Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “QUELLO CHE NON VUOI” – Serie Da nemici ad amanti #3 – di Anyta Sunday – 13 Giugno 2017

TITOLO: Quello che non vuoi
TITOLO ORIGINALE: William
AUTORE: Anyta Sunday
TRADUZIONE: Eloriee
CASA EDITRICE: Self Publishing
SERIE: Da nemici ad amanti #3
GENERE: Romance
EBOOK: Si
PAGINE: 259
PREZZO: € 4,99 su Amazon (disponibile du KU)
DATA USCITA: 13 Giugno 2017
LIVELLO DI SENSUALITA’: Basso

TRAMA: William deve imparare a pensare prima di aprire bocca.  Dopo aver inavvertitamente svelato l’omosessualità del suo ultimo ragazzo davanti alla sua famiglia di bigotti, vuole ripartire da zero, così fugge nel posto più lontano che gli viene in mente: la Nuova Zelanda. Lì è ospite di una madre e di suo figlio, Heath, che è fin troppo sexy per essere vero.

Ma Heath e il suo amico omofobo, Rory, vogliono che William si levi di torno prima che vada tutto “in malora”, qualsiasi cosa significhi. Sfortunatamente, a William non è bastato viaggiare fino in capo al mondo per lasciarsi alle spalle la sua boccaccia inopportuna. Sarà sufficiente per lasciarsi alle spalle la solitudine?

 

William è un ragazzo esuberante e un po’ chiacchierone e, a causa di questo, inavvertitamente fa fare outing al suo ragazzo con la famiglia, che quindi lo caccia via. In preda ai sensi di colpa, decide di lasciare casa sua e partire per la Nuova Zelanda.

Quando arriva non trova la signora con cui ha preso accordi per ospitarlo, ma il figlio Heath che, a prima vista, non è per niente contento che lui sia arrivato lì. Heath ha lasciato gli studi per stare vicino alla madre caduta in depressione e, siccome tutto è sulle sue spalle, proprio non vuole questo ragazzo in casa della madre, spalleggiato anche dall’amico omofobo Rory.

Quello che Will non sa, è che la famiglia non si è ancora ripresa da un lutto molto grave e la sua presenza potrebbe causare grande confusione (ma non vi dico il perché). Will e Heath si piacciono e l’attrazione è difficile da nascondere, ma Heath vuole che William se ne vada dalla casa di sua mamma, e inoltre non è pronto a rivelarsi. La propensione però di Will di parlare a sproposito lo mette ancora nei guai, rischiando quindi ancora una volta di trovarsi da solo.

Will non capisce il perché di questa antipatia, visto che avverte l’attrazione che Heath prova per lui, ma memore di quello che ha combinato in patria, sta zitto e aspetta di vedere come si evolve la cosa. Will, all’inizio, non capisce le dinamiche e la situazione della casa, sa che c’è qualcosa che non va, ma non sa come affrontare il discorso, anche perché tutti fanno finta di niente. Heath manda segnali contrastanti, gli piace Will ma allo stesso tempo fa di tutto per mandarlo via, oltretutto la mamma non sa ancora che Heath è gay, ma soprattutto non lo sa Rory.

I due ragazzi piano piano si conoscono e cominciano a piacersi. Dopo alcuni appuntamenti e uscite, finalmente cedono all’attrazione  e scoprono di avere molte cose in comune, ma la situazione in casa di Heath è troppo dolorosa, così dopo un confronto, Will è costretto a chiedere a dei suoi amici un posto dove vivere e poi…

Cominciato come un racconto leggero e divertente, vedi scenetta all’aeroporto, il libro ci porta poi alla scoperta di un dolore profondo e difficile da accettare e superare. Chi ha subito la perdita di una persona cara lo sa come ci si sente, e Anyta in questo caso è molto brava a farci capire le sensazioni e le emozioni di tutti i personaggi, la mamma devastata, il fratello che non sa darsi pace.

Mi piace come ci guida nelle dinamiche di questa famiglia, e di come piano piano Will riesca a far innamorare Heath e a far superare la depressione alla mamma. Mi piace il senso di amicizia, di amore e sacrificio che questo libro trasmette, è un libro da leggere sicuramente, perché è una bella storia d’amore costruita giorno per giorno.

Non contiene molte scene di sesso e va bene così, perché il sesso alla fine non è la cosa principale in questo racconto, quindi il livello di sensualità è basso, però vi consiglio di leggerlo perché ne vale veramente la pena: vi prenderà fino all’ultima pagina.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: