Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

ARTE E MUSICA… LA CAGE AUX FOLLES

ARTE E MUSICA

 

Buongiorno amici e amiche di Tre Libri Sopra il Cielo, quest’oggi parliamo di teatro per la rubrica “Arte e Musica” e conosciamo insieme il musical “La Cage aux Folles”, noto anche con il titolo “Piume di Struzzo”.

Musical statunitense del 1983 di Jerry Herman e Havery Fierstein, “La Cage aux Folles” è un adattamento dell’omonima opera teatrale francese del 1973 di Jean Poiret, da cui è stato tratto il film “Il Vizietto” del 1979.

 

George e il suo compagno Albin gestiscono uno sfavillante locale notturno a Saint Tropez, dove Albin si esibisce come drag queen con il nome d’arte di “Zazà”. I due, che vivono insieme da oltre vent’anni, hanno cresciuto insieme Jean-Michel, figlio di George, nato da una fugace relazione eterosessuale con una ballerina. Ma la tranquilla vita dei due viene messa alla prova quando Jean-Michel annuncia di essersi fidanzato con Anne, figlia di un politico reazionario e ultra-conservatore il cui obiettivo è quello di chiudere i locali drag e, in occasione della visita dei futuri suoceri, il ragazzo desidererebbe che Albin non fosse presente per non fare cattiva impressione sul futuro suocero, nonostante non abbia mai avuto problemi con la sua famiglia.

 

 

Il titolo, “La Cage aux Folles”, è un gioco di parole francese non traducibile in italiano, fra “gabbia di matti” (cage aux folles) e “gabbia di checche”: in francese la parole “folle” significa letteralmente “pazza”, che è il femminile di “fou” ovvero “checca”, “omosessuale effeminato”.

Il musical esordisce il 21 Agosto 1983 e chiude dopo 1761 repliche il 12 Novembre del 1987, con la regia di Arthur Laurentes e le coreografie di Scott Salmon, e come protagonisti Gene Barry e George Hearn. La produzione londinese rimase in scena per otto mesi nel 1986, e fu realizzata anche una versione italiana nella stagione 1991/1992 dalla “Compagnia della Rancia”, con Carlo Reali e Gianfranco Mari, per la regia di Saverio Marconi, mentre nella stagione successiva il ruolo di Albin fu interpretato da Alessandro Fontana.

Fra le canzoni più popolari del musical ci sono “The Best of Times”e “I Am What I Am”, letteralmente “Sono quel che sono”, un autentico inno alla diversità, un inno gay divenuto famoso fra il grande pubblico grazie all’interpretazione di numerosi cantanti, in particolare per la versione disco di Gloria Gaynor.

“Questo è il mio mondo, quindi ci vuole un pizzico di orgoglio”.

Il brano è stato inciso anche dallo stesso Harvey Fierstein e da Karen M. Mulder, mentre le canzoni dallo stesso titolo invese dai Village People, contenuto nell’LP Macho Man del 1978, e quella incisa da Dido non hanno nessun legame con il musical “La Cage aux Folles”.

 

 

Diverse le produzioni che si sono susseguite dal 1983 a oggi, oltre a quella di Broadway, quella londinese e quella italiana, ci sono produzioni di varie nazioni: australiana, tedesca, colombiana, messicana, estone, spagnola, portoghese, olandese, coreana, danese, portoricana, svedese, ungherese. Ci sono stati spettacoli anche a Panama e nelle Filippine.

 

 

La produzione originale del 1983 vinse 6 Tony Award:

  • Miglior Musical
  • Miglior libretto Harvey Fierstein
  • Miglior compositore Jerry Herman
  • Miglior attore in un musical George Hearn
  • Miglior costumi Theoni V. Aldredge
  • Miglior regia di un musical Arthur Laurents

La riedizione del 2004 vinse 2 Tony Awards:

  • Miglior revival di un musical
  • Miglior coreografie Jerry Mitchell

 

FONTI: https://it.wikipedia.org/wiki/La_Cage_aux_Folles

https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=https://en.wikipedia.org/wiki/La_Cage_aux_Folles_(musical)&prev=search

 

Tonyella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 settembre 2017 da in ARTE E MUSICA con tag , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: