Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “ACCADEMIA” di Deo – 23 Aprile 2019

TITOLO: Accademia
AUTORE: Deo
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Contemporaneo
E-BOOK:
PREZZO: € 3,99 su Amazon (Disponibile su Ku)
PAGINE: 212
USCITA: 23 Aprile 2019
LIVELLO DI SENSUALITA’: Basso
LINK PER L’ACQUISTO: Accademia – Deo

TRAMA: Dante e Gabriel si conoscono durante una lezione all’Accademia di Belle Arti nel 1998. Vivranno un amore intenso, messo alla dura prova nel corso degli anni. Per Dante è soltanto l’inizio di una storia che lo condurrà alla scoperta del vero senso della vita. Dopo venti anni, gli eventi li condurranno ad incrociarsi nuovamente. E sarà tempo di decidere se andare avanti o restare imprigionato alle catene del passato.

 

Accademia, il titolo di questo libro, rappresenta il fulcro della storia, il luogo fisico e metaforico su cui ruota la vicenda di Dante e Gabriel, una storia travagliata e un po’ contorta che purtroppo non sono riuscita ad apprezzare per tutta una serie di motivi.

Una storia che l’autore fa partire alla fine degli anni novanta, agli anni di università di Dante e Gabriel e all’accademia di belle arti in cui si incontrano per la prima volta e in cui scoprono di essere attratti e di voler essere qualcosa di più di semplici amici. Un’amicizia che nasce grazie all’aiuto provvidenziale di Rama, amica di Dante, e che diventa ben presto un’attrazione importante tra due personaggi molto diversi.

Dante è timido, introverso, un ragazzo che vede nella società e negli amici quasi un ostacolo, un qualcosa da superare come un esame e non un ambiente dove poter essere se stesso. Gabriel invece è estroverso, entusiasta, un ragazzo dalle mille amicizie che non si fa nessun problema nel dichiarare a un altro ragazzo il proprio interesse. Dante è, almeno inizialmente, l’unico narratore e racconta la sua storia con Gabriel quando è ormai un adulto che si è lasciato alle spalle molti anni e molte decisioni, ma quell’incontro rappresenta per lui una sorta di spartiacque tra prima e dopo, un’epifania che gli ha permesso di vedere la sua vita con occhi diversi.

La storia, pur avendo al suo interno molti personaggi, è comunque molto circoscritta e gli altri personaggi, quando intervengono con la loro narrazione, sembrano quasi dei suoi cloni, tutti parlano allo stesso modo e solo l’indicazione di chi sta parlando permette di capire chi sia a raccontare in quel momento.

L’impressione generale che mi ha trasmesso la caratterizzazione dei personaggi è stata quella di poca profondità, di poca coerenza tra i pensieri e le azioni, di poca coerenza anche con le età riferite perché, anche se leggiamo di personaggi ventenni che frequentano l’università, ho avuto come l’impressione di leggere di personaggi molto più infantili e ingenui.

La storia poi, da circa la seconda metà in poi, cambia radicalmente prendendo un risvolto molto particolare, comprendendo altri personaggi e altre storie e rendendo il tutto molto caotico e confuso.

Quello però che ha influenzato maggiormente il mio giudizio è stata la forma di cui ho notato diverse criticità, alcune riconducibili a una scarsa conoscenze delle regole editoriali ma altre che rappresentano veri e propri errori: anzitutto l’uso improprio delle maiuscole nei dialoghi, uno sbagliato utilizzo delle d eufoniche e altri importanti errori che denotano poca cura del testo. Quello più grave però è la discordanza dei tempi verbali che ho notato molte volte e che ha disturbato la lettura.

Ho notato anche alcuni regionalismi che non risultano coerenti con la storia e con la caratterizzazione dei personaggi, i quali non usano per l’appunto un linguaggio dialettale e quei termini risultano quindi da un’influenza diretta dell’autore.

Complessivamente quindi un libro che, per quanto visivamente attraente per le illustrazioni che contiene, è ancora molto acerbo, sia per i contenuti che risultano caotici e senza un filo conduttore ben preciso che per la forma, la quale avrebbe bisogno di una revisione accurata.

 

 

 

Salva

Salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 giugno 2019 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: