Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “INTERVENTO DI RETROFIT” – Serie Thomas Elkin #1 – di N.R. Walker- 28 Maggio 2018

TITOLO:  Intervento di Retrofit
TITOLI ORIGINALE: Elements of Retrofit
AUTORE:  N. R. Walker
TRADUZIONE: Grazia Di Salvo
CASA EDITRICE: Triskell Edizioni
GENERE: Contemporaneo
SERIE: Thomas Elkin #1
EBOOK: Si
PAGINE: 117
PREZZO: € 3,99 su Amazon
DATA USCITA: 28 Maggio 2018
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio Alto

TRAMA: Generazione contro generazione, tradizione contro modernità; due uomini che impareranno molto sull’architettura e sull’amore. Riusciranno, insieme, a dimostrare che il vecchio e il nuovo possono unirsi in un perfetto design?

Thomas Elkin è un architetto di successo di New York e ha tutto ciò che la vita potrebbe offrirgli. All’età di quarant’anni ha fatto coming out e ha finalmente messo un punto al suo matrimonio con l’intenzione di vivere per davvero. Quattro anni dopo, il rapporto con suo figlio è tornato quello di sempre, Thomas si è concesso qualche storia più o meno seria e, in quanto stimatissimo architetto in stile tradizionale, è convinto di conoscere tutto sia sull’architettura che sulla vita.
Cooper Jones ha ventidue anni ed è appena entrato nel mondo dell’architettura. È un ragazzo talentuoso, professionale e con una forte passione per il suo lavoro, oltre a essere terribilmente esasperante. Insomma, la perfetta definizione di Millenial.
Quando viene scelto come tirocinante nell’azienda di Thomas, questi non si aspetta di certo che Cooper sconvolgerà completamente la sua vita. E se Tom insegnerà al ragazzo ogni cosa che sa sull’industria architettonica, Cooper da parte sua gli darà un’enorme lezione di vita.

 

Lo ammetto: il titolo mi ha incuriosita fin da subito, e immagino che anche voi vogliate conoscerne il significato ma, dato che il libro inizia proprio con la spiegazione di cosa sia un “Intervento di Retrofit”, io salterò questa parte per dirvi invece quanto mi è piaciuto: tanto, tanto, tanto!

La signora Walker è tra le mie autrici preferite, quindi parte un po’ avvantaggiata, ma quest’opera mi ha tenuta compagnia regalandomi delle belle emozioni e un grosso sorrisone finale, quindi direi che si è meritata il mio apprezzamento.

Se, come me, amate le storie dove c’è un bel gap generazionale, dove i protagonisti sono mentore e allievo, e dove la chimica fa scintille, beh… avete trovato il libro che fa per voi.

Thomas Elkin è un uomo che ha preso in mano le redini della sua vita solo dopo i quarant’anni, dopo il divorzio dalla moglie e un coming out che lo ha reso finalmente libero. È un affermato architetto della Grande Mela, dedito a un lavoro che ama e che fa con passione, ma gli manca – dal lato affettivo – un uomo che lo ‘ispiri’ più a lungo di una sveltina.

Cooper Jones ha esattamente la metà dei suoi anni ed è un caro amico di suo figlio, nonché architetto in erba – geniale e spudorato – che finisce a fare un tirocinio nel suo studio.

Fin dall’inizio, è un incontro di anime: Tom e Cooper fondono pensieri tradizionali e radicati con voli futuristici, sentono gli stessi sentimenti ed emozioni verso l’architettura e la loro sintonia è immediata.

Thomas trova in Cooper uno spirito affine, qualcuno che desiderava da tempo e che finora non aveva mai trovato. Cooper, dal canto suo, è affascinato dalla genialità dell’uomo, dalla sua bravura, dal fascino indiscusso che sa trasmettere.

La collaborazione mentore-allievo è interessante e ‘ispirata’, ma ben presto spinge prepotente una corrente sotterranea di attrazione non solo intellettuale, ma anche fisica e i due, malgrado le remore lecite, si ritrovano piacevolmente a soccombere.

Oltre ad avere una bella trama, ho adorato questo libro per la caratterizzazione dei personaggi. Anche se c’è una differenza di oltre vent’anni, i due si completano alla perfezione, scherzando e ironizzando sulla ‘vecchiaia’ del primo e sulle bizzarrie giovanili del secondo, senza scadere in certi ‘kink’ che personalmente non amo, tipo quello del ‘sugar daddy’. No, qui la relazione è alla pari e, anzi, Cooper ha un bel caratterino effervescente – tipico della Y Generation – che lo rende adorabilmente sfacciato e prepotente, senza apparire antipatico al lettore, mentre Tom cerca di non essere troppo paternalistico.

Per molti versi, questa storia mi ha ricordato un’altra serie che ho amato molto, ed è “Equals – Compromessi” di Brigham Vaughn, con Peter e Russ; anche se, beninteso, Tom e Coop hanno una sintonia tutta loro, che vi conquisterà.

Come personaggi secondari, merita una menzione l’efficiente segretaria Jennifer, che si rivela una spalla preziosa all’interno della trama.

Anche se il volume non è particolarmente corposo, è ben sviluppato e ve lo consiglio. Questo è il primo libro su Thomas e Cooper, ma già non vedo l’ora di leggere i due rimanenti della trilogia, per vedere come si evolverà la loro relazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: