Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

LGBT… ON THE MOVIE

lgbt on the movie

 

Buongiorno amici e amiche del Blog, questa settimana torna protagonista la rubrica LGBT… ON THE MOVIE con il film drammatico “Albert Nobbs” diretto da Rodrigo Garcìa, basato su un racconto dello scrittore irlandese George Moore e sul suo adattamento teatrale a opera di Simone Benmussa, “La singolare vita di Albert Nobbs”.

Il film è interpretato da Glenn Close, Mia Wasikowska, Aaron Johnson e Janer McTeer.

 

Ambientato nella Dublino vittoriana del 1898, Albert Nobbs è cameriere presso l’hotel della Duchessa Baker ma nasconde un particolare segreto, infatti è una donna che per protezione e per trovare più facilmente lavoro si traveste da uomo. Nessuno sospetta di lui, anzi è conosciuto per la sua solerzia ed educazione e vorrebbe acquistare un negozio e mettersi in proprio, e perché ciò avvenga risparmia tutto ciò che guadagna, nascondendo i soldi sotto un’asse del pavimento in legno della sua camera.

Dopo una vita passata in abiti maschili Albert incontra Hubert Page, imbianchino presso l’hotel e con cui dovrà condividere la camera per tutta la durata del suo lavoro e teme che il suo segreto possa essere scoperto e in effetti così avviene. Ma non solo Hubert manterrà il suo segreto, ma gli rivela di essere una donna anche lui e di essere sposato addirittura con una sarta, Cathleen. Intanto Mrs. Baker assume un giovane cameriere, Joe Mackins  che ben presto si innamora della cameriera Helen.

 

Quando Albert va a trovare Hubert e sua moglie Cathleen, decide di rivelare al suo amico la sua storia: figlia bastarda di una nobildonna, vissuta nella miseria e violentata da un gruppo di uomini, decide di travestirsi per la prima volta per entrare nel corpo di servizio di una festa e poiché nessuno l’aveva scoperta, continua a farlo. Ma vedendo come Hubert e sua moglie vanno d’accordo nonostante siano due donne, Albert inizia a desiderare di avere una sposa anche lui e pensa che Helen sia la ragazza perfetta e così la invita a uscire. All’inizio la ragazza è riluttante, ma Joe la spinge ad accettare perché pensa che possa rubare ad Albert i soldi per andare in America, e continua ad ingannare il cameriere che però le rivela il suo sogno, ovvero aprire un negozio.

Quando in hotel si verifica un focolaio di tifo, Albert si ammala ma ben presto guarisce, mentre Helen rivela a Joe di essere incinta, notizia che sconvolge quest’ultimo perché da ragazzino fu violentato dal suo stesso padre e teme di essere uguale. Hubert invece perderà la sua compagna per colpa della malattia contratta e questo lo lascerà nella disperazione. Per renderle un tributo, Albert e Hubert, smetteranno per un attimo i panni di uomo e indosseranno due vestiti appartenuti a Cathleen; sulla spiaggia Albert ritrova per un momento la gioia di essere donna.

 

Nel momento in cui Albert apprende della gravidanza di Helen si offre di sposarla, ma lei lo maltratta poiché pensa che lui non l’ami, ma il cameriere le rivela invece che molto probabilmente sarà Joe a lasciarla, perché non si prenderà la responsabilità del loro bambino, mentre con lui potranno essere felici. Quella stessa notte Joe conferma le paure di Albert dicendo a Helen di volersene andare da solo e i due iniziano a litigare e quando Albert interviene per salvare la ragazza, Joe lo manda a sbattere contro un muro.

Poco dopo Albert morirà per le conseguenze dell’urto, mentre Helen allontana Joe dalla sua vita dicendogli di non amarlo più.

I risparmi di Albert verranno trovati da Mrs. Baker e verranno utilizzati da quest’ultima per rimettere in sesto l’hotel e per questo richiama Hubert, a cui dirà di aver tenuto con sé Helen e il suo bambino, Albert Joseph.

 

Glenn Close interpreta per la prima volta il personaggio del titolo, “Albert Nobbs”, in una produzione teatrale del 1982 e trascorre molti anni tentando di realizzarne un film. Quando il progetto entra in produzione all’inizio degli anni Duemila, con la regia di Istvàn Szabò, si blocca per mancanza di fondi. Oltre a essere la protagonista della pellicola, Glenn Close è anche fra i produttori e ha firmato la sceneggiatura insieme a John Banville.

Da Luglio 2010, la produzione viene rimandata a Dicembre dello stesso anno quando Mia Wasikowska e Aaron Johnson sostitiscono Amanda Seyfried e Orlando Bloom.

Girato tra Dublino e Wicklow, “Albert Nobbs” fu presentato in anteprima al Toronto International Film Festival nel Settembre 2011 e a metà Dicembre fu proiettato fuori concorso come evento di chiusura del Torino Film Festival. Uscì nelle sale statunitensi il 27 Gennaio 2012, mentre in Italia è arrivato il 10 Febbraio distribuito da Videa.

 

“Albert Nobbs” non è un film che denuncia la condizione della donna in Inghilterra e Irlanda alla fine del diciannovesimo secolo, ma è un film che racconta la solitudine di una persona costretta a perdere la propria identità e a indossare un maschera per essere accettati dalla società. E’ un film che parla di quanto i ruoli di genere a volte possano andare stretti alle persone, e di quanti sotterfugi si debbano escogitare per vivere le proprie relazioni sentimentali e sessuali. Nonostante la storia sia ambientata in una Dublino vittoriana, il tema affrontato è molto attuale perché a oggi ci sono ancora delle persone costrette a vivere nella menzogna e costrette a nascondere la propria vera identità.

A voi il trailer di “Albert Nobbs”.

 

 

FONTI: https://it.wikipedia.org/wiki/Albert_Nobbs

http://www.youtube.com

http://sesso.blogautore.espresso.repubblica.it/2012/04/17/albert-nobbs/

 

Tonyella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 giugno 2017 da in lgbt on the movie con tag , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: