Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “UN GANCIO AL CUORE” di Manuela Chiarottino – 8 Settembre 2017

 

TITOLO: Un gancio al cuore
AUTORE: Manuela Chiarottino
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Confemporaneo
EBOOK:
PAGINE: 256
PREZZO: 3,49 € su Amazon
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio Basso
 LINK PER L’ACQUISTOUn gancio al cuore

TRAMA: Tirare pugni a un sacco, sfogando tutto ciò che ha dentro, è per Byron l’unica maniera di dimenticare. Dimenticare un passato solitario, un presente in cui arranca, un futuro grigio e piatto che gli sta piombando addosso senza freni. Non c’è carriera, per lui, né nobiltà alcuna nel pugilato, bensì una scappatoia, una via per guadagnare il necessario utile a lui e sua nonna per abbandonare la povertà. E sua madre… be’, lei continua ad andare e venire dalla casa del suo “fidanzato” e per Byron è meglio non pensarci.

Tutto sembra destinato a rimanere così, quindi, statico e deprimente, fino a quando nella palestra di John non entra Brandon, l’angelo nero, un ex pugile dallo sguardo enigmatico e il sorriso irriverente. Per Byron è il cataclisma, ma non è l’unico a sentirsi trasportato dagli eventi: Brandon rimane folgorato dal ragazzo ancor prima di averlo messo a fuoco. Può l’amore cambiare del tutto le carte in tavola? Possono i vinti diventare vincitori, se ci credono davvero? E i colpi della vita possono fare male più di quelli ricevuti in pieno viso? Dall’autrice di “A nudo”, “ Una notte da ricordare” e “Due passi avanti, un passo indietro”, un nuovo ed emozionante romanzo che vi terrà col cuore sospeso fino alla fine.

 

Mi piace ogni tanto lanciarmi alla scoperta di nuovi autori; non che Manuela Chiarottino sia proprio una neofita avendo al suo attivo già parecchi romanzi, questo è solo l’ultimo in ordine di apparizione.

Cosa mi ha colpito di questo libro per sceglierlo fra altri? Anzitutto la cover, molto bella secondo me; ebbene sì, io faccio parte di quella schiera di persone che pensano che anche l’occhio voglia la sua parte e la copertina infatti ha attirato subito la mia attenzione.

E’ un romanzo a tema sportivo che, per una volta, non è il football o il baseball. Qui si parla di boxe e, anche se non sono una profonda conoscitrice di questa disciplina, mi è piaciuta questa scelta di ambientazione.

Il protagonista principale è il giovane Byron, un ragazzo di 23 anni pieno di rabbia, che si avvicina alla boxe sia per avere una valvola di sfogo, che per riuscire a trovare una rapida soluzione ai suoi problemi economici. Vive solo con la nonna, la madre scompare e riappare a seconda del fidanzato del momento.

Un giorno fa la sua comparsa in palestra Brandon, un ex pugile che, spinto dal suo vecchio allenatore, decide di prepararlo al suo prossimo incontro. L’interesse reciproco è istantaneo, ma l’avvicinamento sarà graduale. Brandon infatti vede Byron come un cucciolo selvaggio e arrabbiato che deve cercare di domare.

La prima parte del libro scorre senza troppi scossoni, e ho trovato che i due personaggi si completano abbastanza bene. Nella seconda parte, un avvenimento importante ha dato sprint alla storia, rendendola più movimentata e avvincente.

Nel complesso il libro mi è piaciuta, ha uno stile narrativo scorrevole, anche se un paio di cose non mi hanno pienamente convinto, in particolare l’uso per i protagonisti di due nomi con la stessa iniziale; forse può sembrare stupido, ma mi ha confuso più volte durante la lettura (inoltre ho constatato almeno uno scambio di nomi).

Ho trovato inoltre un po’ troppo risicate le descrizioni fisiche, non tanto per i luoghi, quanto per i due protagonisti, tanto che non sono riuscita a immaginarmeli chiaramente. Tra l’altro, fra Brandon e Byron c’è una certa differenza di età, ma anche qui non sono riuscita a inquadrare quanto grande questa fosse.

È una storia d’amore abbastanza semplice, nella quale però vengono anche affrontati temi più seri e importanti, come la violenza, l’abuso, l’abbandono, tutti trattati con delicatezza, ma non con superficialità.

Mi è piaciuto molto il contenuto extra sul pugile Emile Griffith che denota, o una passione dell’autrice per questo sport, o una scrupolosa attenzione nelle ricerche, cosa che apprezzo sempre molto.

Leggerò comunque altri libri di questa autrice.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28 settembre 2017 da in Contemporaneo, Recensione, Romance, sportivo con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: