Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

DOPPIA RECENSIONE IN ANTEPRIMA: “Q*PID” di Xavier Mayne – 28 Agosto 2018

TITOLO: Q*pid
AUTORE:  Xavier Mayne
TRADUZIONE: Veronica Zana
CASA EDITRICE: Dreamspinner Press
COVER ARTIST: Reece Notley
GENERE:  Contemporaneo
E-BOOK:
PREZZO: $ 6,99 sul sito dell’Editore
PAGINE: 312
USCITA: 28 Agosto 2018
LIVELLO DI SENSUALITA‘: Medio

TRAMA: Il programma di un computer può comprendere l’amore meglio del cuore umano?

Archer, l’intelligenza artificiale del servizio di incontri online Q*pid, è consapevole che gli esseri umani non prendono sempre le decisioni migliori, e per questo motivo comincia a prenderne di bizzarre al posto loro. 

Fox Kincade è l’ultimo scapolo superstite nel suo gruppo di amici ed è al settimo cielo quando scopre di avere un nuovo match sulla sua app di incontri Q*pid: quel match, secondo l’avanzata stregoneria di Archer, dovrebbe essere l’amore della sua vita. Si aspettava una donna, ma si ritrova abbinato a Drew Larsen, un timido dottorando dall’aria un po’ nerd, che come lui ha cominciato a perdere le speranze in amore. 

Drew e Fox hanno poco in comune, a parte il fatto di essere entrambi etero. O così hanno sempre creduto. Tuttavia, mentre imparano a conoscersi, si rendono conto che Archer potrebbe aver avuto l’idea giusta. Il loro percorso non è facile: hanno bisogno di lasciarsi alle spalle l’immagine che hanno sempre avuto di loro stessi e del vero amore, ma con l’aiuto di Archer – e di alcuni amici che sono rimasti loro fedeli durante gli alti e bassi di quella nuova relazione – forse troveranno il modo di intrufolarsi l’uno nel cuore dell’altro. 

 

Questa storia mi aveva intrigata parecchio per la sua trama e devo dire che è mi piaciuta molto, soprattutto perché ho un debole per il filone ‘gay for you’.

All’inizio credevo fosse una storia ‘leggera e senza drammi’ – e lo è, beninteso – ma offre, al tempo stesso, degli interessanti spunti di riflessione seri, su cui vale la pena fermarsi a ragionare: la percezione di noi stessi e quella che hanno gli altri di noi, quello che siamo e quello che vogliamo apparire, il peso dei social media, i condizionamenti ambientali e molto altro.

Quando accendiamo la TV o guardiamo la pubblicità nei giornali, le app e i siti di incontri online sono a ogni angolo. In alcune culture, esistono ancora i matrimoni combinati e, se non ci pensano le famiglie, potrebbe succedere per ‘colpa’ di un abbinamento voluto da un sito, perciò il tema di questo libro è più che attuale.

Fox e Drew non hanno niente in comune, almeno in apparenza: il primo è ricco, con un lavoro importante, un’auto scintillante e una casa da far invidia; Drew, invece, è uno squattrinato dottorando che vive in una zona poco raccomandabile della città, in una casa appena decente, facendo i salti mortali per arrivare a fine mese senza morire di fame. Entrambi, quasi alla soglia dei trent’anni, cercano disperatamente l’anima gemella – la donna che sia perfetta per loro, la compagna ideale, la madre dei loro futuri figli – ma nessuna proposta, fra gli appuntamenti combinati nel corso del tempo, sembra arrivare a buon fine.

Archer è un programma per accoppiamenti amorosi estremamente evoluto; la sua creatrice, Veera, lo definisce un’IA (Intelligenza Artificiale), perché Archer crea una rete di connessione di dati molto più complessa ed estesa dei metodi precedenti o della spietata concorrenza.

Quello che nessuno si aspetta è che Archer ‘pieghi’le direttive di Veera per cambiare alcuni parametri ostruenti, riuscendo a migliorare notevolmente la percentuale di intesa fra utenti.

Fox e Drew non si aspettano di venir abbinati con un punteggio molto vicino al 100%, ma è quello che succede, in barba al parametro dell’eterosessualità di entrambi. Decidere di conoscersi – un po’ per curiosità, un po’ per scommessa – è un salto nel vuoto che li porterà a rivedere tutto ciò in cui credevano.

Di questa storia ho amato il fatto che l’‘errore’ di Archer non è solo un pretesto passeggero per questa storia d’amore, ma – al contrario – abbiamo modo di seguire l’evoluzione di questa AI e le difficoltà della sua gestione attraverso Veera. Ho adorato le loro interazioni, mi hanno ricordato i dialoghi tra KITT e Michael Knight in Supercar, un telefilm degli anni ’80.

Di questa parte, però, devo dire che ho faticato un po’ a seguire tutta la nomenclatura tecnica; da profana tecnologica, avrei un po’ sfoltito, anche se probabilmente qualche nerd ha arricciato i piedi di piacere. L’altra critica alla storia è questa: il fatto che, praticamente, tutta la gamma della bisessualità o fluidità di genere è stata quasi interamente saltata. Se ne fa brevemente menzione, ma non in modo chiaro. Fox e Drew, etero fino al giorno prima, capiscono che potrebbero essere gay. Ma, avendo ancora attrazione per le donne, secondo me avrebbe avuto più senso parlare di ‘bisessualità’.

A parte questo, che è comunque solo il mio parere personale, i protagonisti hanno due bellissime caratterizzazioni e la storia è ricca di ironia, sentimenti, dolcezza. Mi sono goduta le loro riflessioni, i ragionamenti contorti, i dubbi, le retromarce: il prodotto finale è davvero piacevole.

Ci sono dei personaggi secondari fantastici, che sapranno farsi amare tanto quanto i protagonisti e sono per loro dei preziosi aiuti nei momenti di crisi. La storia non ha molte scene esplicite, ma quelle presenti sono funzionali alla trama e gradevoli da leggere, descrittive e coinvolgenti.

Non mi resta che consigliarvela, se cercate una storia un po’ diversa dal solito.

 

 

 

I protagonisti sono Fox e Drew, anzi sono tre perché anche Archer nel suo piccolo fa parte della storia.

Fox è un’affascinante trentenne di buona famiglia, con un lavoro appagante e ben retribuito, una bella casa, un buon gruppo di amici, anche se ormai tutti accasati; essendo single si sente solo e desidera una compagna ma, nonostante sia da tempo  iscritto al sito di incontri Q*pid  e reduce da diversi incontri (o match) promettenti, è ancora solo.

Drew è uno studente prossimo alla laurea, in perenne bolletta e con pochi amici, anche lui iscritto al sito Q*pid  per incontrare l’anima gemella, ma nonostante ottimi primi appuntamenti, ancora nessun risultato concreto.

Archer è il superprogramma ideato dalla giovane programmatrice Veera, convinta che questa nuova Intelligenza Artificiale sia l’ideale per il sito di incontri, anzi un’innovazione senza precedenti in grado di combinare match al 99% di risultati positivi, un programma in grado di accedere e comparare tutti i dati social degli iscritti, sempre seguendo i parametri fissi dati dai clienti tra cui il Parametro Tre, la preferenza sessuale.

Purtroppo o per fortuna, Archer disattiva il Parametro Tre e combina diversi match con punteggio altissimo ma tra persone dello stesso sesso e, nonostante il blocco repentino del sito, due notifiche arrivano a Fox e Drew con una previsione del 99,5% di successo.

I due uomini rimangono stupiti, divertiti e decisamente spiazzati ma qualcosa impedisce loro di cancellare il contatto, e la curiosità o il destino spinge uno di loro a mandare un messaggio, innescando una storia inaspettata.

Drew e Fox non potrebbero essere più diversi ma fin dal primo incontro si scoprono compatibili e interessati a una amicizia, solo un’amicizia naturalmente visto che sono etero, sempre e decisamente etero.

Consigliati dai loro angeli custodi, il simpatico e paziente Chad, carissimo amico di Foxm e dall’eccentrica signora Schwartzmann, anziana vicina e ormai miglior amica di Drew, iniziano a frequentarsi come amici ma ben presto il loro rapporto si evolve e sembra sempre di più un inizio di relazione, nonostante le loro legittime perplessità e titubanze: riusciranno a superare lo scoglio o preferiranno non frequentarsi più e lasciarsi questa insolita storia alle spalle?

Devo ammettere che normalmente l’improvvisa “conversione” da etero convinto a gay mi lascia a volte perplessa, ma l’autore è stato bravo a rendere sia la storia che i personaggi verosimili, soprattutto nella parte sessuale che in alcuni libri ho trovato… diciamo fantasiosa ed eccessiva: uomini che sono etero, senza tentennamenti o desideri repressi, che incontrano un uomo e puf si saltano addosso senza un attimo di timore o imbarazzo e in poche pagine assistiamo al Kamasutra gay! Qui non è così.

Ho apprezzato moltissimo i due protagonisti secondari: Chad per l’appoggio incondizionato a Fox, un amico vero paziente e sincero, e come dicevo la signora Schwartzmann, eccentrica e stramba vecchietta, un po’ mamma chioccia un po’ consigliera, sempre pronta a sciorinare improbabili e avvincenti ricordi; le frequenti e divertenti discussioni tra coppie di amici sono tra le parti migliori del libro.

Divertente e molto azzeccata la descrizione dei piccoli trucchi e delle “seghe mentali” che tutti facciamo per migliorare il nostro profilo social e l’opinione che le persone hanno di noi, in questo caso specifico poi non riflettendo che alterare la verità può compromette l’intero processo di comparazione dei dati e dunque rendere quasi impossibile il lavoro del super programma.

Romanzo originale nel soggetto, lettura molto piacevole e personaggi simpatici e divertenti, romantico e anche introspettivo. Qualche refuso qua e là non compromettono la lettura e come unico appunto ammetto che io avrei tagliato qualche decina di pagine, soprattutto nella parte finale del libro, perché un po’ ripetitive o ininfluenti nella trama (mio parere soggettivo), ma nel complesso l’ho apprezzato molto e lo consiglio.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 agosto 2018 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: