Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “ASTRI NELL’ABISSO” – Serie Per aspera ad astra #1 – di Martina Koaluch Alice – Aprile 2020

TITOLO: Astri nell’abisso
AUTORE: Martina Koaluch Alice
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Conteporaneo YA
SERIE: Per aspera ad astra #1
PAGINE: 361
E-BOOK:
PREZZO: € 3,99 su Amazon (Disponibile su Ku)
USCITA: Aprile 2020
LIVELLO DI SENSUALITA’: Basso

TRAMA: La vita cambia drasticamente per Alec Callaway dopo l’incidente che l’ha costretto su una sedia a rotelle, scioccandolo a tal punto da indurlo ad accettare la sua invalidità come una punizione. Ciò che non sa, tuttavia, è che il peggio per lui deve ancora arrivare. Promesso a un’unione tra due famiglie molto influenti, si ritrova a dover dire definitivamente addio alla sua movimentata vita fatta unicamente di divertimento per rispondere all’obbligo di fidanzamento con Mya Brass; lo stesso accade a sua sorella, promessa sposa di Adam Brass.La famiglia Callaway si trasferisce, dunque, nella reggia dei Brass, e Alec fa la conoscenza dei due fratelli, che si rivelano del tutto differenti da come credeva: lei non è la ragazzina viziata che aveva immaginato; lui non è il pallone gonfiato che potrebbe far soffrire sua sorella. Ma ciò che lo sorprende maggiormente è il singolare modo di Adam di comprendere il suo stato d’animo e comportarsi di conseguenza, quasi come se gli leggesse nel profondo.

 

Questo libro mi ha un po’ destabilizzato in quando mi sono trovata tra le mani un prodotto eccellente sotto vari aspetti, che però non è riuscito a coinvolgermi come avrebbe potuto per un gusto puramente personale. Questo è un romanzo di formazione, una storia di crescita e cambiamento, di forza e lotta contro un destino avverso.

Alec Callaway è un ragazzo di buona famiglia, bello e invidiato da tutti, amato e corteggiato dalle ragazze, si sente il padrone del mondo e proprio per questo non esita a comportarsi come un bulletto arrogante, umiliando il prossimo a suo piacimento. Una piccola distrazione cambia per sempre la sua vita, un incidente lo sconvolge portandogli via l’uso delle gambe e la voglia di vivere. Alec per la prima volta si sente fragile e debole proprio come quelle vittime che si divertiva a deridere e tormentare. Si lascia guidare passivamente al punto di accettare le idee scellerate della madre, come quella di fidanzarsi con una sconosciuta solo perché di buona famiglia.

Alec si scontra con una nuova realtà incontrando Mya, la sua futura sposa, e Adam, il fratello di quest’ultima e promesso sposo della sua sorellina Iris. È per il giovane l’inizio di una battaglia, per riprendere in mano il suo destino, per riuscire a sottrarsi a quell’impegno imposto e finalmente ricominciare a vivere. Pagina dopo pagina veniamo accompagnati nel viaggio di Alec e abbiamo modo di confrontarci con la sua psiche e gli strascichi che il tremendo incidente hanno lasciato su di lui, cicatrici indelebili nel corpo e nello spirito che ci colpiscono nel profondo proprio perché vive, reali. Alec è un personaggio realistico e la scelta dell’autrice di dare spazio ai suoi pensieri decidendo di non inserire eventi eclatanti e da telenovela permettono di immedesimarsi ancora di più nell’intimità del ragazzo e in quella dei suoi amici.

Nonostante sia più giovane di lui, Adam, l’altro protagonista, dimostra fin da subito di essere un ragazzo gentile e coraggioso, educato nei modi e sempre rispettoso e con il suo modo di fare. Adam per Alec diventa un amico, un confidente e pagina dopo pagina assistiamo allo sviluppo di… qualcosa di più, un dolce sentimento ancora senza nome ma che è vivo e pieno di speranza. L’autrice riesce con uno stile curato nei dettagli a regalarci emozioni e sentimenti anche forti passando da momenti dolci e delicati ad altri strazianti ed emozionanti. Nonostante il protagonista sia per lo più Alec, abbiamo modo di conoscere anche gli altri personaggi e di apprezzare la loro caratterizzazione. È sicuramente inoltre apprezzata  la delicatezza con la quale l’autrice è riuscita a trattare il tema della disabilità, rendendo il personaggio realistico nei modi e per nulla patetico o ridicolo al lettore.

Un romanzo ben curato che preferisce dedicarsi alla psicologia dei personaggi, senza strafare, senza inserire elementi di disturbo presenti ahimè nella maggior parte degli Young Adult. Un romanzo che purtroppo, per via delle mie aspettative e per il mio carattere, non è riuscito a far completamente breccia nel mio cuore. Ci sono state infatti alcune cose che mi hanno infastidito prima fra tutte la scelta di inserire l’elemento del matrimonio combinato in un contesto attuale, un azzardo che ai più sicuramente farà piacere essendo atipico, ma che non ho ben compreso. Inoltre ho trovato il ritmo, seppur perfetto per la storia narrata, fin troppo lento nella prima parte e decisamente più rapido, forse pure troppo, nella parte finale.

Dei dettagli agli occhi di molti insignificanti ma che mi hanno spinto ad abbassare un po’ la valutazione. Mi rendo perfettamente conto che sono problemi legati a me, a una semplice  lettrice e che sicuramente non colpiranno la maggior parte delle persone che prenderanno in mano questo libro. Come opera infatti non è sicuramente brutta, anzi, il libro è ben fatto, ben scritto e ben strutturato, semplicemente mi aspettavo qualcosa di diverso. Spero con tutto il cuore tuttavia di poter leggere il sequel e di poter finalmente cambiare idea concentrandomi su altri elementi, conoscendo magari meglio altri personaggi, vedendo quel qualcosa in più che tanto desideravo. Fino ad allora lo consiglio? Assolutamente si. Nonostante la mia valutazione un po’ bassa credo che dobbiate dargli un’opportunità, sopratutto se siete persone che amano perdersi nella psicologia dei personaggi, nei loro pensieri e sentimenti, se amate un romanzo che non si basa esclusivamente sul lato carnale ma che anzi cerca di mostrare un lato più umano, più vivo, prediligendo l’amicizia e l’effetto che quest’ultima può avere sulle nostre vite, in quel caso sono assolutamente sicura che potrete amarlo, apprezzarlo e innamorarvi di Alec e dei suoi amici.

 

Salva

3 commenti su “RECENSIONE: “ASTRI NELL’ABISSO” – Serie Per aspera ad astra #1 – di Martina Koaluch Alice – Aprile 2020

  1. saphi5fm
    20 maggio 2020

    Mi piacerebbe leggerlo, ma puoi farmi un piccolo spoiler così eventualmente evito di comprarlo.. è un triangolo?un mmf?

    "Mi piace"

    • selvaggia
      20 maggio 2020

      Ciao, no non c’è nessun triangolo in realtà. Il libro si articola più sull’aspetto psicologico che sulle storie tra i protagonisti. Diciamo che ci sono due coppie, mm e mf… quale delle due prevarrà si saprà solo nel prossimo volume. Un abbraccio

      "Mi piace"

  2. Martina Koaluch Alice
    21 maggio 2020

    Ciao, ti ringrazio moltissimo della recensione, l’ho trovata davvero ben strutturata e sono stata felicissima di averla ricevuta! Ho impegnato tutta me stessa nello stendere e nel perfezionare Astri nell’Abisso, quindi mi fa infinitamente piacere sapere che ciò che volevo trasmettere è arrivato. Capisco perfettamente i tuoi dubbi e ti ringrazio anche per aver detto tutte quelle cose positive su Astri nonostante essi.
    Spero che il seguito, quando arriverà, ti piacerà ^_^

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: