Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “TOCCO DA CHEF” – Serie Scuola di Cucina #2 – di Eileen Griffin e Nikka Michaels – 28 Aprile 2017

TITOLO: Tocco da chef
AUTORE: Eileen Griffin e Nikka Michaels
CASA EDITRICE: HarperCollins Italia
GENERE: Contemporaneo
SERIE: Scuola di Cucina #2
E-BOOK:
PREZZO: € 5,99  su Amazon
USCITA: 28 Aprile 2017
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio Alta
LINK PER L’ACQUISTOTocco da chef (eLit)

TRAMA: Sono passati molti anni dalla loro breve liaison, ma nessuno dei due ha dimenticato quanto la loro intesa fosse perfetta. Ora Jamie è un famoso e richiestissimo chef, mentre la carriera di Ethan è stata più lenta, anche se piena di soddisfazioni, visto che gli ha consentito di lavorare in un raffinato ristorante di Seattle che spera un giorno di poter rilevare. Alla sua felicità però manca qualcosa… qualcosa che solo Jamie, con il suo tocco sensuale e sapiente, è capace di dargli…

 

Quando ho letto il primo libro di questa serie, in effetti ero rimasta un po’ delusa. L’ambientazione mi piaceva, una scuola di cucina, ed ero curiosa di leggere una storia che parlasse di cibo (se state pensando che io sia la regina della cottura, vi sbagliate di grosso, semmai è vero il contrario, come qualcuno di voi che mi conosce sa molto bene).

Forse, allora, avevo delle aspettative troppo alte, ma leggendo questo secondo capitolo, ho capito il problema: l’età dei protagonisti. Proprio non riesco a entrare in feeling con personaggi così giovani, mentre invece, con adulti più vicini alla mia di età, mi diverto molto di più.

Con la lettura di Tocco da chef, infatti è successo proprio questo. I nostri due ragazzi sono cresciuti, e bene direi, e se mentre alla fine del precedente libro li avevamo lasciati poco più che ventenni, che si separavano in aeroporto tra promesse e lacrime, per lo stage di Jamie a Parigi, ora in questo libro sono passato ben otto anni.

Le cose non sono andate proprio come ci saremmo aspettati, anzi, tutto il contrario. La lontananza si è fatta sentire, conversazioni telefoniche sempre più sporadiche, gelosia, insomma… ce n’era abbastanza per mandarsi a quel paese, non senza sofferenza da ambedue le parti.

Jamie è diventato un famoso scrittore di libri di cucina, un ottimo anchor man, sempre in bilico tra conferenze stampa e comparsate in tv (oggi, chef è figo), ma è lontano da troppo tempo da ciò che ama davvero, cioè la cucina. Ethan invece è diventato chef di un famoso ristorante di Seattle, non senza fatica, a causa, spesso, della sua eccentricità, ma non ha mai dimenticato il suo primo amore. Ethan è il personaggio secondo me più riuscito perché le sue debolezze mi sono apparse così reali, i suoi dubbi così facili da capire. È un po’ contorto, è vero, ma non è meglio così, che leggere un libro piatto e senza difficoltà?

Galeotto per il loro nuovo incontro sarà la consegna di un premio a Ethan, premio che sarà consegnato proprio da Jamie in persona, e in quella serata memorabile succederà di tutto, cose belle e cose meno belle, a causa anche di un personaggio secondario che in realtà tanto secondario non è, cioè Trevor, l’agente di Jamie. Ragazzi, se ho detestato quest’uomo. Apparentemente un amico sincero per Jamie, una spalla, un conforto continuo, ma poi la verità uscirà con tutta la sua forza e allora il confronto fra i 3 uomini sarà duro e non scevro di momenti di tensione.

Per fortuna ci sono una galassia di personaggi positivi che li circondano, tra i quali spiccano Cal, proprietario del ristorante dove lavora Ethan, sua sorella Claire, quanto di meglio si possa sperare e il “Ragazzo Nuovo”, di cui non vi dico nulla.

Dal loro nuovo incontro, ci saranno alti e bassi tra Ethan e Jamie, un continuo mordi e fuggi, ama e litiga. Ethan è cocciuto e capriccioso, ma ha comunque dei motivi che lo portano a comportarsi così, mentre Jamie è da ammirare per la costanza, mosso da quel sincero amore che va oltre ogni cosa. Il fatto è che sono entrambi pieni di rabbia per ciò che non è stato e che invece poteva essere, sono davvero poco indulgenti verso il fatto, ad esempio, che erano entrambi molto giovani, con una carriera ancora da realizzare, una carriera molto difficile tra l’altro, dove “cane mangia cane”, per intenderci.

Le scene sensuali non sono molte ma terribilmente passionali, le ho apprezzate maggiormente proprio in virtù del fatto che i personaggi sono ormai uomini e non più ragazzi, e l’epilogo è da cuoricini negli occhi. Molto piacevole la lettura grazie a un testo fluido e pulito, senza sbavature e inoltre una parte suspense ben congegnata arricchisce ulteriormente questo bel libro. Durante alcuni momenti concitati, tra incidenti e sabotaggi, ritroviamo il padre di Jamie, cattivo fino al midollo proprio come me lo ricordavo, e conosciamo anche il prossimo protagonista della serie, che è uscito, tra l’altro, pochi giorni fa e che io non vedo l’ora di leggere. Decisamente un libro di cui consiglio la lettura.

Salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: