Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

TI RICORDI DI… WILLIE e STEVE de “UNA PRATERIA STRANIERA” – Serie Storie della prateria #4 – di Andrew Grey – 26 Novembre 2013

TITOLO: Una prateria straniera
TITOLO ORIGINALE: A foreign range
AUTORE: Andrew Grey
TRADUZIONE: Ernesto Pavan
COVER ARTIST: Reese Dante
CASA EDITRICE: Dreamspinner Press
GENERE: Contemporaneo
SERIE: Storie della prateria #4
EBOOK: Si
PAGINE: 166
PREZZO: $ 6,99 su Dreamspinner
DATA DI USCITA: 26 Novembre 2013
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio
 
 

TRAMA: Il cantante western Willie Meadows è un impostore. Non è mai andato a cavallo in vita sua e i suoi abiti in stile “vecchio West” sono stati fatti su misura in una boutique di Los Angeles. Non c’è da stupirsi che Wilson Edwards, l’uomo dietro la maschera, non riesca più a scrivere musica. Nel tentativo di trovare l’ispirazione, Wilson compra un ranch in Wyoming per sperimentare la vita di campagna, pur non avendo la minima intenzione di gestirlo. Poi arriva Steve Peterson, disperato, affamato e solo, dopo essere scappato da un istituto per la “cura” degli omosessuali gestito dal culto di cui suo padre è il capo.

Steve avrebbe dovuto addestrare cavalli per la vecchia proprietaria del ranch, ma quell’offerta di lavoro se n’è andata assieme a lei. Per fortuna, Wilson trova una soluzione temporanea: Steve si occuperà del ranch mentre lui è a LA per affari. Ma al suo ritorno, Wilson fatica a riconoscere la sua nuova casa. Nei recinti ci sono dei cavalli addestrati e il ranch è in ottime condizioni. Improvvisamente, si ritrova affascinato, non dallo stile di vita dei cowboy, ma da Steve stesso.

Ma il culto è ancora alla ricerca di Steve e il timore di Wilson di suscitare uno scandalo ha fatto in modo che, finora, la sua omosessualità sia rimasta un segreto. Dichiararsi distruggerebbe la carriera di Willie, ma soffocare i suoi sentimenti nei confronti di Steve potrebbe distruggere l’unica parte di lui che ancora è autentica.

 

I due protagonisti di questo romanzo non potrebbero essere più diversi: Willie è un famoso cantante country, mentre Steve è un giovane senza famiglia, povero e ormai alla disperazione.

Willie è in fondo un impostore, non ha mai vissuto in un ranch e non ha mai cavalcato, tutto in lui è artefatto per avallare la sua immagine di cowboy, romantico e affascinante; il suo vero nome è Wilson e, purtroppo per lui, di falso c’è anche l’orientamento sessuale esternato, essendo un gay che finge di essere etero per non rovinare la sua carriera, ma ogni giorno la cosa gli pesa un po’ di più e nascondersi gli è sempre più difficile, ed è anche per questo che vuole lasciare Los Angeles e i suoi eccessi, per vivere in un vero ranch, anche se non ha idea di come gestirlo.

Sulla sua strada s’imbatte nel giovane Steve, ragazzo solo e misterioso ma esperto in cavalli e ranch, a cui offre prima un aiuto e poi un lavoro, salvandolo da una situazione disperata, ma la conseguente forte attrazione tra di loro potrebbe essere un serio problema, se Willie non si farà da parte, e Wilson non uscirà finalmente allo scoperto per vivere finalmente la sua vita.

Steve è molto giovane ma il suo passato è costellato da dolore, poco amore e da una lenta discesa all’inferno: fuggito da un padre potente e violento verso una vita fatta di espedienti e disperazione, ora potrebbe finalmente trovare una casa e un futuro, ma il suo passato sembra non volerlo lasciare andare.

Molti ostacoli sembrano dividere questi due uomini, ma il sentimento che li unisce è abbastanza forte da superarli? L’esempio dei loro simpatici vicini, Wally, Dakota, Haven e Phillip, riuscirà nell’impresa? I quattro amici sono simpatici e innamorati come li abbiamo lasciati, collegano questo romanzo al resto della serie, e per me ritrovare i protagonisti dei romanzi precedenti è sempre un piacere. Ho infatti molto gradito le pagine a loro dedicate.

Questo romanzo tocca diversi argomenti tra cui l’omofobia nel mondo della musica country e nel mondo rurale in generale, e la piaga delle sette, religiose e no, che certo rendono molto difficile la vita di una persona gay, o comunque fuori dagli schemi prestabiliti.

Consiglio la lettura agli amanti della serie (è comunque un romanzo leggibile perfettamente da solo), romantico e sensuale, con tocchi di commozione, divertimento e suspense.

 

 

 

 

 

Salva

Salva

Un commento su “TI RICORDI DI… WILLIE e STEVE de “UNA PRATERIA STRANIERA” – Serie Storie della prateria #4 – di Andrew Grey – 26 Novembre 2013

  1. Pingback: TI RICORDI DI… WILLIE e STEVE de “UNA PRATERIA STRANIERA” – Serie Storie della prateria #4 – di Andrew Grey – 26 Novembre 2013 — Tre libri sopra il cielo – I libri di Diego Licata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: