Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “IL RILEGATORE” di Bridget Collins – 2 Maggio 2019

TITOLO: Il Rilegatore
AUTORE: Bridget Collins
TRADUZIONE: Roberta Scarabelli
CASA EDITRICE: Garzanti
 GENERE: Narrativa lgbt
PAGINE: 352
E-BOOK:
PREZZO: € 9,99 su Amazon
USCITA: 2 Maggio 2019
LIVELLO DI SENSUALITA’: Basso
LINK PER L’ACQUISTO: Il rilegatore

TRAMA: Immagina di poter cancellare per sempre un ricordo, una colpa, un segreto. C’è stato un tempo in cui ciò era possibile. Abili rilegatori, nelle loro polverose botteghe, oltre a modellare la pelle e incollare fogli, aiutavano le persone a dimenticare. Seduti con un libro tra le mani, ne ascoltavano le storie e, parola dopo parola, le cucivano tra le pagine, intrappolandole tra i fili dei risguardi. Così, il ricordo spariva per sempre dalla memoria: catturato dalla carta, non lasciava più alcuna traccia di sé. Per anni l’anziana Seredith ha praticato questo affascinante mestiere. Ma ora è il momento di trovare un apprendista, qualcuno cui trasmettere le sue preziose conoscenze. La scelta cade su Emmett. Sarà lui il nuovo rilegatore, un giovane per cui i libri sono sempre stati un oggetto proibito: Emmett li teme, pur ignorando il motivo di tale paura. Eppure, giorno dopo giorno, fa suo il compito di raccogliere segreti, colpe e confessioni. E il laboratorio in cui quel miracolo si compie, ormai, è come casa sua. Crede di conoscerne ogni angolo fino a quando scopre una stanza di cui nessuno gli aveva parlato. Al suo interno un’immensa libreria. Tra quegli scaffali, Emmett trova un libro che reca il suo nome e custodisce un ricordo che gli appartiene. Non c’è alcun dubbio, ma il ragazzo non sa di cosa si tratta. Non può saperlo. Ed è ora di scoprirlo. Perché per capire chi è veramente ha bisogno di conoscere ogni cosa, anche ciò che ha voluto o dovuto dimenticare.

 

Avevo aspettative molto alte per questa nuova uscita di Garzanti Editore, aspettative ampiamente ripagate grazie a un libro eccezionale, una vera scoperta che mi ha fatto innamorare della scrittura di questa autrice e della storia che è riuscita a intessere. Un libro che è rimasto per mesi in cima alle classifiche e che per me rimane uno dei più intriganti letti ultimamente.

Il Rilegatore è una lettura molto particolare, che sfugge a ogni catalogazione di genere. Narrativa, fantasy, storico, LGBTQ, suspense… questo libro è un connubio di ognuno ma, incastrandosi alla perfezione, ne viene fuori uno splendido risultato narrativo, una lettura capace di ammaliare il lettore, di trasportarlo in un’epoca lontana e di coinvolgerlo a 360 gradi nella storia.

Il Rilegatore è un libro diviso in tre parti, ognuna delle quali con la propria funzione, con il proprio scopo che, come un labirinto, ci fa scoprire a mano a mano che procediamo, tutti i meandri della storia, tutti i segreti che cela e le vicende che hanno portato a un determinato punto.

La prima parte è dedicata al presente narrativo, con la storia di Emmett che viene scelto come apprendista per apprendere l’oscura e magica arte del rilegare. Emmett è così costretto a lasciare la sua casa e la sua famiglia per recarsi a vivere nella casa di Seredith, un’anziana rilegatrice che intende trasmettere il suo sapere a un altro futuro rilegatore per continuare a proteggere i libri che ha faticosamente costruito nel corso della sua lunga vita.

Emmett impara così che rilegare non significa semplicemente costruire qualcosa ma significa in realtà accogliere delle persone che intendono dimenticare, che vogliono liberarsi di ricordi dolorosi o presunte colpe e che poi quei ricordi verranno affidati a dei libri che saranno custoditi e mai più aperti, almeno secondo l’insegnamento di Seredith che, al contrario di molti altri rilegatori, lo fa solo per aiutare queste persone e non intende guadagnare con la loro vendita.

Emmett impara che la figura del rilegatore è una figura oscura, misteriosa, secondo alcuni paragonabile a streghe e stregoni; i rilegatori sono sì figure magiche ma sono anche persone innanzitutto predestinate alla nascita che scoprono il proprio ruolo quando iniziano a stare male, ad avere malori e comportamenti insoliti.

Le vicende di Emmett si intrecciano inesorabilmente con quelle di Lucian Darnay, figlio di una famiglia altolocata e importante e la loro storia aggiunge un ulteriore tassello alla grandiosità di questo libro, alla sua complessità e al suo essere oltremodo articolato, ma allo stesso tempo ogni dettaglio va al proprio posto, ogni piccola sfumatura diventa necessaria e mai superflua.

La terza parte ha infine Lucian come protagonista e la vicenda che ci viene mostrata dà un ulteriore punto di vista, e ancora una volta la storia si colma di nuovi dettagli, informazioni e segreti per arrivare infine alla resa finale, estremamente curata e interessante.

Un libro con molti personaggi, non solo Emmett e Lucian ma molti altri hanno un ruolo fondamentale, in ogni tappa del loro viaggio in questa sorprendente avventura, con la loro funzione sia di coprotagonisti che come antagonisti ma sempre necessari.

Un libro che fa di un’ambientazione vaga ma molto particolare e di una caratterizzazione fumosa dei personaggi – che si scoprono gradualmente insieme alle loro vicende personali – il suo tratto distintivo ma anche il suo maggiore punto di forza.

Un libro magico, bellissimo; un’autrice impareggiabile che ha saputo creare una storia superba e indimenticabile.

 

Salva

Salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 maggio 2019 da in letture lgbt, narrativa, Recensione, Suspence con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: