Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “IL LATO OSCURO DELLA LUNA” – Serie Cremisi #1 – di Sara Coccimiglio – 21 Ottobre 2019

TITOLO: Il lato oscuro della Luna
AUTORE: Sara Coccimiglio
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Paranormal
SERIE: Cremisi #1
E-BOOK:
PREZZO: € 2,99 su Amazon (Disponibile su Ku)
USCITA: 21 Ottobre 2019
LIVELLO DI SENSUALITA’: Medio Basso

TRAMA: Perché continuare a vivere quando tutto ciò per il quale devi vivere non c’è più?

È il giorno del suo ventitreesimo compleanno quando Tommaso si ritrova a guardare la città dal tetto di un palazzo di trenta piani. Non è possibile scegliere come ha inizio la propria vita, ma in alcuni casi è possibile scegliere come essa andrà a finire. E Tommaso, adesso, vuole essere il protagonista di tale scelta. Con questa sicurezza che lo anima, muove l’ultimo passo e si lascia cadere nel vuoto.
Shinobu non sa chi è quel ragazzo che, mentre il Duomo batte la mezzanotte, scavalca il cornicione sul tetto del palazzo più alto della città e si lancia nell’oscurità. Non sa come si chiama, né perché ha deciso di uccidersi. Tutto ciò che gli interessa è afferrarlo prima che si schianti al suolo.
Tommaso non riesce a capacitarsi di ciò che sta accadendo quando si accorge che qualcuno sta precipitando con lui. Quello che si trova davanti sembra un angelo, bellissimo ed intoccabile, oltre che desideroso di aiutarlo. Ma quando afferra la sua mano, accettando la sua proposta d’aiuto, capisce che l’uomo al quale ha appena affidato la propria vita ha ogni intenzione di portarlo con sé all’inferno.

 

WARNING: Contiene scene di violenza e sangue. È presente un CLIFFHANGER (interruzione brusca in corrispondenza di una scena culminante).

 

Tommaso è un giovane disperato e spezzato. È la mezzanotte del suo ventitreesimo compleanno quando decide di porre fine alle sue sofferenze, senza rimpianti e senza paura… fino a quando non si trova di fronte quello che ai suoi occhi appare come un angelo. Un uomo affascinante che non ha esitato a gettarsi nel vuoto insieme a lui e che con quegli occhi ammalianti sembra capace di leggergli dentro. Sente di aver trovato qualcuno in grado di capirlo e decide di tendergli la mano, inconsapevole che quel piccolo gesto sarà destinato a cambiargli la vita per sempre.

Appena iniziato questo libro mi sono sentita smarrita. Ci troviamo infatti di fronte a una scena straziante, sentiamo tutta la sofferenza di questo giovane e in pochi minuti iniziamo a provare un desiderio di protezione nei suoi confronti.

Tommaso si sveglia confuso e spaventato in una casa che non conosce e circondato da creature che nonostante l’aspetto umano si rivelano essere demoniache. È l’inizio di un viaggio che seguiamo passo passo con sempre più ansia e speranza. Tommaso è un suicida e l’idea della morte dovrebbe farlo sentire bene eppure… non è così. Il giovane non vuole andarsene, o almeno non per mano di esseri incapaci di empatia e per la prima volta decide di combattere, di ribellarsi a quel destino che sembra essere implacabile, scontrandosi contro quegli esseri spaventosi e soprattutto contro i ricordi dolorosi che la sua mente ha cercato di tenere sotto chiave.

Assistiamo quindi all’evoluzione del personaggio, rimanendo colpiti dalle emozioni che l’autrice è riuscita a trasmettere al lettore; per tutto il tempo ne sentiamo la disperazione, lo smarrimento e la speranza, arrivando a dimenticarci di essere all’interno di un romanzo,  provando paura, tristezza, ma anche la gioia per la riscoperta di qualcosa che sembrava dimenticato, il desiderio di vivere e lottare ogni giorno.

Tommaso è vivo e reale e perfettamente caratterizzato nelle sue mille sfumature, costantemente combattuto tra il desiderio di morire e quello di tornare a vivere e ogni suo gesto ci porta a legarci con lui e a condividere i suoi stessi sentimenti e paure. Un personaggio che mi ha colpito nel profondo, ma non l’unico. Dall’altra parte infatti troviamo “loro”, Shinobu e i suoi fratelli, creature infernali che siamo portati a odiare e a temere, almeno all’inizio.

Quando li ho visti comparire in scena per la prima volta temevo di trovarmi di fronte personaggi abbozzati e inseriti solo per aggiungere orrore all’orrore, vista la brevità dell’opera, e invece l’autrice ha dato un piccolo ruolo a ognuno di loro, facendo in modo che ogni gesto, seppur insignificante a prima vista, colpisca Tommaso nel profondo spingendolo a crescere. Personaggi tutt’altro che anonimi, Nines, Amond, Leto e i loro fratelli, che riescono a colpire e a farti affezionare nonostante la situazione paradossale, spingendo il lettore a interessarsi alla loro storia, al loro passato e a porsi non poche domande che si spera potranno trovare risposte nei prossimi libri.

Shinobu ne è un esempio lampante. Inizialmente odioso e antipatico, il classico cattivo ragazzo capace solo di tormentare la sua preda, in poco tempo ci appare come un ragazzo desideroso di qualcosa di più profondo. Pur temendo il contatto con Tommaso, e allo stesso tempo cercandolo disperatamente, Shinobu dimostra di essere lui stesso un concentrato di emozioni che ti spinge a interrogarti sulla sua razza, chiedendoti fino a che punto i vampiri come lui provino amore, fino a che punto siano disposti a sacrificare se stessi per riuscire a provare quelle emozioni umane.

Il rapporto tra Tommaso e Shinobu è meraviglioso perché si costruisce piano piano, spingendoti ad assaporare ogni conquista e il loro legame, che traspare tra le righe, seppur controverso e oscuro è ricco di sensualità, desiderio e complicità e questo mi ha tenuto incollata al libro fino alla fine. L’autrice è riuscita a donarci una storia intrigante riuscendo a emozionare e a far riflettere, con bei personaggi e una buona attenzione per i dettagli.

Ho apprezzato che l’autrice abbia avvertito della presenza di un cliffhanger, così ho potuto prepararmi psicologicamente, anche se proprio per questo sono partita un po’ prevenuta, ma nonostante questo mi sento caldamente di consigliare la lettura di questo libro. Ci troviamo di fronte un racconto scritto molto bene, con una buona caratterizzazione e con tempi narrativi eccellenti, un libro che permette di riflettere e di appassionarsi alla vicenda narrata e che affronta temi oscuri senza mai risultare banale.

Ho apprezzato l’erotismo che traspare e il fatto che seppur non ci siano momenti troppo espliciti riusciamo a sentire il desiderio in ogni pagina e la tensione costante tra i personaggi. Lo consiglio a chi ama le storie intriganti e che non si fa spaventare da un tono più dark e maturo, che apprezza quel tocco di proibito e non cerca solo una favola romantica. Un racconto ben scritto e interessante sotto tutti i punti di vista.

 

Salva

Salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 6 novembre 2019 da in Paranormal, Recensione, Romance con tag , , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: