Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “PER UNA RAGIONE” – Serie Sizzling Miami #2 – di Jessie G – 18 Dicembre 2017

 

TITOLO: Per una ragione
TITOLO ORIGINALE: For a reason
AUTORE:  Jessie G
CASA EDITRICE: Self publishing
TRADUZIONE:  Nela Banti per Quixote Translations
SERIE: Sizzling Miami #2
GENERE: Contemporaneo
E-BOOK:
USCITA: 18 Dicembre 2017
LIVELLO DI SENSUALITA’: Alto

TRAMA: Ex Marine e fratello maggiore a tempo pieno, Bull Connor passa le sue giornate ad aiutare quelli che hanno bisogno di una seconda possibilità, e le notti a combattere i demoni interiori che non se ne vogliono andare. Durante un giro di routine, si trova faccia a faccia con l’unica persona che nega di aver bisogno di lui e anche l’unico uomo che vorrebbe lo ammettesse.

Come se fosse un rifiuto, Ian Jones è abituato a essere alternativamente ignorato o ridicolizzato, ma non ha rinunciato all’idea che basterebbe anche una sola possibilità per cambiare del tutto le cose. Soccorso dalla sola persona che non lo tratta come gli altri, arriva a bramare di essere visto come qualcosa di più che un uomo in difficoltà.

Ian non desidera la famiglia che non ha mai conosciuto, ma quando questa si presenta a sorpresa, non voluta e non invitata, Bull dovrà provare di essere l’uomo che proteggerà il cuore lungamente dimenticato di Ian, condividendo con lui i demoni che tormentano la sua anima ferita.

 

Non un maestoso cavallo bianco ma un grosso carro attrezzi; non un bellissimo principe azzurro ma un gigante tatuato e con un cipiglio da far paura: è così che inizia questa storia, una storia di dolore e rinascita, di amore e perdono, a tratti drammatica e commovente, e che mi ha lasciata più di una volta in una valle di lacrime, per le emozioni che è riuscita a suscitare.

Ian è un ragazzo che chiamarlo sfortunato è probabilmente fargli un complimento: la sua vita è iniziata in modo drammatico e ha continuato a essere una vita a metà, senza affetto, senza amore ma anche senza beni materiali. Una vita di sopravvivenza aggravata dai tanti disturbi fisici causati da una madre snaturata (e sto minimizzando) che ha continuato a bere e drogarsi durante tutta la gravidanza e che, credendo di aver partorito un neonato morto, l’ha gettato nella spazzatura come un rifiuto qualsiasi.

Ian è sopravvissuto ma a un prezzo enorme, e ha continuato a ricevere violenza e abusi fino a quando finalmente è riuscito a scappare, per vivere però una vita di stenti e privazioni. Quando la sua macchina si ferma in mezzo alla strada e Bull scende dal suo carro attrezzi, inizia per Ian una vera e propria svolta perché Bull è una persona generosa, dal cuore enorme, che non esita a salvare quel ragazzino che sembra così abbattuto e senza speranza.

Bull è un cavaliere dall’armatura scintillante non solo per Ian, ma anche per i suoi fratelli e sorelle, che si affidano a lui per tutto da quando hanno perso i loro genitori, e lo è anche per quelli che lavorano per lui, quasi tutti ex galeotti a cui Bull sta dando una seconda possibilità ma che sono per lui come una seconda famiglia, un gruppo di uomini che hanno commesso degli sbagli ma che hanno pagato e che ora si guardano le spalle a vicenda.

Ian e Bull sono due personaggi ben caratterizzati, due persone che provano a salvarsi a vicenda, colmando l’uno le mancanze dell’altro, e mentre Bull inizia a pensare un po’ più a se stesso e alla propria felicità invece di venire sempre per ultimo, Ian piano piano capisce che non ha colpe per la sua vita sfortunata, non è colpa sua se è stato abbandonato, umiliato o non ha mai sperimentato l’amore di una famiglia.

È un ragazzo che diventa sempre più sicuro di sé grazie sicuramente a Bull, ma anche a tutte le persone che lo circondano e che, pur non avendo un legame di sangue, formano una famiglia presente e affettuosa che, a un certo punto, farà la differenza in un momento molto importante della storia.

Molti sono i personaggi di contorno, come anche Alaric e Davin, i due protagonisti del libro precedente, che qui troviamo finalmente in pace e più innamorati che mai.

È stato un libro che, in alcune parti, mi ha letteralmente devastata per la sofferenza che traspariva dalle parole di Ian, ma che mi ha anche emozionato moltissimo per la miriade di sentimenti presenti, per la vividezza con cui i personaggi sembrano prendere vita. E il lieto fine in questo caso non è mai sembrato così giusto.

Assolutamente consigliato.

 

Salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: