadagnarsi la libertà non è un compito semplice, specialmente quando inizia ad attirare l’attenzione. La vita diventa un po’ più facile da sopportare quando conosce Mitch. Lui non è come gli altri uomini che frequentano il club. Mitch lo intriga e riesce a catturare il suo cuore, dandogli il coraggio di affrontare qualsiasi cosa. A breve Nikko sarà fuori di lì, e lui e Mitch potranno capire se esiste un futuro per loro. 

Nessuno dei due ha tenuto conto di chi non vuole che Nikko se ne vada…

MOKINAHo letto svariati romanzi di quest’autrice e posso sicuramente affermare che mi sono sempre piaciuti, alcuni più e altri meno, ma sempre letture godibilissime. Solitamente (perlomeno in quelli tradotti in Italia) le sue storie mantengono una vena piuttosto soft e proprio per questo mi sono stupita nel leggere la trama de “Il debito”, stupita e intrigata.

Tutto presupponeva un dark romance pieno di angst e dolore e sì, in effetti la storia è senza alcun dubbio molto “forte”, ma l’autrice ha saputo stemperare le situazioni più estreme e fastidiose, evitando di farcele vivere “in diretta” e dandocene un assaggio solo attraverso le memorie del giovane prostituto.

Con questo non voglio dire che non si parli di abusi, ma mentre le scene di sesso tra i due protagonisti sono descritte profusamente, in maniera dolce, coinvolgente e moooolto hot, quelle relative alla parte più sordida del “lavoro” di Nikko vengono solo lasciate intuire.

La prima parte del romanzo è incredibilmente intensa e intrigante: Mitch, professore di letteratura dalla vita piuttosto abitudinaria, viene trascinato da un amico compiacente in un club privato molto particolare. Quando Mitch scopre che si tratta di un bordello, rimane inorridito e sta per andarsene, fino al momento in cui i suoi occhi non si soffermano su un bellissimo ragazzo orientale, seduto in un angolo, in attesa del suo primo cliente… da quel momento la vita del pacato professore non sarà più la stessa.

Nikko deve pagare un debito enorme e l’unica possibilità che gli viene concessa è quella di vendere il proprio bellissimo corpo;  molto presto, però, si rende conto che gli uomini che pagano per averlo, possono rivelarsi incredibilmente crudeli…

Entrambi i protagonisti sono ben caratterizzati e approfonditi, ma devo ammettere di aver preferito Nikko che, nonostante i suoi ventidue anni e la disarmante ingenuità che lo ha fatto cacciare in questo tremendo pasticcio, dimostra comunque un carattere determinato e maturo.

Mitch, invece, non mi ha convinta del tutto, dandomi l’impressione di essere troppo debole e poco intraprendente. Capisco che non siamo di fronte al solito g-men o maschio Alpha che corre in aiuto del suo amore – Mitch rimane comunque un professore di inglese – ma che a 45 anni suonati senta il bisogno di correre da mamma e papà per farsi dire cosa fare, beh… diciamo che me lo ha fatto apprezzare un pochino di meno. A proposito di età: è indubbio che i 23 anni di differenza tra Mitch e Nikko siano davvero tanti, ma vi assicuro che insieme i due piccioncini fanno faville (preparate i ventagli!) e sono anche deliziosamente dolci e romantici.

Nella seconda parte del romanzo la storia perde un po’ di smalto, cambiando registro e virando verso il romance puro con tanto di momenti teneri e familiari. Oltre ai numerosi membri della famiglia di Mitch, i personaggi di contorno sono tutti piuttosto interessanti, specie uno di loro che ci regalerà un piccolo colpo di scena che mi ha lasciata piacevolmente stupita.

Prima di concludere, vorrei soffermarmi sul pregevole lavoro di traduzione ed editing (ottimo italiano, zero refusi, zero sbavature) che ha reso la lettura di questo bel romanzo ancora più piacevole. E non dimentichiamo la cover: di grande impatto e  perfetta nella sua semplicità.

Devo ammettere che avrei preferito un finale più, come dire… punitivo (capirete quando leggerete), ma è l’unico appunto che mi sento di fare a questo fantastico libro che mi ha davvero appassionata e di cui consiglio assolutamente la lettura.

Salva

Salva

2 commenti su “RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “IL DEBITO” di K.C. Wells – 24 Gennaio 2017

  1. Cristina Fontana
    18 gennaio 2017

    Grazie per la bella recensione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 gennaio 2017 da in Contemporaneo, Recensione in anteprima, Romance con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: