Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “BARRETT & IVAN” – Serie C’è qualcosa in lui #3 – di A.D. Ellis – 1° Ottobre 2018

TITOLO: Barrett & Ivan
TITOLO ORIGINALE: Barrett & Ivan
AUTORE: A.D. Ellis
TRADUZIONE: Algedi Sala
CASA EDITRICE: Quixote Edizioni
COVER ARTIST: Angelice
GENERE: Contemporaneo 
EBOOK: Si
PAGINE: 270
PREZZO: € 3,99 nei maggiori Store
DATA USCITA: 1° ottobre 2018
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio

TRAMA: Malgrado le palle curve ricevute durante la sua infanzia, Barrett Kenner è diventato un musicista di successo. La sola cosa che gli manca è l’amore.

Ivan Romanov ha ucciso un uomo per salvare la vita della sorella. Nonostante abbia scontato la sua pena, il passato gli ha lasciato un bagaglio molto più pesante dei miseri effetti personali che si è portato via dal carcere.

Barrett si aggrappa alla memoria di un bacio appassionato, un bacio che Ivan finge fosse privo di significato, ma quando i due uomini accettano i sentimenti che provano l’uno per l’altro, e la vita dovrebbe essere finalmente una passeggiata, il passato ritorna ancora una volta, in agguato nell’ombra.

Barrett e Ivan riusciranno a proteggere il loro amore e le loro vite o il pericolo in arrivo da molto lontano sarà troppo da sostenere?

 

“Portala qui. Non dirlo a nessuno. Non permettere a nessuno di seguirti. Fermati lì. Vi troverò io, una volta libero.”

Queste sono le parole disperate che Ivan dice al sedicenne Barrett, prima di entrare in prigione dopo aver ucciso un uomo per salvare sua sorella Lexi, e dopo averlo inaspettatamente baciato, lasciandolo sconcertato e pieno di domande e incertezze.

Ivan e Lexi sono figli di un mafioso russo morto anni prima, un mondo da cui hanno cercato di rimanere lontani anche se il ragazzo ha collaborato con loro prima di finire in prigione, dove ha dovuto approfittare delle sue conoscenze criminali per sopravvivere.

Sono passati ormai dieci lunghi anni durante i quali la vita di Barrett e Lexi è proseguita in solitudine, quasi da eremiti, sia per le ferite fisiche e psicologiche subite da quest’ultima sia per il timore verso il mondo pericoloso che si sono lasciati alle spalle, in paziente attesa del ritorno di Ivan.

Ivan è entrato a vent’anni in carcere e per dieci anni, tramite sotterfugi e compromessi, è riuscito a sopravvivere, pur non passando indenne sotto le forche caudine della prigionia, dove abusi di ogni genere sono quasi la norma; il bacio rubato a Barrett è rimasto nella sua mente per tutto il tempo nonostante lui non abbia mai pensato a se stesso come gay. Sono tre vite praticamente in stallo che finalmente possono iniziare a procedere, ma a volte non è solo la prigione reale a impedire di avere relazioni (anche di sola amicizia). Barrett inoltre ha una grande e fondamentale domanda per Ivan: perché mi hai baciato?

La risposta non è quella che lui sperava ma l’attrazione tra i due è innegabile, nonostante le titubanze di Ivan data la poca esperienza di uno e le brutte esperienze dell’altro, e gli stessi dubbi e perplessità di Lexi non incoraggiano una loro eventuale relazione.

Ivan è molto segnato dalla reclusione e l’attrazione reciproca con Barrett lo riempie di paura ma anche di speranza: non vuole fargli del male o rovinare la loro amicizia e non si sente degno di lui, ma allo stesso tempo non vuole rinunciare alla possibilità di amare ed essere amato, e per questo propone un insolito patto: Barrett deve avere cinque appuntamenti con cinque uomini diversi, quasi una prova per “testare” la loro attrazione.

Questa è la parte più simpatica e leggera del romanzo, tra gelosie e provocazioni, tentazioni e tiri mancini, assistiamo alle prime uscite romantiche di Barrett con improbabili e ignare cavie; intanto un oscuro personaggio che si firma DKR compare nella vita di Ivan e con promesse e minacce sembra volerlo riportare nel suo passato criminale.

Che esito avranno gli appuntamenti? Ivan riuscirà a superare i suoi incubi e i suoi timori? Cosa vuole il misterioso DKR? Lexi riuscirà finalmente ad avere una storia d’amore invece che narrarle soltanto?

Terzo romanzo di una serie, in realtà tutti i libri sono ottimi da leggere autonomamente, e per me questo è proprio un buon romanzo, migliore dei precedenti, con una trama originale e con tre ottimi protagonisti, oltre a validi personaggi di contorno, tra cui Jason, Keith e Dmitri, che con poche apparizioni e pagine loro dedicate riescono a essere credibili e importanti per la storia; ho apprezzato un po’ meno il finale ma questo certo non influisce più di tanto dal mio giudizio finale che rimane più che positivo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 ottobre 2018 da in Contemporaneo, Romance con tag , , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: