Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “TAP OUT” – Serie Bannon’s Gym #3 – di Cat Grant – 6 Luglio 2019

TITOLO: Tap out
TITOLO ORIGINALE: Tap out
AUTORE: Cat Grant
TRADUZIONE: Mariangela Noto
SERIE: Bannon’s Gym #3
CASA EDITRICE: Triskell Edizioni
GENERE: Contemporaneo/Sportivo
E-BOOK:
PREZZO: € 4,99  su Amazon
PAGINE: 212
USCITA: 6 Luglio 2019
LIVELLO DI SENSUALITA‘: Medio Alto

TRAMA: Da bambino, Tom Delany aveva fatto del suo meglio per proteggere la madre dalla violenza di suo padre, ma il suicidio di lei l’ha tramutato in un uomo cauto e diffidente che porta ancora sulle spalle il peso della colpa. 
Alla Bannon’s Gym, Tom ha imparato a controllare la propria potenza e ha trovato l’amore con il collega di MMA, Travis Callagher. Eppure, Tom non riesce a compiere il passo successivo nella loro relazione. Non se la convivenza implica abbandonare Gloria, per lui una madre adottiva, malata terminale.

Quando il figlio di Gloria, Eddie, assume un infermiere disoccupato per prendersi cura di lei, Tom si trova a corto di scuse, ed è terrorizzato dall’idea che la sua famiglia surrogata lo stia buttando fuori di casa. La paura esplode in una violenta sessione di allenamento che lascia Travis col naso rotto e Tom sul punto di essere cacciato una volta per tutte dalla Bannon’s Gym.
Quando la tragedia lo colpisce, Tom comprende che non basteranno i pugni a soggiogare le sue paure, non ora che rischia di perdere tutto: la sua carriera come lottatore, la sua famiglia e l’uomo che ama.

 

Come avevo avuto modo di dirlo in occasione dell’uscita del secondo libro della serie, in questo caso torno a ripetermi: leggete, se possibile, i libri in sequenza altrimenti potrebbe risultare alquanto ostico seguire la storia senza conoscere le vicende antecedenti. Credo sia necessario leggere i due libri precedenti e non buttarsi direttamente su questo perché la scrittura dell’autrice non è esattamente lineare e ha costruito una storia molto corposa, con molti personaggi anche secondari e molte sotto-trame che non seguono una linea ben precisa.

In particolare questa serie è partita da due personaggi e si è arricchita man mano con altre storie e in tutti e tre i libri non sono solo i due protagonisti principali a essere presenti ma anche gli altri assumono un’importanza essenziale per le vicende che corrono parallele.

Questo terzo libro vede un punto di vista nuovo di un personaggio che era già presente nel libro precedente: l’ex di Travis, Aaron, interviene finalmente in veste di protagonista raccontando la sua vita tutta in salita dopo essere stato licenziato dall’ospedale in cui lavorava. Un licenziamento giustificato per le sue azioni, troppo gravi per poter passare sotto silenzio; nonostante quello e ciò che ha combinato ai danni del suo ex ragazzo, Travis trova comunque la forza di perdonarlo e lo spinge a frequentare la palestra di Eddie e Danny, anche per cercare di migliorare la sua salute dopo l’infortunio che ha dato il via a tutte le sue disavventure.

Aaron è un personaggio fragile per certi aspetti e forte per altri e anche se è pentito e sta cercando di fare il possibile perché le persone possano fidarsi ancora di lui, la sua strada è tutta in salita e deve fare i conti anche con Tom e la sua gelosia. Tom, d’altro canto, è un personaggio imprevedibile, scostante, con un grosso problema di autostima che gli fa credere che ogni piccolo cambiamento potrebbe portare alla sua estromissione dalla vita di quella famiglia acquisita che lo ha accolto come un figlio.

La relazione tra Tom e Travis è altalenante, anch’essa imprevedibile, influenzata da molti fattori e si caratterizza per una fragilità simile a quella dei personaggi; dei personaggi tormentati, inseguiti da un destino tutt’altro che benevolo e che non concede loro nemmeno un attimo di respiro.

Tornano anche Eddie e Danny anche se con una presenza minore ma che hanno la parte degli adulti responsabili, di guide per dei giovani smarriti.

Ancora una volta il libro si caratterizza per dei POV diversi attraverso cui è narrata la storia; il POV di Aaron in prima persona e i POV di Travis e di Tom in terza persona ma dopo aver letto i due libri precedenti, questo terzo libro risulta più facile da seguire e la storia più scorrevole.

Lo consiglio specialmente a chi ha seguito la serie fino a ora e si è affezionata a questi personaggi.

 

Salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 6 luglio 2019 da in Contemporaneo, Recensione, Romance, sportivo con tag , , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: