Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “CENERE” – Serie La Convergenza #1 – di Paola Velo – 10 Dicembre 2018

TITOLO:  Cenere
AUTORE: Paola Velo
SERIE: Le convergenze #1
CASA EDITRICE: Quixote Edizioni
GENERE: Fantasy Travel Time
EBOOK: Si
PAGINE: 297
PREZZO: € 3,99 sui maggiori store
DATA USCITA: 10 Dicembre 2018
LIVELLO DI SENSUALITA’: Alto
LINK PER L’ACQUISTOCenere (La convergenza Vol. 1)

TRAMA: Phobos ricorda bene il giorno in cui l’uomo che amava è morto, bruciato vivo davanti ai suoi occhi. Settecento anni non sono riusciti a sbiadire il ricordo, né il dolore, a causa del quale è diventato uno stregone immortale. Affine alla magia nera e a tutto ciò che essa comporta, Phobos prospera nel caos, fino al giorno in cui un gruppo di soldati, votati a sterminare ogni creatura magica, si mette sulle sue tracce. Non sarebbero una vera minaccia per lui, eccetto che per due piccole, quasi insignificanti condizioni: quei fanatici sembrano immuni alla sua magia; l’assassino inviato per portare a termine l’opera assomiglia in modo straordinario all’amante che Phobos ha perduto tanti secoli prima.

Aidan ha giurato di sterminare ogni stregone, fino a quando non sarà certo che quello che ha ucciso il suo ragazzo non sia morto insieme a tutta la sua specie abbietta. E sa fare il suo lavoro come se lo facesse da secoli, non da pochi anni. Ma il suo attuale bersaglio, uno stregone oscuro, si comporta in modo assurdo, cercandolo e avvicinandosi a lui invece che scappare e nascondersi.

In una strana danza tra preda e cacciatore, in cui i ruoli si scambiano e si mischiano, Aidan e Phobos si ritroveranno uniti dal caos e da un fuoco che rinasce costantemente dalle proprie ceneri.

Le storie m/m che trattano di viaggi nel tempo, magia, reincarnazioni e amori immortali sono ancora una rarità nel panorama italiano, pertanto immaginate la mia gioia quando ho saputo dell’uscita di questo libro!

Non conosco personalmente l’autrice ed è la sua prima storia che leggo, ma è un esordio coi fiocchi.

Fin dalle prime pagine, siamo catapultati dentro un turbinio di eventi narrati con una trama avvincente, ricca di colpi di scena e imprevisti.

Dal Basso Medioevo fino ai giorni nostri, il presente e il passato si mescolano, raccontando di avvenimenti, ricordi ed emozioni, grazie ai quali conosciamo Phobos e Aidan.

Phobos, nato come il figlio povero di un mugnaio ubriacone, incontra in un giorno di pioggia uno stanco cavaliere che, alla fine dell’ennesima guerra, cerca un po’ di pace alla corte del suo re.

Malgrado la considerevole differenza d’età, il loro legame cresce pian piano, trasformando l’amicizia e l’affetto in amore – un amore peccaminoso, mortale per quel tempo, e pertanto vissuto con ansia e riserbo.

Purtroppo, quando i due amanti vengono scoperti, Aidan si sacrifica per salvarlo e muore sul rogo davanti ai suoi occhi. Quest’immenso dispiacere rende folle di dolore Phobos che, inconsapevolmente, sprigiona una potente, devastante magia da sempre insita in lui.

Sette secoli dopo, Phobos è ancora immortale e gira sulla Terra come un potente stregone che usa i propri incantesimi a pagamento, per scopi più o meno riprovevoli.

Quando una strana setta dà la caccia agli esseri magici come lui, Phobos è pronto a difendersi e a farli fuori, se necessario; ma tra loro vi è uomo straordinariamente uguale al suo unico e grande amore perduto – un uomo che si chiama Aidan, come lui – e che potrebbe rimettere in discussione tutte le sue convinzioni: si tratta solo di una dannata, crudele coincidenza, oppure quel soldato è davvero il suo uomo creduto morto per secoli?

Io mi fermo qui e vi lascio il piacere di scoprire da soli le trame del destino di questi due bellissimi personaggi, ma sappiate che gli imprevisti sono dietro l’angolo e, fin da subito, i buoni e i cattivi non sono così scontati e potrebbero sorprendervi.

Fra i personaggi secondari importanti, meritano una menzione la strega Abigail, amica e maestra di Phobos, e il suo nuovo protégé, il giovane mago Sebastian.

L’autrice ha uno stile pulito, curato, coinvolgente: l’intera trama ha un ritmo che cattura fino alla fine, in un’alternanza sapiente di amore, dolore, speranza e disperazione. Non mancano delle piacevoli scene erotiche minuziosamente descrittive. Punto bonus per l’editing praticamente perfetto.

Questo libro di Paola Velo è una lettura che vi consiglio caldamente; anche se è il primo di una serie, ha una sua perfetta conclusione e niente resta in sospeso.

In attesa del prossimo volume – che spero arrivi presto – vi invito a godervelo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 dicembre 2018 da in Fantasy, Recensione, Romance, travel time con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: