Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “LA VITA IN TRANSITO” – Serie Summit City #2 – di Ethan Day – 31 Luglio 2017

TITOLO:  La vita in transito
TITOLO ORIGINALE: Life in Fusion
AUTORE: Ethan Day
TRADUZIONE:  Ilaria D’Alimonte
CASA EDITRICE: Triskell Edizioni
GENERE: Contemporaneo
SERIE: Summit City #2
E-BOOK:
PREZZO: € 5,99  su Amazon
PAGINE: 318
USCITA: 31 Luglio 2017
LIVELLO DI SENSUALITA’: Alto

TRAMA: L’aspirante scrittore Boone Daniels ha sempre pensato che l’amore fosse semplice, come lui. Fresco di vacanza romantica sulle nevi con il Dio dello sci nonché aspirante fidanzato Wade Walker, Boone era sicuro che dirgli addio sarebbe stata la parte più difficile.
Era sopravvissuto al modo non convenzionale in cui si erano messi insieme, aveva scoperto di essere in qualche modo degno della città natale di Wade, Summit City, ed era certo che il fatto che quell’uomo avesse deciso di autoimporsi nella sua vita per sei mesi avrebbe dimostrato una cosa: i loro destini erano indissolubilmente intrecciati.
Ma una volta tornato alla vita reale, Boone deve affrontare la consapevolezza che nessuno ha mai detto che l’amore sia facile e che, anche se sei già caduto una volta, ti puoi ancora rompere. Il suo mondo e quello di Wade si scontrano, e Boone comincia a rendersi conto che, se riesce a destreggiarsi nel paesaggio della vita in transito, forse anche lui può avere il suo “e vissero per sempre felici e contenti”.

 

Questo secondo episodio riparte esattamente da dove ci aveva lasciati il primo: appesi proprio sul più bello!

Avevamo lasciato Boone in partenza per tornare a casa e Wade chiaramente molto deluso per la situazione. Qui ritroviamo Boone a casa sua, ad Atlanta, che cerca di tirare le fila della sua vita: lasciare casa, famiglia e amici per un uomo che conosce da poche settimane o quello che hanno avuto è stata semplicemente un’avventura?

Boone ha promesso a Wade che nel giro di 6 mesi si sarebbe trasferito, ma ora si chiede se sia veramente saggio oppure una grande idiozia. Riusciranno a conciliare due caratteri così diversi?

Se il primo libro vi era piaciuto, sono sicura che questo vi entrerà nel cuore con la sua simpatia e dolcezza. Wade e Boone potrebbero tenere su da soli libri interi con le loro battute al vetriolo ma, proprio come il precedente, questo libro è prima di tutto corale perché dà voce a una cittadina intera, a partire dal famigerato “quartetto”, formato da quattro donne estremamente impiccione che non si fanno scrupoli nel rapire Boone, che era riuscito a evitarle fino alla partenza, per fargli il terzo grado: una delle scene più esilaranti che abbia mai letto.

Ma è l’intera cittadina che si intrufola, a fin di bene sia chiaro, tra Wade e Boone: parenti, amici, persino il sindaco in persona cercano di convincere Boone a trasferirsi, per vedere finalmente felice Wade, considerato un po’ il figlio di tutti.

Wade, che sotto la scorza del gigante cela un animo tenero ma vulnerabile: avendo subìto due grandi perdite in giovane età, ora non vuole sprecare nemmeno un attimo per la paura di vederselo sparire sotto il naso, vuole tutto e subito anche a scapito di quello che vuole Boone. Ma è Boone il vero pezzo forte di questa serie: uno dei personaggi più interessanti e che entra di diritto nella mia personale top ten.

Boone è irriverente, insolente, estremamente vanitoso, sfacciato e oltremodo impertinente, non ha peli sulla lingua e non chiuderebbe la bocca nemmeno se ne andasse della sua vita, ma sotto sotto è anche un po’ insicuro, specialmente per quanto riguarda l’amore.

Wade e Boone sono diversi come il giorno e la notte, ma sono talmente belli insieme che avrei voluto leggere di loro all’infinito. Tra siparietti esilaranti, amici fuori di testa, genitori altrettanto pazzi, ex pentiti che ritornano a passo di marcia e una cittadina impicciona, assistiamo all’evolversi della storia tra Wade e Boone e non possiamo fare a meno di sentirci parte di questa pazza famiglia allargata.

Un libro davvero ben fatto, curato e con una traduzione impeccabile. Non lasciatevelo scappare!

Salva

2 commenti su “RECENSIONE: “LA VITA IN TRANSITO” – Serie Summit City #2 – di Ethan Day – 31 Luglio 2017

  1. Lily
    31 luglio 2017

    Ciao, sono la traduttrice! Sono contenta che il libro ti sia piaciuto, e concordo con le tue riflessioni su Boone: è davvero un personaggio esilarante! Grazie per la recensione! 😉

    Mi piace

    • Beatrice
      31 luglio 2017

      Ciao Lily, grazie a te per lo splendido lavoro! Boone e’ veramente un personaggio originale, come i suoi genitori del resto 😉

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31 luglio 2017 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: