Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

ARTE E MUSICA… Jònsi

ARTE E MUSICA

 

Buongiorno amici e amiche di Tre Libri Sopra il Cielo, questa settimana per la rubrica “Arte e Musica” parliamo del chitarrista e cantante islandese Jón Þor Birgisson, detto Jònsi, componente del gruppo islandese “Sigur Ròs”.

Conosciuto principalmente per la sua acuta voce in falsetto e per l’uso dell’archetto di violoncello sulle corde della chitarra, Jònsi è cieco all’occhio destro dalla nascita per via di un nervo ottico rotto ed è dichiaratamente gay.

Impara a suonare la sua prima canzone, “Wratchild” degli Iron Maiden, con la chitarra all’età di 13 anni, e nel ’92-’93 è membro del gruppo “Stoned”. Nel 1995 Jònsi è membro del gruppo “Bee Spiders” sotto lo pseudonimo di “Jonny B” e in questo stesso anno la band vinse il premio come “gruppo più interessante” nel concorso per band emergenti “Musikilraunir”, durante il quale il collega di Jònsi, Kjartan Sveinsson, che aveva l’abitudine di interpretare le parti per cantanti donne, apparve vestito da drag queen, rispecchiando fedelmente l’idea di cantante femminile. Quando il batterista della band ricevette un archetto di violoncello per il suo compleanno, il bassista cominciò a usarlo per “torturare” il suo basso e l’effetto fu sgradevole, ma Jònsi provò a usarlo sulla sua chitarra e da allora lo usa a ogni suo concerto.

A causa di diversi problemi, i “Bee Spiders” pubblicano il loro primo album “Von” (Speranza) solo nel 1997 grazie a un accordo con l’etichetta Smekkleys, ma nonostante l’apprezzamento da parte della critica l’album non vendette però molte copie.

Il 4 Dicembre del 1999 nascono i “Sigur Ròs”, da un’idea di Jònsi, Agust Evar Gunnarsson e George Holm e il nome della band viene dal giorno “Sigurròs” (Rosa della Vittoria), giorno di nascita della sorellina di Jònsi. Dopo la registrazione del loro primo singolo “Fljugou”, vengono notati dalla connazionale Bjork che fece pubblicare il brano nella compilation che celebrava il cinquantesimo anniversario dell’indipendenza islandese.

Ma l’album che porta alla ribalta la band è “Agaetis byrjun” pubblicato nel Giugno del 1999 e questo fu il disco che codificò l’originalissimo sound del gruppo. L’anno seguente uscì il loro secondo album. mentre nel 2002 uscì il terzo lavoro del gruppo, “()”, particolare nei testi che in realtà non esistono, dato l’esclusivo utilizzo del vonlenska o hopelandic, una sorta di lingua artificiale inventata dal gruppo stesso.

Solo nel Settembre 2005 viene pubblicato il quarto album dei “Sugar Ròs”, “Takk” (Grazie), disco molto più simile al primo e più accessibile dei precedenti, con un suono lontano dal genere pop-rock. Questo quarto disco è il primo inciso per una major, la EMI, e per la band c’è un ritorno allo scrivere veri e propri testi in islandese. Da qui vengono estratti i singoli “Hoppìpolla” e “Glòsoli”.

Nel Giugno 2008 viene pubblicato “Meo Suo I’ Eyrum Vio Spilum Endalaust”, anticipato dal singolo “Gobbledigook”.

Jònsi inizia a lavorare sulla sua carriera da solista nel 2009 e l’anno seguente esce “Go”, album caratterizzato da musica acustica e arrangiamenti del compositore statunitense Nico Muhly e prodotto da lui stesso, Alex Somers e Peter Katis.

Jònsi e Alex (nella foto in basso) si conoscono a Boston durante un tour dei “Sigur Ròs” e intraprendono una relazione a distanza fino al trasferimento in Islanda di Alex. Quest’ultimo si è occupato di gran parte della grafica dei “Sigur Ròs” ,ricevendo il titolo di Best Album Design agli Icelandic Music Awards nel 2006 per la copertina di “Takk”. Inoltre insieme a Lukka Siguroardòttir, moglie del batterista Orri Pàll Dyrason, ha realizzato a mano la merchandise ufficiale della band ed è citato anche come produttore dell’album “Valtar” (2012).

Alex e Jònsi hanno completato il loro primo album insieme, “Riceboy Sleeps”, uscito in Europa il 20 Luglio 2009 e inciso con l’etichetta Parlophone, composto da 9 tracce strumentali con la collaborazione del coro Kòpavogsdaetur e del quartetto islandese Amiina.

 

Con la collaborazione del quartetto Amiina, hanno realizzato un secondo album, “Suzy”, registrato in Italia e che porta il nome del cane che viveva con loro nel castello in cui si erano stabiliti. Realizzano l’EP “Tree Roots” e nel Novembre del 2009 annunciano lo scioglimento sulla loro pagina di MySpace, mettendo a disposizione il download gratuito di tutta la discografia.

Sempre nel 2009, Jònsi remixa il brano “Come Back” dei Depeche Mode, incluso nel singolo “Peace” e l’anno seguente oltre al suo primo album da solista, Jonsi compone e canta la canzone “Sticks & Stones”, che fa da colonna sonora al film d’animazione “Dragon Trainer (How to Train Your Dragon: Music from the Motion Picture)”. Inoltre presta, nel 2014, la voce per la canzone “Where No One Goes”, scritta con il compositore John Powell per il fil d’animazione “Dragon Trainer 2”.

Jònsi e Alex hanno pubblicato anche un libro insieme nel Novembre 2006, la cui stampa fu limitata a 1000 copie.

Entrambi sono vegani crudisti e seguono la dieta raw food, ovvero non mangiano né bevono nulla che sia stato cotto al di sopra di 46°C e insieme hanno pubblicato un libro di ricette disponibile interamente sul loro sito internet (https://jonsiandalex.com/recipes) e collezionano oggetti e libri antichi.

Vi lascio con il brano “GO DO”.

 

 

FONTI: http://www.youtube.com

https://it.wikipedia.org/wiki/Alex_Somers

https://it.wikipedia.org/wiki/J%C3%B3n_%C3%9E%C3%B3r_Birgisson https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=https://en.wikipedia.org/wiki/J%25C3%25B3nsi&prev=search

Tonyella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 giugno 2017 da in ARTE E MUSICA con tag , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: