Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “SAPESSI, LUCA” di Giacomo Assennato – 21 Marzo 2019

TITOLO: Sapessi, Luca
AUTORE: Giacomo Assennato
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Contemporaneo
EBOOK: Si
PREZZO: 3,00 su Amazon
PAGINE: 172
DATA USCITA: 21 Marzo 2019
LIVELLO DI SENSUALITA’: Molto Basso
LINK PER L’ACQUISTO: SAPESSI, LUCA
 

TRAMA: Matteo ha solo 13 anni e mezzo quando scopre per la prima volta l’amore. È una sensazione forte, che lo stordisce e lo schiaccia. Ha sempre avuto chiaro tutto di quella cosa che porta dentro: sapeva che sarebbe successo e non se ne stupisce affatto. Aspettava soltanto di capire chi sarebbe stato. Ed è per Luca, suo compagno di scuola, che Matteo proverà questa sensazione, che è così maestosa da lasciarlo senza fiato. Non glielo confesserà, perché sa che l’altro non saprebbe che farsene, e anche perché la vita li divide drasticamente.

Sono passati quindici anni e Matteo è un grafico pubblicitario, si è trasferito a Milano ed è circondato da tre amici fantastici: Leo, Karl e Davide. La sua è una vita bella, anche se non riesce a realizzarla completamente, bloccato com’è dalla storia che non ha mai avuto ma che sente essere l’unica che realmente l’aveva toccato nell’anima. Il resto non ci somiglia neanche un po’.

Luca, e tutto quello che avrebbe voluto dirgli, sono i fantasmi che porta con sé.

L’intrecciarsi della sua storia con quella dei tre amici lo accompagnerà in situazioni divertenti ma anche malinconiche che gli apriranno la strada alla vita.

 

Una storia carina e semplice, raccontata attraverso la voce di Matteo per la maggior parte del libro, che a un certo punto si scopre innamorato di Luca, suo migliore amico e compagno di classe. Purtroppo non avrà mai la possibilità di confessargli questo suo amore e questa situazione, rimasta in sospeso, lo terrà bloccato e non gli permetterà di lasciarsi andare e trovare una persona con cui condividere la vita.

Passano quindici anni, Matteo si è trasferito in una grande città, ha un bel lavoro di grafico pubblicitario e tre amici leali e sinceri, una bella vita insomma, ma non è felice. Lui continua a sentire questo vuoto, questo buco che è il suo Luca, quell’amore giovanile che non ha mai avuto la possibilità di crescere e vedere dove avrebbe potuto portarli. Tutte le sue relazioni hanno vita brevissima perché Matteo non riesce a lasciarsi andare e soprattutto non riesce a lasciare andare il ricordo di Luca, non vivendo così appieno le occasioni che la vita gli mette davanti. In tutto questo ci sono gli amici fidati che gli sono sempre vicini, Leo, Davide e Karl che, con la loro compagnia e affetto, cercano di spronarlo a cogliere nuove opportunità e a lasciar andare quell’amore non vissuto per poterne viverne uno vero e reale. Varie cose succederanno, ma ho paura di fare spoiler e quindi mi fermo qui.

Come dicevo una storia carina ma purtroppo, almeno per me, non è stata molto coinvolgente o appassionante, ho trovato infatti lo stile narrativo un po’ troppo freddo e distaccato. Nonostante ci siano molte emozioni in gioco sembra che non tocchino i personaggi, sono menzionate ma non sono poi supportate da situazioni e gesti che possano farle arrivare al lettore e per questo non sono riuscita ad entrare in empatia con i personaggi.

I dialoghi poi sono pochi e intercalati da monologhi interiori che, da una parte chiariscono i pensieri dei personaggi, ma dall’altra tolgono quell’interazione che avrebbe arricchito l’intreccio.  A me piace molto quando, in una scena di un bacio dato e ricevuto per esempio, riesco a percepire come si sentono e cosa provano le persone coinvolte, le sensazioni tattili e le emozioni che può scatenare in una persona, ma qui purtroppo non ho ritrovato questo pathos, impedendomi così di appassionarmi alla trama.

La scrittura è piacevole ma la presenza di alcuni regionalismi e modi di dire hanno un po’ disturbato il fluire della lettura che sarebbe stata più scorrevole in loro assenza, perché non sempre uno stile più genuino rende più simpatico un testo rispetto a un italiano più classico.

Una lettura come dicevo gradevole, i personaggi sono comunque abbastanza approfonditi e devo dire che mi sono piaciuti molto più gli amici di Matteo che lui stesso, Davide in primis. Vi invito comunque a leggere questo libro e farvi una vostra opinione.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27 aprile 2019 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: