Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

GIROVAGANDO NEL WEB: RECENSIONE PER “GRECO MODERNO” di Nikos Petrou

 TITOLO: Greco Moderno
AUTORE:
Nikos Petrou
GENERE: Contemporaneo
EDITORE: Syncro-High School

FORMATO: Ebook
PAGINE: 175
PREZZO:
€ 4,99 su Amazon
USCITA: 9 Luglio 2015
LIVELLO DI SENSUALITA’ :
Basso
LINK DI AMAZON: Greco moderno.

TRAMA: Quando Vasilis e Kostas si conoscono nel cortile del liceo Iktinou di Salonicco, in una mattina di maggio, non sanno che i loro destini si stanno per intrecciare. Vasilis, ventuno anni e un piercing al sopracciglio sinistro, è concentrato sui suoi studi universitari di Ingegneria Navale e sulla sua difficile relazione sentimentale con Dimitris, mentre Kostas, diciotto anni e il temperamento da leader, è assorbito dall’audace piano di occupare il proprio liceo per protestare contro la politica di austerità che sta stritolando l’economia e la vita della Grecia. Eppure basterà il semplice incrocio dei loro sguardi per innescare una catena di eventi che sconvolgerà le loro vite, offrendo a Vasilis e Kostas l’opportunità dell’amore. Sapranno coglierla?

 

Il mio nome è Vasilis e il mio cognome è stampato qui, sul tesserino universitario che ho appena mostrato al custode della biblioteca del campus. Accanto al cognome c’è anche una foto di me a diciassette anni, con i capelli ordinati, gli occhi stretti e quelle lentiggini vicino al naso che sono la mia croce da sempre. Polvere di stelle, mi diceva mia madre“.

Queste sono le prime parole attraverso cui conosciamo il protagonista, Vasilis, un ragazzo greco di ventuno anni, studente di ingegneria navale a Salonicco. Proprio Salonicco fa da sfondo alle vicende di questo ragazzo e dei suoi amici, una città e un paese devastati dalla crisi economica e politica, diffidente verso l’istituzione europea. Vasilis è un ragazzo che sembra quasi seguire la corrente, si fa trasportare dagli eventi senza realmente farne parte, assieme al suo amico Dimitris con cui intrattiene una relazione altalenante fatta sopratutto di sesso, e sembra rassegnato a condurre una vita “velata”, per paura delle reazioni dei suoi amici e della sua famiglia.

Molte persone si avvicendano durante la lettura: Giorgos e Yannis, coinquilini di Vasilis che lo sorprenderanno in più di un’occasione e si renderanno ben più utili di quello che erano stati fino a quel momento; Eleni, amica che tanto amica in realtà non è e Nikos, cugino di Vasilis, il ragazzo perfettino tenuto a esempio da tutti e che sarà invece il promotore del cambiamento e della ribellione.

Un giorno infatti Nikos e il suo amico di scuola Kostas decidono di occupare il liceo insieme a molti altri studenti, al grido di “Viva la Grecia, la Grecia libera! Abbasso la Troika!”. Vasilis sarà così scioccato dal cambiamento e dalla presa di posizione del cugino che metterà in discussione il suo modo di vivere, cercando di combattere la paura che lo ha accompagnato per gran parte della sua vita.

Sarà lo sguardo di Kostas, così intenso che sembra guardarlo direttamente dentro l’anima, a scombussolare il suo corpo e la sua mente, a dargli una ulteriore e definitiva spinta verso la libertà, facendogli desiderare una vita alla luce del sole.

È un filo invisibile quello che lega Vasilis a Kostas, un filo che si tende ma non si spezza: “Prima di entrare nell’ascensore si volta a cercare il mio sguardo. Sono pochi secondi ma non hanno nulla di banale. Sono una corda lanciata verso di me. Sono soprattutto un inizio“. Vasilis stesso si paragona a una corda tesa con a capo Kostas, il più piccolo ma anche il più ribelle, che fa da traino insieme agli altri che lo aiutano a tirare.

È all’apparenza un libro semplice e quasi banale ma mi ha fatto riflettere: spesso quando pensiamo al coming out pensiamo soprattutto alle reazioni di chi ci sta accanto, ma in questo libro ho avuto modo di capire che invece il primo coming out che un omosessuale deve fare è verso se stesso e deve imparare ad accertarsi prima che possano farlo gli altri (e non è nè facile, nè scontato).

Non è il miglior libro che ho letto fino ad ora, ma è comunque godibile e si legge con piacere, è scorrevole e scritto (e tradotto) piuttosto bene.

Lo consiglio.

 

Salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 giugno 2017 da in Contemporaneo, girovagando nel web, Recensione con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: