Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “QUANDO NESSUNO ASCOLTA” di C.K. Harp – 16 Ottobre 2017

TITOLO: Quando nessuno ascolta
AUTORE: C.K. Harp
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Contemporaneo
E-BOOK: Sì 
PREZZO: € 3,99  su Amazon
PAGINE: 300 circa
USCITA: 16 Ottobre 2017
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio
LINK PER L’ACQUISTOQuando nessuno ascolta
 

TRAMA: Ci sono amori che il destino si diverte a dividere, ricongiungere e dividere ancora, come se dovessero dimostrare qualcosa, come se dovessero provare al mondo di essere davvero forti per poter esistere.

Ne sa qualcosa Roger Wallace che, reduce dal dolore più grande della sua vita, non è riuscito ancora a dimenticare il suo vecchio amico Waylon nonostante siano trascorsi dodici anni dal loro addio. Amico è una parola che ha ostentato per anni, e con tutti, ma non la stessa che grida il cuore ogni volta che il pensiero torna a riaffacciarsi sulla loro relazione distrutta. Distrutta dal destino, dalle persone, dagli eventi…

Del resto Waylon Mars è un cantante country ormai sulla cresta dell’onda, circondato da fan adoranti e pronto a far furore a Nashville… Eppure è stato a lui che Roger ha pensato un attimo prima che la sua intera vita andasse in pezzi.

E se il suo non fosse un sentimento a senso unico? E se Waylon nascondesse una storia molto più complessa di quella che gli ha sempre raccontato?
Ogni capitolo della vita ha una propria canzone, ogni salto del cuore una nota da ricordare, e forse non è sempre necessario capire tutto per poter amare.

 

Chi è  Roger Wallace? Ex quarterback, ragazzo invidiato e ammirato, marito, padre, restauratore, amico, amante.

Ora è soprattutto un uomo distrutto, solo, con una tragedia alle spalle e un sogno nel cuore che non riesce a scacciare, nonostante gli anni passati e il dolore dell’abbandono e del rimpianto, i mille “e se…” pensando alla propria vita in un posto diverso, in un tempo diverso.

Tredici anni prima Roger e Waylon erano due ragazzi come tanti in un paese del Tennessee, il primo apprezzato, bello e sportivo, il secondo schivo e poco popolare, specialmente per la sua amicizia con Paul, ragazzo palesemente gay e per questo vittima ideale per i giovani bulli, sempre pronti a sfogarsi sul più debole, sul diverso, sicuri di passarla liscia nel disinteresse o, peggio, nell’approvazione generale.

L’amore per la musica di Waylon si rispecchia inaspettatamente in Roger e una strana e inaspettata amicizia cresce tra loro mutandosi, rapidamente, in attrazione. Il loro amore però sembra senza un futuro e Waylon decide di fuggire lontano, mentre Roger sembra trovare la felicità, pur con un tarlo nel cuore.

Con abili salti tra passato e presente, pagina dopo pagina, la loro storia si svela tra addii dolorosi e tragedie inconsolabili, sogni infranti e tradimenti inaspettati. I due protagonisti sono due uomini indimenticabili, romantici, passionali e sfortunati, ma con sogni e desideri che il destino non ha spezzato.

I personaggi di contorno sono tanti e di ottima qualità, su tutti l’impareggiabile Jimmy, il miglior amico di Roger, e la “fatina” Sarah, personaggio femminile forte e sorprendente; menzioni speciali al miglior amico di Waylon, Paul, personaggio fondamentale ma sfuggente, come pure  l’hairstylist Randy, comparse interessanti ma purtroppo non sfruttate a fondo come speravo.

Mi hanno colpita le brevi strofe delle canzoni, all’inizio di ogni capitolo, semplici ed efficaci, come anche i pensieri dei protagonisti, che illustrano soprattutto il pensiero dell’autrice, e che io condivido, come:

“Non mi era mai piaciuta la costrizione di dover mettere etichette laddove non ce n’erano. La personalità di un individuo era troppo vasta, così come il suo orientamento sessuale e tutto ciò che ne scaturiva, per poter essere catalogata in un compartimento a chiusura stagna”

Una frase che esprime chiaramente il fastidio di voler etichettare le persone in una casella unica e inamovibile: etero, gay, lesbica, escludendo incertezze e bisessualità vera e propria, mentre la sessualità e ancor di più l’amore sono personali e unici per ogni individuo e degni di rispetto.

L’autrice riesce a gestire al meglio la trama in un’altalena tra passato e presente, in un lento svelare la storia dei due protagonisti, con tutti i dubbi e le paure di due ragazzi al primo amore, contrapposto ai due uomini ormai adulti, con le loro vite ormai separate e diverse, con trascorsi che li hanno resi come sono ora.

Forse il romanzo migliore di questa brava autrice, letto con grande piacere e con la sicurezza che lo rileggerò in futuro. Lo consiglio assolutamente.

 

Salva

Salva

2 commenti su “RECENSIONE: “QUANDO NESSUNO ASCOLTA” di C.K. Harp – 16 Ottobre 2017

  1. C.K.Harp
    16 ottobre 2017

    E sulle ultime frasi io mi sono sciolta. Ecco. Grazie di cuore! Voi non potete vedermi, ma io sto saltellando per la gioia 😀

    Mi piace

    • mrs darcy
      16 ottobre 2017

      la tua paura era ingiustificata,ripeto che per me è il tuo libro migliore…almeno per ora.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16 ottobre 2017 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: