Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “LA CASA DEGLI SPECCHI” di Rosalie Hawks – 3 Ottobre 2018

TITOLO: La casa degli specchi
AUTORE: Rosalie Hawks
CASA EDITRICE: Triskell Reserve
GENERE: Narrativa lgbt/Distopico
E-BOOK:
PREZZO: € 5,99  su Amazon
PAGINE: 340
USCITA: 3 Ottobre 2018
LIVELLO DI SENSUALITA‘: Medio
LINK PER L’ACQUISTOLa casa degli specchi

TRAMA:Anno 2212. La Terra è diventata cupa e poco ospitale, le città crescono e si evolvono in verticale in grattacieli maestosi. Gli abitanti appartengono alle città, non il contrario. Non tutti, però, concordano su quest’ultimo punto. 

Tra loro, un criminale crudele, un agente integro, una talpa inarrestabile e un investigatore determinato. Questi però sono solo dei ruoli. Dentro una casa degli specchi, quale profilo corrisponde esattamente alla persona a cui è stato assegnato?

In un mondo in cui si è Raccolti, Ignorati o Scartati e solo i più sani, forti e intelligenti possono vivere, giunge la vendetta di chi per colpa del Sistema ha perso tutto. 
Chi e quanti sono i vendicatori? 

 

Il distopico non è tra le mie scelte preferite, con protagonisti spesso preadolescenti o poco più grandi con i quali fatico a volte a empatizzare e con storie un po’ troppo drammatiche o melense per i miei gusti, ma a volte si trovano delle belle sorprese, e questa lo è stata, con mio grande piacere.

In un nuovo mondo, dove i cittadini sono proprietà di queste Città palazzo che si sviluppano solo in altezza, vista l’inospitabilità del suolo relegato solo ai poveri, a chi non ha una utilità per la società e a chi sfugge ai raccolti, di cosa lo capirete leggendo, ai disadattati che non vengono considerati utili, c’è chi non vuole sottostare a queste regole inumane e restrittive, che costringe le persone a sottostare alle regole o a subirne le conseguenze.

La trama può ricordare altre storie simili, ma lo sviluppo di questa è più particolare e più intrigante, anche se all’inizio ho faticato a ingranare per le informazioni all’apparenza slegate, ma poi man mano il puzzle ha iniziato a incastrarsi perfettamente, rivelando una storia romantica e di rivalsa, di persone che vogliono avere il diritto di vivere la propria vita per se stessi e per le persone che amano e non per una società che non tiene in considerazione il valore di ogni individuo per come è, ma solo per il contributo che può portare alla società stessa, a discapito della persona.

Tutto ruota attorno a quattro figure principale, Logan, Sebastian, Robin e Bernadette, ma anche i personaggi di contorno sono interessanti, in particolare Estela che aiuterà due dei protagonisti a scoprire le loro carte, e anche il cattivo della situazione non si fa certo dimenticare, dando così il giusto risalto alla storia, che non è affatto banale anche se non proprio nuova, ben articolata e sviluppata molto bene, ben caratterizzati sia i personaggi che l’intreccio della storia, facendo credere una cosa mentre si rivela un poco per volta per un’altra.

Ho apprezzato come sia stata ben delineata la parte psicologica dei protagonisti, lo sconforto e la rabbia per la situazione in cui sono obbligati a vivere, ma anche la voglia di poter decidere per se stessi, lo spirito di sacrificio per perseguire il loro obbiettivo: vivere liberi e felici.

Non voglio addentrarmi di più per non svelare qualcosa che potrebbe rovinare la lettura e il piacere della scoperta, perché non c’è nulla di più antipatico dello spoiler di un intrigo che va scoperto pagina dopo pagina, e il piacere di fare supposizioni che vengono confermate o meno.

Una lettura bella, fluida, con un buon intreccio di situazioni e personaggi anche se, per la mia pignoleria per i dettagli, manca un po’ di approfondimento sulle strutture delle Città palazzo, il modo di vivere delle persone fuori dalle stesse, come si procurano le cose, i materiali, le cose di prima necessità; lo so, sono piccoli dettagli che non compromettono la storia ma che a me sono mancati, lasciandomi delle piccole lacune che continuano a pungolarmi, ma che sono solo una mia personale opinione.

Consiglio sicuramente questo libro, per leggere un genere diverso ma molto intrigante, romantico al punto giusto, con una storia di rivalsa per se stessi, per avere il diritto di decidere della propria vita e di amare ed essere amati per chi e cosa siamo, non solo per quello che possiamo essere utili agli altri, o per le aspettative della società in cui viviamo.

 

Salva

Un commento su “RECENSIONE: “LA CASA DEGLI SPECCHI” di Rosalie Hawks – 3 Ottobre 2018

  1. Rosalie Hawks
    10 ottobre 2018

    Ciao!
    Mi fa molto piacere sapere che “La casa degli specchi” ti è piaciuto, nonostante esca un po’ dal tuo genere di gusti! E ti ringrazio tantissimo per la bella recensione, grazie mille davvero!
    Rosalie Hawks.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 ottobre 2018 da in distopico, narrativa, Recensione con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: