Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “NERO – Tutti i miei colori” di Sara Coccimiglio – 28 Maggio 2018

TITOLO: Nero
AUTORE: Sara Coccimiglio
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Contemporaneo
E-BOOK:
PAGINE: 625
USCITA: 28 Maggio 2018
PREZZO: € 3,99 su Amazon (disponibile su Ku)
LIVELLO DI SENSUALITA’: Molto Alto (warning: abusi e violenza domestica)
LINK PER L’ACQUISTONERO: Tutti i miei Colori
 

TRAMA: Non ricordo niente dei miei primi dieci anni di vita. Non ricordo il volto di mia madre. Non ricordo i suoi abbracci. Non ricordo la casa in cui sono cresciuto. Non ricordo la mia infanzia. Non ricordo com’era vivere in un mondo dove non esiste la paura e dove gli uomini non pagano per avermi. Perché tutto ciò che so adesso, a nove anni di distanza, è che il denaro è l’unica cosa che può tenermi in vita. Il denaro può salvarmi. Il denaro può risparmiarmi un po’ di dolore. Il denaro può domare la bestia che mio padre non cerca neanche di nascondere dentro di sé quando torno a casa a mani vuote.
E Luc che ruolo ha in tutto questo? Nessuno. Non deve averlo. Perché non è un mio cliente, non ha pagato per avere il mio corpo, non ha voluto comprarmi per una notte.
Allora perché è così gentile con me? Perché mi offre del cibo e un letto morbido? Perché vuole portarmi via dalla strada?
Non deve farlo. Non deve aiutarmi. Non deve permettermi di affezionarmi a lui.
Se si avvicinerà troppo la mia vita lo inghiottirà, i colori svaniranno e tutto si tingerà di nero.

 

Questo libro mi ha molto stupito: non conoscevo quest’autrice, che presumo sia un’esordiente, ma è stata capace di creare una storia realistica, emozionante; una storia che tratta di temi importanti e lo fa senza edulcorarli.

Nella mia testa ho diviso questo libro in prima e dopo Luca: non è una qualche presa in giro ma la vita di Miky che conosce solo violenza e abusi fino a quando non incontra Luca, che gli apre letteralmente un mondo, facendogli capire che la vita non è solo dolore e violenza.

Il libro racconta la storia di Miky, un ragazzo poco più che maggiorenne, originario della Polonia e scappato in Italia insieme al padre, che lo costringe a prostituirsi per pochi euro che finiscono inevitabilmente tutti in droga. Una vita fatta appunto di violenza, di soprusi, di botte. È stato doloroso leggere queste pagine, leggere della sua sofferenza e anche di come non si aspetti più nulla, di come non si fidi nemmeno di chi vorrebbe solo aiutarlo.

L’incontro con Luca segna una svolta nella vita di Miky: anche se all’inizio è restio a fidarsi e crede che sia solo l’ennesima persona che vuole solo il suo corpo, il modo in cui Luca si prende cura di lui, non chiedendogli niente in cambio gli fa capire che forse una piccola speranza di fuggire da quell’inferno c’è.

L’unico sprazzo di colore nella vita di Miky sono i suoi capelli; potrebbe sembrare un dettaglio da niente ma già il titolo rappresenta bene lo spirito di questo libro: fino a quando Miky riesce a trovare dentro di sé una scintilla di vita i suoi capelli sono un inno alla libertà, colorati dei colori più sgargianti che attirano l’attenzione, come succede con Luca. Quando però la scintilla si spegne, perché Miky non riesce più a vedere la speranza, perché crede che la sua vita sia ormai finita, i suoi capelli diventano neri, un non colore che rappresenta quello in cui ormai non riesce più a credere.

Non è stata una lettura facile, da affrontare a cuor leggero; vengono affrontati temi importanti come la violenza sessuale, la prostituzione minorile, lo spaccio di droga e la violenza domestica. È un racconto duro, non spettacolarizzato ma anzi estremamente reale, in alcuni punti anche abbastanza crudo, che ci mostra perfettamente quanto sia difficile la vita di Miky. Luca rappresenta la salvezza, la speranza di una vita migliore e di qualcuno che finalmente si prenda cura di lui.

Ho trovato, inaspettatamente, un libro emozionante, a tratti drammatico, ma che riesce in qualche modo anche a ridare speranza. I personaggi sono ben caratterizzati e anche se ho trovato qualche errore e un paio di sviste lo considero un ottimo esordio.

Consigliato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12 giugno 2018 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: