Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

ARTE E MUSICA… MICHAEL STIPE

ARTE E MUSICA

 

Buongiorno amici e amiche di Tre Libri Sopra il Cielo, questa settimana per la rubrica “Arte e Musica”, torniamo a parlare proprio di musica e di John Michael Stipe, cantante statunitense e leader del gruppo rock dei R.E.M., fino al loro scioglimento nel 2011. Michael Stipe è anche l’autore della maggior parte dei test della band.

Nato a Decatur, in Georgia (Stati Uniti D’America), nel Gennaio 1960, prima di diventare cantante era uno studente d’arte e ha spesso curato personalmente gli aspetti grafici dei R.E.M., dalle copertine dei dischi alle scenografie dei concerti. Oggi si dedica soprattutto alla scultura, alla produzione cinematografica e alla fotografia e insieme al compagno, Thomas Dozol, anch’egli fotografo, gestisce il blog di fotografia theselby.com.

 

Frontman malinconico e un po’ intimidito davanti al successo, Michael Stipe, scopre in età adolescenziale la sua passione per la musica grazie all’album Horses di Patti Smith, che diventerà poi sua amica personale.

Mentre frequenta l’Università della Georgia ad Athens, conosce il chitarrista Peter Buck e i due decidono di fondare una band a cui presto si uniscono Mike Mills, bassista, e il batterista Bill Berry. A soli vent’anni Michael Stipe fonda i R.E.M, nome scelto a caso da un dizionario e sta per Rapid Eye Movements, ossia quei movimenti oculari rapidi che si verificano durante il sonno profondo. I quattro membri decidono di lasciare la scuola per dedicarsi alla band e debuttano con il brano “Radio Free Europe” con l’etichetta Hib-Tone. Il 1983 è l’anno del loro primo album, Murmur, a cui seguiranno diversi album che hanno fatto la storia del rock alternativo.

Nel 1988 esordisce come produttore del gruppo slowcare degli Hugo Largo, capitani dalla cantante Mimi Goese per cui realizza l’EP Drum, dove canta due tracce. In seguito collabora anche con le Indigo Girls e i Blue Aeroplames.

 

 

Molto attento ai temi del sociale e alla tematica ambientalista, Michale Stipe, scrive alcune canzoni che diventeranno dei veri inni, come Fall on Me, motivo simbolo delle lotte ambientaliste degli anni ottanta e partecipa attivamente anche a campagne politiche per candidati democratici. Alla vigilia delle elezioni presidenziali statunitensi del 2004 partecipa assieme ad altri artisti statunitensi al progetto Vote for Change, basato su concerti di informazione sul voto e propaganda a favore del candidato democratico John Kerry.

In questi anni produce anche opere cinematografiche visionarie e d’autore come Velvet Goldmine del regista gay Todd Haynes, Essere John Malkovich di Spike Jonze, Man On The Moon e Saved!. Stipe è stato affiancato da Sandy Stern in queste produzioni.

Il frontman dei R.E.M., è il padrino di Frances Bean Cobain, figlia di Kurt Cobain e Courtney Love. E’ stato grande amico di River Phoenix, morto di eroina e cocaina a soli 23 anni, a cui ha dedicato Monster, e tutt’ora è amico di Patti Smith, Eddie Vedder, Tori Amos, Chris Martin dei Coldplay e Thom Yorke dei Radiiohead.

Nel 2016 Stipe torna a esibirsi, dopo cinque anni dallo scioglimento dei R.E.M., cantando una cover di The Man Who Sold the World di David Bowie nel programma televisivo “Tonight Show”.

Attualmente vive a New York con il compagno, fotografo statunitense, Thomas Dozol.

 

Michael Stipe dichiara la sua omosessualità più di venti anni fa, anche se nel 2011, dopo lo scioglimento della band e l’ultimo album insieme, Collapse Into Now specificò che:

“Ho dormito sia con uomini che con donne, e preferisco sicuramente le persone del mio sesso. Apprezzavo comunque dormire anche con le donne, fino a quando mi sono innamorato del mio fidanzato, con il quale sto insieme da ormai molto tempo. Mi definisco 80% gay e 20% etero, ma non bisessuale. Mi sembra del tutto inappropriato, è solo un’etichetta”.

Michale Stipe ha rilasciato dichiarazioni anche sull’epidemia dell’AIDS, vissuta dal cantante tra paranoie e tabù.

“Mi sembrava quasi che non ci fosse un posto per me nel mondo. Per molto tempo ho avuto paura di come la gente potesse vedermi e poi è arrivato l’AIDS. Quello è stato un periodo di cui ancora si fa fatica a parlare fra i miei coetanei. Era davvero molto difficile essere aperti e onesti a proposito della propria sessualità. Era un periodo spaventoso per persone come me, che non potevano fare il test per via della loro popolarità senza destare un minino di agitazione. Voglio dire c’era il presidente Reagan e, anche se ce ne siamo dimenticati, era un periodo in cui si parlava di campi di concentramento per le persone sieropositive. Anche oggi, non posso donare il mio sangue alla Croce Rossa perché faccio sesso con un uomo”.

In occasione del ventesimo anniversario del suo coming out, Michael Stipe scrive un articolo pubblicato sul sito del Guardian e nel post riflette sui cambiamenti avvenuti negli ultimi venti anni:

“Negli ultimi due decenni parlare pubblicamente della mia verità mi ha reso una persona migliore e con cui è più facile interagire. Il mio coming out ha contribuito a dare chiarezza alla mia voce, a stabilire chi volevo essere da adulto. Ora posso dire di essere orgoglioso di quello che sono e sono contento di averlo condiviso con il mondo”.

 

Stipe parla pubblicamente della sua sessualità per la prima volta nel 1994.

“In quel momento ho semplicemente detto che avevo avuto rapporti sessuali sia con uomini che con donne. Era un semplice dato di fatto ma sono stato felice di averlo raccontato. Non molte figure pubbliche si sono fatte avanti per raccontare la loro verità ed io sono felice di esserci riuscito. E alla fine per me è stato davvero un grande sollievo.

Sono davvero entusiasta di vedere quanto le cose siano cambiate nel corso degli ultimi venti anni. Le nuove generazioni possono ora guardare con più chiarezza ai vari aspetti della sessualità. E mi rende felice pensare di aver potuto contribuire a questo cambiamento”.

 

 

Vi lascio con “Losing My Religion” dei R.E.M.

 

 

FONTIhttps://it.wikipedia.org/wiki/Michael_Stipe

http://www.youtube.com

http://www.gay.it/musica/news/leggende-del-rock-lgbt-michael-stipe-r-e-m

http://www.virginradio.it/news/news/169511/Michael-Stipe-racconta-il-suo-coming.html

 

 

Tonyella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 febbraio 2018 da in ARTE E MUSICA con tag , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: