Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “CASTIGO” – Serie The Protectors #3 – di Sloane Kennedy – 28 Febbraio 2019

TITOLO: Castigo
TITOLO ORIGINALE: Retribution
AUTORE:  Sloane Kennedy
TRADUZIONE:Martina Presta
CASA EDITRICE: Quixote Edizioni
COVER ARTIST:  Simply Defined Art by Jay Aheer
GENERE: Suspense
SERIE: The Protectors #3
E-BOOK:
PREZZO: € 4,99  sui maggiori store e sito Editore
PAGINE: 294
USCITA: 28 Febbraio 2019
LIVELLO DI SENSUALITA’: Molto alto

TRAMA: «Sei un eroe ogni cazzo di giorno, Tate,» sussurrai. «Non dimenticartelo mai.» ≈Hawke.

 L’ex soldato delle Forze Speciali, Michael “Hawke” Hawkins, ha passato ogni giorno degli ultimi dieci anni in attesa del momento in cui avrebbe visto la vita svanire dagli occhi degli uomini che hanno brutalmente assassinato sua moglie, ma quando alla fine ottiene l’opportunità che sta aspettando, il destino gli fa incontrare qualcuno che non si sarebbe aspettato.

Dopo quasi due anni di fuga, Tate Travers, ventiquattro anni, è diventato un esperto nel nascondersi… fino al giorno in cui spunta un pericoloso sconosciuto che chiede vendetta e minaccia di distruggere la fragile vita che lui è riuscito a costruire per se stesso e per suo figlio di cinque anni. Tranne per il fatto che la vita alla quale Tate cerca di aggrapparsi con fatica ha iniziato ad andare in fumo molto prima che arrivasse Hawke, a cercare gli stessi uomini dai quali Tate sta scappando… suo padre e suo fratello.

Castigo: è tutto quello che Hawke ha sempre voluto, sin dal giorno in cui ha tenuto tra le sue la mano della moglie, mentre lei esalava il suo ultimo respiro, e non cederà per niente e nessuno… nemmeno per il giovane uomo tormentato che cerca di offrire al suo bambino una vita migliore. Se questo vuol dire forzare il ragazzo ad affrontare il passato che l’ha quasi distrutto, allora sarà così.

L’ultima cosa che Hawke si aspetta è di provare qualcosa oltre all’odio che lo ha guidato e di certo non si aspettava di provare quella sensazione nei confronti di un uomo.

Tuttavia, quando si tratterà di scegliere tra i sentimenti indesiderati che Tate gli provoca e la vendetta che è finalmente prossimo ad assaporare, Hawke sarà in grado di lasciare andare ciò che gli ha impedito di darsi una seconda possibilità per il futuro, al quale ha rinunciato per sempre?

 

«Sei un eroe ogni cazzo di giorno, Tate,» sussurrai. «Non dimenticartelo mai.» Hawke

È una cosa che mi è già capitata di provare e scrivere, nei confronti di un libro, ma qui lo ribadisco in maniera particolare: preparate fazzoletti in quantità perché questa storia vi ridurrà il cuore in piccoli brandelli minuscoli e poi lo ricostruirà come solo una storia di questa portata potrebbe fare.

Se avete letto i libri precedenti di questa serie saprete già il tenore di ogni storia e il collante che le lega, che le unisce: eventi estremamente drammatici, brutali, in qualche caso inimmaginabili che sconfinano nella crudeltà cieca e abbietta, capaci di distruggere la vita di chi non solo la subisce ma anche di chi rimane, costretto a guardare impotente fino a ridursi al fantasma di una persona.

In qualche caso invece della disperazione scatta un meccanismo di vendetta, altrettanto distruttivo, come in Hawke, che da dieci anni sta aspettando di potersi vendicare della morte della moglie e solo quel pensiero lo fa andare avanti, come un automa senza sentimenti.

Hawke che avevamo già intravisto come un moderno punitore che arriva, svolge il suo lavoro e se ne va senza quasi lasciare traccia del suo passaggio. Hawke è un uomo dilaniato dal dolore della perdita di sua moglie, la sua migliore amica che ha saputo guardare a fondo dentro di lui quando ancora erano dei bambini; un uomo che ha fatto della vendetta il suo unico scopo di vita, senza permettersi di sentire nulla per nessuno, nonostante l’agenzia di cui fa parte sia diventata una sorta di famiglia allargata. Una famiglia accumunata dal desiderio di avere però giustizia, una giustizia che ognuno di loro non ha avuto dai canali ufficiali della legge.

Hawke è uno dei personaggi più tormentati di cui ho avuto modo di leggere, il suo strazio è palpabile, quasi come se potessimo toccarlo con mano; un personaggio che sta lottando prima di tutto contro se stesso perché nonostante il suo rifiuto di attaccarsi emotivamente a chicchessia nulla può fare contro l’attrazione verso Tate, che non solo non è sua moglie ma è un ragazzo, e cosa ben più complicata è direttamente collegato ai colpevoli dell’omicidio della sua compagna di vita.

Tate, ventiquattro anni appena e in fuga da due, è figlio e fratello degli assassini che Hawke sta cercando con tanto accanimento e si trova, suo malgrado, proprio sul suo cammino di vendetta e distruzione, ma accetta comunque di aiutarlo nonostante tornare in quell’inferno che chiamava casa sia l’ultima cosa che vorrebbe fare.

Il personaggio di Tate è così ben caratterizzato da far trasparire sia il suo smarrimento e la sua angoscia per quel passato che sembra non voglia lasciarlo in pace, sia il suo coraggio, la sua maturità nonostante la giovane età e il suo spirito combattivo che non cede nemmeno davanti alla pericolosità di un uomo, Hawke, che pur di vendicarsi sarebbe disposto a fare letteralmente di tutto.

Hawke e Tate sono due personaggi che ho amato tantissimo e che mi sono rimasti nel cuore, che hanno attraversato l’inferno ma che non si sono mai arresi.

La loro storia è collegata intrinsecamente a una sotto-trama che è quella che, sono sicura, sarà la causa di molte lacrime, sia di preoccupazione che di gioia, e che hanno reso questo libro uno dei più belli e intensi di cui abbia letto ultimamente.

Una serie permeata da un sottile (mica tanto!) strato di inquietudine, caratterizzata da storie drammatiche ma di rinascita, con personaggi che agiscono al limite (e spesso al di là) della legalità, ma che sono capaci di trasmettere emozioni intense e che sono un vero colpo al cuore ogni volta.

Leggetelo perché è bellissimo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28 febbraio 2019 da in Contemporaneo, Recensione, Romance, Suspence con tag , , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: