Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “STATICO” di L.A. Witt – 27 Luglio 2018

TITOLO: Statico
TITOLO ORIGINALE: Static
AUTORE:  L.A. Witt
TRADUZIONE: Caterina Bolognesi
CASA EDITRICE: Triskell Edizioni
GENERE:  Contemporaneo
E-BOOK:
PREZZO: € 4,99 su Amazon
PAGINE: 277
USCITA: 27 Agosto 2018
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio
LINK PER L’ACQUISTO:  Statico

TRAMA:Durante i due anni passati insieme, Alex ha sempre temuto il momento in cui Damon avrebbe scoperto la verità, ovvero che lei è un mutagenere, quella piccola percentuale della popolazione in grado di cambiare sesso a piacere. Grazie a un impianto che le è stato messo contro la sua volontà, però, Alex si risveglia improvvisamente statico, ovvero non riesce più a cambiare da un genere all’altro, e bloccato nella sua forma maschile. Nel giro di una notte, la sua doppia natura viene rivelata a un mondo che non capisce né tollera quelli come lui… e al suo fidanzato eterosessuale.
Damon rimane sbalordito nello scoprire che la sua ragazza è un mutagenere e si spaventa a morte per i notevoli rischi a cui la espone l’impianto che le è stato imposto. Si rifiuta di abbandonarla, ma che ne sarà della loro relazione? Lui è etero e Alex è intrappolata nella sua forma maschile, perché rimuovere l’impianto è troppo costoso e pericoloso.
Derubato di metà della propria identità e costretto ad affrontare complesse conseguenze fisiche e sociali, Alex ha bisogno più che mai di Damon, ma non vede una via d’uscita da quella situazione.
Specialmente se sarà costretto a restare statico per sempre.

 

 

In passato mi era capitato di leggere e apprezzare racconti amatoriali con un argomento simile e, amando lo stile e le idee della signora Witt, ho deciso più che volentieri di leggere questo libro. Il risultato? Vi basti sapere che mi ha tenuta incollata dalla prima all’ultima riga e l’ho letto in un solo giorno, anche se non è affatto corto.

Alex e Damon, i nostri protagonisti, ci portano in un mondo parallelo al nostro ma molto simile a esso – nel senso che esistono fanatici religiosi, discriminazioni di genere e via dicendo –, in un’America ipotetica in cui vivono uomini, donne e mutagenere, ovvero una piccola parte di popolazione che nasce geneticamente predisposta a essere sia maschio sia femmina e che può, effettivamente, passare da una modalità all’altra col corpo per soddisfare un bisogno fisico. Alcuni preferiscono assumere maggiormente l’una o l’altra forma, qualcun altro è favorevole al 50%.

I mutagenere sono considerati da molte persone degli errori, degli obbrobri, e pertanto vengono discriminati, minacciati, talvolta persuasi o costretti a un impianto nel corpo che ‘blocchi’ la trasformazione. Ed è quello che succede ad Alex, come scopriamo nelle prime pagine della storia. La sua famiglia lo ha sottoposto, contro la sua volontà, all’impianto, stravolgendo il suo mondo e il suo equilibrio, rischiando di causargli possibili danni fisici gravissimi.

Damon, il suo ragazzo da due anni, scopre che Alex è mutagenere nel modo e nel momento peggiore, caricando questa pover’anima sconvolta e dolorante di ulteriore stress, anche se – va detto – la reazione di Damon poteva essere peggiore.

Il libro, di stampo distopico e fantascientifico, rappresenta un’efficace metafora di chi è transessuale e di tutti i problemi quotidiani che deve affrontare chi si sente prigioniero di un corpo che non sente come suo.

La maggior parte della trama ha un sottile continuo angst, perché i guai e i problemi sono tanti e diversissimi, ma è una sensazione molto realistica di ciò che prova Alex, e talvolta Damon, senza risultare eccessiva, mentre i due si alternano nella narrazione. I momenti positivi sono piccole, preziose boccate d’aria nell’inferno che i protagonisti devono attraversare. Le loro caratterizzazioni sono splendide: realistiche nei sentimenti e nelle azioni, nei tentennamenti, nei cedimenti, nei dubbi, negli slanci di affetto, nelle speranze e nelle paure.

Mentre Alex deve affrontare il suo personale inferno, Damon gli è accanto, ma anch’egli deve fare i conti con scomode realtà e capire se può accettare la sua ragazza in questa nuova situazione. Ho amato il fatto che il suo percorso personale sia ben calibrato, senza sprint inverosimili e che, invece, tutto avvenga a piccoli passi fino all’interiorizzazione di una verità non scontata.

Nella storia incontriamo personaggi odiosi, ma ad aiutare i protagonisti ci sono personaggi secondari molto belli e positivi, tra tutti spicca Tabitha, il capo di Alex e sua amica.

La trama non presenta scene esplicite numerose, ma quelle presenti sono funzionali alla storia e piacevolmente coinvolgenti e descrittive.

Questa non è una storia che definirei ‘leggera’ e disimpegnata, ma l’ho adorata per ciò che riesce a trasmettere e per il messaggio che dà, perciò ve la consiglio caldamente.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31 agosto 2018 da in distopico, Paranormal, Romance con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: