Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “LA LIBERAZIONE DI KAGE” – Serie Kage #2 – di Maris Black – 26 Marzo 2019

TITOLO: La liberazione di Kage
TITOLO ORIGINALE: Kage Unleashed
AUTORE: Maris Black
TRADUZIONE: Mirta Augusto
CASA EDITRICE: Quixote Edizioni
COVER ARTIST: PF Graphic Design
SERIE: Kage #2
GENERE: Sport Romance
EBOOK: Si
PAGINE: 217
PREZZO: € 4,49 nei maggiori Store
DATA USCITA: 26 Marzo 2019
LIVELLO DI SENSUALITA‘: Alto
LINK PER L’ACQUISTO: La Liberazione di Kage

TRAMA: Mi chiamo Jamie Atwood e sono un idiota. Contrariamente a ogni aspettativa, ho attirato l’attenzione di Michael Kage, il lottatore di MMA più bello sulla faccia della terra. Dire che mi ha sconvolto la vita sarebbe un eufemismo. Mi ha trasformato completamente, rendendomi dipendente da lui e facendomi innamorare. E il sesso? Mettiamola in questo modo: non ero mai stato con un ragazzo prima di incontrare Kage, ma sarei più che felice di passare il resto della mia vita in ginocchio per lui. È la mia ossessione e la mia droga. Ma ho fatto una stupidaggine, e ora ne sto pagando le conseguenze. Non so se rivedrò mai più Kage.

Essere Michael Kage non è mai stato facile. Troppi demoni, troppa rabbia e nulla per cui valesse la pena vivere. E poi ho incontrato Jamie Atwood. Possiede un’innocenza che smuove qualcosa di molto profondo dentro di me – in un luogo che non è mai stato toccato da nessuno. È bellissimo, intelligente e coraggioso, e non è mai stato avvelenato dall’oscurità che ha dominato la mia vita. L’ho desiderato dal primo momento che ho posato gli occhi su di lui. È da egoisti, lo so. Perché non puoi portare un’anima innocente fra le tenebre senza aspettarti che non venga contaminata.

 

Ho aspettato La liberazione di Kage con impazienza e sono stata ripagata. Il primo libro, Kage, mi aveva lasciato parecchie curiosità, domande e dubbi che volevo assolutamente vedere soddisfatte e in questo secondo ho trovato molte risposte.

Il secondo libro è decisamente più coinvolgente e trascinante del primo e questo potrebbe essere determinato dal fatto che si entra subito nel vivo delle cose, senza più la necessità di delineare gli ambienti e introdurre i personaggi, ma secondo me l’elemento che rende questo secondo libro migliore è che viene data voce anche ai pensieri di Kage. Finalmente ci viene concesso di conoscerlo più a fondo, di verificare se quanto ipotizzato, sperato, idealizzato, durante la lettura del primo libro corrispondesse al vero. E sì. Kage è veramente quel combattente e guerriero che i pensieri di Jamie ci hanno descritto.

Kage, frutto di una infanzia che, anche se delineata in poche righe, già strazia, maturato da esperienze durissime, che ha sentito come qualcosa di simile a una vera famiglia solo i lottatori professionisti della palestra che da bambino gli ha fatto frequentare il padre. Kage, che porta con sé terribili ricordi e segreti, che gli scatenano attacchi di panico fortissimi e incubi, tanto da essere in terapia da tempo infinito.

Il romanzo si apre esattamente nel punto in cui si era interrotto il primo: Jamie ha tradito le aspettative di Kage e quest’ultimo si è allontanato. Da questo momento si vedranno i tentativi, tutti maldestri e un po’ patetici, che compirà Jamie per riuscire a riavvicinarsi a Kage, anche se proprio grazie alla sua avventatezza e al fatto che Kage è Kage (in poche parole possessivo e soprattutto innamorato) ben presto vedremo i nostri due protagonisti tornare a frequentarsi.

Il loro riavvicinamento e il progredire della loro storia si esplicherà soprattutto mediante il sesso, un sesso forte, passionale, animalesco. Il loro fare l’amore sembra quasi un divorarsi, dove la tenerezza, se compare, è troppo sfumata e relegata ai margini per spiccare.

Kage si esprime attraverso il corpo, non è uomo di tante parole. L’azione compiuta è il suo pensiero ed è inevitabile, perciò, che l’espressione dei suoi sentimenti avvenga mediante il corpo e i gesti, anche violenti, piuttosto che col parlare, coi lunghi discorsi o le profonde elucubrazioni. Il loro riavvicinamento non sarà facile, troppe situazioni e soprattutto persone cercano di remare contro, di frapporsi, ponendo ostacoli, ricattando o agendo nell’ombra.

Ho trovato bellissimo, oltre naturalmente vedere come Jamie e Kage si innamorano sempre più uno dell’altro, lo spazio che viene dedicato ai personaggi minori che si sono intravisti nel primo libro. Al padre di Jamie, che si rivela migliore di quanto i presupposti facessero supporre, a Layla, l’ex fidanzata di Jamie, che nonostante tutto saprà supportarlo, a Steve, barista sopra le righe, che si rivelerà provvidenziale, a Jason, lottatore come Kage e che di questo si dimostrerà vero amico.

Entrano meno nel cuore, ma simpatici, sono anche gli amici del college di Jamie, per me loro sono il perfetto emblema della spensieratezza che caratterizza gli anni della giovinezza, quella fase in cui non sei più un adolescente ma ancora non sei entrato nella tua età più adulta.

Tre personaggi non mi sono risultati graditi, tra cui in particolare Peter Santori, che ha l’incredibile capacità di farsi detestare dopo neanche cinque minuti, col suo essere subdolo quanto una serpe, arido, meschino e vigliacco. Gli altri ve li lascio scoprire con questa imperdibile lettura.

La liberazione di Kage è veramente un bel romanzo, coinvolgente, appassionante e trascinante. Il lettore si trova a sfogliare pagina dopo pagina, per sapere come agiranno, non solo i due protagonisti principali, ma anche i personaggi che intorno ad essi ruotano. E’ un libro che mi sento di consigliare a chiunque ami i romance e i loro protagonisti descritti con le caratteristiche più classiche, perché l’autrice Maris Black ha avuto il tocco magico nel tratteggiare Kage.

Lui è la summa di come si vorrebbe vedere descritto un guerriero, quel guerriero che indipendentemente da chi ama, da cosa vuole o si trova costretto a fare, agisce per far sì che il destino gli regali quanto da lui agognato.

Kage in questo libro è un lottatore di MMA, ma potrebbe benissimo essere un vichingo, un centurione romano, un agguerrito scozzese delle Highlands, insomma un personaggio che travalica il tempo per rappresentare la forza e la volontà di combattere per la vita e per l’amore.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 aprile 2019 da in Contemporaneo, Recensione, Romance, sportivo con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: